Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

magnetotermici o sezionatori?

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

0
voti

[11] Re: magnetotermici o sezionatori?

Messaggioda Foto Utentejterrag » 3 lug 2020, 20:25

Anche se mettessi tipo un 30mA a monte e un 10mA a valle?
Se facessi contatto nell'ambiente col 10mA non dovrebbe scattare quello?
Avatar utente
Foto Utentejterrag
10 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 26 giu 2020, 11:37

0
voti

[12] Re: magnetotermici o sezionatori?

Messaggioda Foto Utenteguzz » 3 lug 2020, 20:54

In teoria si. In pratica non è detto.

Oltre al fatto che io ste cose le ho sempre trovate abbastanza inutili...
Almeno l'itagliano sallo...
Avatar utente
Foto Utenteguzz
3.806 3 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 2222
Iscritto il: 8 set 2011, 19:14
Località: Possagno (TV)

0
voti

[13] Re: magnetotermici o sezionatori?

Messaggioda Foto UtenteFranco012 » 3 lug 2020, 22:39

jterrag ha scritto:Anche se mettessi tipo un 30mA a monte e un 10mA a valle?

Se parliamo di interruttori differenziali, c'è da dire che:
  • I valori citati sono solo nominali. La norma per i costruttori prevede che un interruttore differenziale intervenga entro una gamma di valori che va da metà del valore nominale al valore nominale stesso. Quindi un differenziale da 10 mA può intervenire per valori effettivi che vanno da 5 mA a 10 mA, e uno da 30 mA nominali per valori effettivi da 15 mA a 30 mA.
  • Durante il tempo che intercorre tra il momento in cui un differenziale "si accorge" che è stata superata la corrente massima prevista e il momento in cui effettivamente interviene, passa tutta la corrente che deve passare, in base alla legge di Ohm. Quindi, se un contatto a massa provoca ad esempio il passaggio di 50 mA, i 50 mA attraverseranno entrambi gli interruttori differenziali da 10 mA e da 30 mA posti in serie, e il circuito verrà interrotto dal differenziale che interviene prima (= il più veloce), a prescindere dal valore differenziale nominale ed anche effettivo di ciascun interruttore. E' vero anche che la normativa prevede tempi massimi d'intervento diversi a seconda dell'intensità di corrente che passa, ma in questo caso vengono definiti solo i valori massimi, e da un costruttore all'altro ci possono essere differenze significative nei tempi d'intervento effettivi.
In definitiva, con una dispersione effettiva superiore ai 30 mA potrebbe benissimo intervenire il solo differenziale da 30 mA nominali.
Big fan of ƎlectroYou
Avatar utente
Foto UtenteFranco012
3.281 2 3 6
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1420
Iscritto il: 8 ago 2015, 19:40
Località: Sardegna

Precedente

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 22 ospiti