Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

UPS per alimentare un sotto-circuito

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago

0
voti

[1] UPS per alimentare un sotto-circuito

Messaggioda Foto Utentejterrag » 10 lug 2020, 17:54

Salve a tutti.
Supponiamo di avere un UPS abbastanza "sostanzioso" (tipo 2/3KVA con batterie esterne) e di voler avere la possibilita' di alimentare qualche sotto-circuito adeguato. Per adeguato intendo ad esempio il circuito delle luci, non uno a cui siano attaccati motori, tipo il frigo, o roba pesante tipo forni o scaldabagni ovviamente. Roba che l'UPS puo' gestire. E quando dico "avere la possibilita'" intendo che non voglio avere ad esempio il circuito luci che passi sempre dall'UPS ma voglio avere un commutatore manuale (tipo Bticino F62N32C o Gewiss GW96554) che mi permetta di passare dall'alimentazione main a quella dell'UPS e viceversa al momento del bisogno.

Dal punto di vista della centralina (alla quale arriverebbe anche la linea UPS oltre a quella esterna) come dovrei "posizionare" la linea UPS rispetto alla linea esterna.
Cioe', la linea esterna passa attraverso un magnetotermico e un differenziale (o due, come ho appreso recentemente) e a quel punto viene distribuita sui vari magnetotermici a monte di ogni sotto-circuito.
Per ogni sotto-circuito "papabile" per l'UPS pensavo di mettere semplicemente un commutatore subito a monte del magnetotermico di quel sotto-circuito e alimentare quel commutatore con la linea esterna e con la linea UPS.
C'e' qualcosa di sbagliato/mancante in un approccio del genere?
Avatar utente
Foto Utentejterrag
10 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 26 giu 2020, 11:37

0
voti

[2] Re: UPS per alimentare un sotto-circuito

Messaggioda Foto UtenteSediciAmpere » 11 lug 2020, 15:50

Di sbagliato no, è corretto (ovviamente ci vuole un magnetotermico in più dedicato alla ricarica dell'UPS), però io farei in un modo leggermente diverso: siccome un UPS del genere costa diverse migliaia di euro, usiamolo appieno: farei una linea "prese sotto UPS" costantemente sotto UPS alle quali collegherai il computer fisso, il modem, e altri dispositivi elettronici delicati, che non devono subire sbalzi di rete, microinterruzioni o che non possono essere spenti con mancanza di alimentazione.
Oltre a questa linea, farei una seconda linea "preferenziale" che in condizioni normali è alimentata dalla tensione di rete, ma in caso di mancanza di essa maggiore di tot secondi viene commutata automaticamente sull'UPS, questa alimentera' il frigo, le luci, le prese che alimentano luci e utilizzatori più gravosi per l'UPS, che non hanno problemi con i disturbi di rete ma che sarebbe poco pratico se rimanessero non alimentati a lungo
Le persone sagge parlano perché hanno qualcosa da dire.
Le persone sciocche perché hanno da dire qualcosa.
Avatar utente
Foto UtenteSediciAmpere
1.507 3 5 7
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1875
Iscritto il: 31 ott 2013, 15:00

0
voti

[3] Re: UPS per alimentare un sotto-circuito

Messaggioda Foto Utentejterrag » 11 lug 2020, 22:51

Si, si ci sara' anche la linea "sempre UPS" con i vari computer monitor switch modem ecc.
Ricapitolando, ci saranno un certo numero di linee

a) Una linea "sempre UPS". Subito a monte del MT di questa mettero' comunque un commutatore che stara' normalmente sulla posizione UPS. Tutto l'apparato UPS avra' comunque un bypass con uno switch a camme per passare dall'UPS "grosso" a magari uno piccolo di emergenza o corrente diretta. Ma il commutatore a monte della linea lo metterei comunque per isolare tutto l'apparato UPS in caso di interventi estesi.

b) Alcune linee "UPS manuali" anch'esse con i loro commutatori a monte dei rispettivi MT

c) La linea "temporizzata UPS" dedicata al frigo mi intriga pero' non sono sicuro di come l'UPS reagisca agli avvii del motore del frigo. Immagino dipenda sia dall'UPS che dal motore del frigo quindi l'unica e' provare e vedere che succede.

d) Le altre linee "mai UPS" senza i commutatori a monte dei rispettivi MT. Fra queste linee c'e' ovviamente la linea dedicata ad alimentare l'UPS

Due dubbi:
Se l'UPS e il frigo dovessero andare d'accordo e quindi la c) fosse possibile cosa dovrei usare per commutare in maniera temporizzata. So che esistono commutatori automatici ma automatici temporizzati? Suggerimenti specifici su cosa comprare sono molto graditi.

Un'altra cosa e' la necessita' o meno di mettere un differenziale sulla linea in uscita dall'UPS. Cioe' nella remota ipotesi di contatto con la linea in uscita dell'UPS, magari proprio quando non c'e' corrente esterna, che succede? Nelle specifiche degli UPS che non siano proprio infimi mi pare ci sia sempre una dispersione massima tollerata ma non sono sicuro che questo garantisca la stessa sicurezza di un differenziale.
Avatar utente
Foto Utentejterrag
10 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 26 giu 2020, 11:37

0
voti

[4] Re: UPS per alimentare un sotto-circuito

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 12 lug 2020, 7:37

jterrag ha scritto:
c) La linea "temporizzata UPS" dedicata al frigo


Ma ti può servire?
Il frigo/congelatore se ne può stare varie ore senza alimentazione prima che la temperatura salga troppo per la conservazione degli alimenti.
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
7.423 4 4 8
Master
Master
 
Messaggi: 2566
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

0
voti

[5] Re: UPS per alimentare un sotto-circuito

Messaggioda Foto Utentejterrag » 12 lug 2020, 15:35

Si, ogni frigorifero credo garantisca 12 se non 24 ore di mantenimento senza corrente.
L'UPS servirebbe a coprire il caso in cui nessuno e' in casa per qualche giorno e succede qualcosa di transiente che fa scattare qualche interruttore. Forse si potrebbe trattare anche con interruttori che si riarmino da soli.
Avatar utente
Foto Utentejterrag
10 2
 
Messaggi: 8
Iscritto il: 26 giu 2020, 11:37

0
voti

[6] Re: UPS per alimentare un sotto-circuito

Messaggioda Foto UtenteFranco012 » 12 lug 2020, 16:17

jterrag ha scritto: Forse si potrebbe trattare anche con interruttori che si riarmino da soli.

Io ho acquistato il BTICINO connesso, ma per pigrizia lo devo ancora installare:

BTICINO connesso.png
BTICINO G723SC.

Si tratta di un interruttore differenziale con riarmo da remoto, che in caso d'intervento, sfruttando il Wi-Fi di casa, invia una notifica tramite app ad un cellulare, dal quale è possibile decidere se e quando eseguire il riarmo.
Nel caso di guasti non permanenti ma ravvicinati nel tempo, è previsto un limite al numero di tentativi di richiusura, mentre nel caso di guasto permanente il riarmo non viene consentito, però viene inviata notifica in tal senso.
Big fan of ƎlectroYou
Avatar utente
Foto UtenteFranco012
3.281 2 3 6
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1420
Iscritto il: 8 ago 2015, 19:40
Località: Sardegna


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 23 ospiti