Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Andamento tensione-corrente nella rete di distribuzione

Circuiti, campi elettromagnetici e teoria delle linee di trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica

Moderatori: Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteEdmondDantes

0
voti

[1] Andamento tensione-corrente nella rete di distribuzione

Messaggioda Foto UtenteStellaTriangolo » 19 ago 2020, 15:53

Ciao a tutti, ho un dubbio che mi assilla.
Come sappiamo il distributore ha la facoltà di regolare le tensioni sul trasformatore di cabina primaria. Ma se la tensione in uscita dalla CP diminuisce, la corrente totale assorbita dalla rete diminuisce proporzionalmente come recita la legge di Ohm, oppure aumenta?

A favore della prima tesi penso al fatto che la rete con le varie utenze possa essere ricondotta ad un'unica impedenza alimentata dal TR, per cui se aumento la tensione che la alimenta, dovrebbe aumentare proporzionalmente la corrente circolante in essa.

A favore della seconda ipotesi penso al principio di funzionamento delle macchine asincrone, le quali, se alimentate con una tensione leggermente inferiore, dovendo sviluppare lo stesso lavoro, assorbono più corrente.
Avatar utente
Foto UtenteStellaTriangolo
23 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 107
Iscritto il: 9 mar 2011, 19:33

0
voti

[2] Re: Andamento tensione-corrente nella rete dicara distribuz

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 19 ago 2020, 16:09

Devi considerare le impedenze delle linee che ridurrebbero la tensione secondo il carico delle varie utenze.
Un modello della rete permette di mantenere praticamente costante la tensione delle utenze.
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
55,3k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16540
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[3] Re: Andamento tensione-corrente nella rete di distribuzione

Messaggioda Foto UtenteStellaTriangolo » 19 ago 2020, 17:37

Forse ho formulato male la domanda. Io volevo solo capire cosa accade al valore della corrente se il distributore abbassa la tensione in uscita dalla CP. La corