Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ricarica dalla rete di casa per auto ibrida plug-in.

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G

2
voti

[11] Re: Ricarica dalla rete di casa per auto ibrida plug-in.

Messaggioda Foto UtenteDanielex » 3 ago 2020, 16:24

Io la vedo così:
- serve linea dedicata (CEI 64-8 722.314) con interruttore MTD C16 30 mA tipo A. QUindi il tuo schema non è fruibile, la linea deve alimentare solo la presa dedicata alla ricarica del veicolo.
- parliamo, in ambito domestico, di un carico importante. Non accetterei mai un collegamento con linea da 1,5 mmq. Nemmeno l'uso continuativo di una presa shuko, come già accennato da Foto Utente6367.
Mi orienterei su linea da 4 mmq (risolvo tutti i problemi, compresa la caduta di tensione) e utilizzerei un prodotto tipo quello già citato sempre da Foto Utente6367.
Avatar utente
Foto UtenteDanielex
3.195 3 4 8
Master
Master
 
Messaggi: 2564
Iscritto il: 21 feb 2008, 18:18

0
voti

[12] Re: Ricarica dalla rete di casa per auto ibrida plug-in.

Messaggioda Foto UtenteFranco012 » 3 ago 2020, 16:45

Grazie per il contributo.
Il problema, come hai potuto constatare, non sono gli interruttori e le prese, la cui installazione/sostituzione non comporta problemi, ma il fatto che la linea elettrica attuale scorre in gran parte entro tubi corrugati annegati nel pavimento (in parte piastrellato, in parte cementato), per cui l'unica possibilità di sostituzione (senza importanti lavori di muratura) sarebbe data dall'utilizzo di una canalina esterna sul soffitto, che attraversi l'andito del condominio e il passaggio nel piano pilotis, soluzione che dal punto di vista estetico non è proprio il massimo. Se almeno altri condòmini fossero d'accordo, si potrebbe utilizzare per un buon tratto una condotta in comune, ma allo stato attuale... nessuno è interessato.
Big fan of ƎlectroYou
Avatar utente
Foto UtenteFranco012
3.451 2 3 6
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1488
Iscritto il: 8 ago 2015, 19:40
Località: Sardegna

2
voti

[13] Re: Ricarica dalla rete di casa per auto ibrida plug-in.

Messaggioda Foto UtenteDanielex » 3 ago 2020, 18:19

Capisco, però non sacrificherei questi fondamentali aspetti di sicurezza.

Valuta se è possibile infilare altri cavi in quel tubo corrugato sottopavimento (se è almeno da 20 mm qualche speranza c'è, potresti scendere a 2,5mmq di sezione eventualmente).
Infili una linea aggiuntiva con L,N e PE.
Altrimenti tubazione a vista e buonanotte, bello o brutto che sia.

Poi non sottovalutare l'aspetto VVF, chiedi all'amministratore se siete nell'ambito di un'attività soggetta al controllo dei VVF (autorimessa S>300 mq), perché in questo caso le cose cambiano drasticamente.
Se tu sottovalutassi questo aspetto è probabile che in fase di rinnovo del CPI il professionista antincendio ti faccia eliminare o adeguare l'impianto per la ricarica.
Avatar utente
Foto UtenteDanielex
3.195 3 4 8
Master
Master
 
Messaggi: 2564
Iscritto il: 21 feb 2008, 18:18

2
voti

[14] Re: Ricarica dalla rete di casa per auto ibrida plug-in.

Messaggioda Foto Utente6367 » 3 ago 2020, 20:07

Franco012 ha scritto:Grazie, vorrà dire che chiederò al costruttore del cavo informazioni tecniche più precise, ossia qual è la tensione al di sotto della quale il dispositivo considera inadeguata la tensione.


Al carichino non interessa un gran che (anche se potrebbe avere una protezione da sottotensione).
Casomai è il veicolo che potrebbe farei capricci se la tensione fosse troppo bassa (soprattutto se non è un progetto comune con Nord America).
Avatar utente
Foto Utente6367
19,7k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6282
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

1
voti

[15] Re: Ricarica dalla rete di casa per auto ibrida plug-in.

Messaggioda Foto UtenteFranco012 » 3 ago 2020, 20:12

Foto UtenteDanielex
Grazie per le informazioni.
Nei corrugati sottopavimento posto non ce n'è, in quanto (come riferito nel primo post) originariamente sono stati previsti per un unico collegamento dal contatore condominiale a tutte e tre le cantinette. Ho seguìto un po' i lavori di modifca tre anni fa, e mi ricordo che gli elettricisti dicevano che a fatica erano riusciti a far passare tre collegamenti al posto di uno nel medesimo tubo corrugato.
Per quanto riguarda le zone soggette al controllo dei VVF, non ce ne sono, in quanto i parcheggi delle auto sono tutti al piano pilotis (non ci sono piani interrati).

Foto Utente6367
Ho chiesto al servizio clienti Volvo. Il loro "carichino" ha una limitazione fissa della corrente di carica (10 ampere) e non è possibile limitarla ulteriormente. Inoltre, come hai già detto per le auto del gruppo Volkswagen, il carichino è consigliato solo per un uso occasionale.
Big fan of ƎlectroYou
Avatar utente
Foto UtenteFranco012
3.451 2 3 6
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1488
Iscritto il: 8 ago 2015, 19:40
Località: Sardegna

2
voti

[16] Re: Ricarica dalla rete di casa per auto ibrida plug-in.

Messaggioda Foto Utente6367 » 3 ago 2020, 20:15

Franco012 ha scritto:So che qualcuno potrebbe dire: "metti la presa e basta, se ti dicono qualcosa dì che ti serve per il caricabatterie", però voglio fare le cose per bene (devo pur presentare la dichiarazione di conformità all'amministratore del condominio, una volta ottenuto il permesso di effettuare la modifica), anche perché durante la ricarica il cavo è ben visibile da tutti i condòmini che passano di lì, e non si sa mai che qualche invidioso/rompiballe per natura (ci sono quelli che lo fanno "per mestiere") si metta a piantar grane, magari per il solo gusto di farlo.


Ci sono tre possibilità per fare le cose "per bene".

Una DiCo per una presa "qualunque" senza precisare lo scopo. Magari nessuno ti dice nulla.

Una DiCo per una presa installata secondo la sezione 722.

Una DiCo per una stazione di ricarica (modo 3 o modo 4) installata come 722. Tieni conto che se il luogo fosse soggetto a controllo VVF sarebbe proprio obbligatorio. A prescindere poi dai VVF, in Italia vale la "regola nazionale" (sia pure contestata e spesso non rispettata) del modo 3 (o 4) per la ricarica in luoghi non chiusi a chiave a terzi.
Avatar utente
Foto Utente6367
19,7k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6282
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

1
voti

[17] Re: Ricarica dalla rete di casa per auto ibrida plug-in.

Messaggioda Foto UtenteFranco012 » 3 ago 2020, 21:05

Beh, con l'ultimo intervento di Foto Utente6367 posso dire che adesso il quadro mi è molto più chiaro, e posso scegliere avendo a disposizione tutti i pro e contro.
Tutto sommato, sarei orientato alla wallbox (modo 3) in quanto:
  • con l'attuale fornitura ENEL (4,5 kW) mi posso permettere di delegare 3 o più kW alla ricarica, sia perché la ricarica avverrà presumibilmente di notte, sia perché ho il riscaldamento, acqua calda, fornelli e forno tutti funzionanti a gas, quindi di utilizzatori elettrici assetati di energia me ne rimangono ben pochi. E poi, c'è sempre la possibilità di passare ai 6 kW senza particolari aumenti nei costi di gestione;
  • posso comunque decidere l'intensità della ricarica entro una gamma piuttosto ampia;
  • non ho problemi di sicurezza dell'impianto, anche con un utilizzo prolungato;
  • non ho problemi di sicurezza per eventuali ragazzini curiosi del condominio che vanno a toccare dappertutto;
  • ho tutto pronto per un eventuale futuro acquisto di auto solo elettrica (prima o poi ci arriveremo);
  • se il condominio riesce a realizzare uno degli interventi definiti "trainanti" per il risparmio energetico (stiamo pensando alla coibentazione termica dell'edificio, aspettiamo solo il decreto attuativo che uscirà ad agosto - si spera), potrò usufruire, anche come singolo condòmino, del superbonus al 110% anche per la realizzazione dell'infrastruttura per la ricarica di veicoli elettrici.
Voglio ringraziare ancora tutti quelli che mi hanno dato informazioni e consigli.
Big fan of ƎlectroYou
Avatar utente
Foto UtenteFranco012
3.451 2 3 6
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1488
Iscritto il: 8 ago 2015, 19:40
Località: Sardegna

0
voti

[18] Re: Ricarica dalla rete di casa per auto ibrida plug-in.

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 3 ago 2020, 22:32

In effetti l'aspetto VVFF non è da sottovalutare, la mia linea viene sganciata dal pulsante di emergenza condominiale, ma ho avuto la fortuna di avere CPI condominiale da rifare, e quindi è stato fatto dopo la linea e non ho dovuto pagare adeguamenti
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
29,5k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 8140
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[19] Re: Ricarica dalla rete di casa per auto ibrida plug-in.

Messaggioda Foto Utente6367 » 4 ago 2020, 19:41

Franco012 ha scritto:
Ho chiesto al servizio clienti Volvo. Il loro "carichino" ha una limitazione fissa della corrente di carica (10 ampere) e non è possibile limitarla ulteriormente. Inoltre, come hai già detto per le auto del gruppo Volkswagen, il carichino è consigliato solo per un uso occasionale.


Volendo esistono innumerevoli "carichini" modo 2 regolabili dall'utente, e non è escluso che anche dall'auto si possa limitare la corrente di ricarica (ma molti costruttori ritengono questa funzione inutile se non dannosa).

10 A è normalmente considerato il limite di sicurezza per una presa domestica caricata a tempo indeterminato.
Ma si tratta ugualmente di un carico piuttosto elevato (più di 2000 W !) tra quelli domestici normalmente dotati di spina domestica.
Avatar utente
Foto Utente6367
19,7k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6282
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[20] Re: Ricarica dalla rete di casa per auto ibrida plug-in.

Messaggioda Foto UtenteSediciAmpere » 5 ago 2020, 8:55

Avete mai sentito che temperatura raggiungono una presa civile e un filo di 1,5 quando ci passano 10A in modo continuativo per diverse ore?
Io eviterei, a maggior ragione se è una cosa che deve funzionare tutte le notti, dopo qualche mese presa e spina diventano tutt'uno :D
Consiglio di cercare il modo di far passare una nuova linea partendo dal quadretto sotto-contatore e mettere una presa CEE 16A monofase (si trovano facilmente usate)
Le persone sagge parlano perché hanno qualcosa da dire.
Le persone sciocche perché hanno da dire qualcosa.
Avatar utente
Foto UtenteSediciAmpere
1.672 3 5 7
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1976
Iscritto il: 31 ott 2013, 15:00

PrecedenteProssimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 45 ospiti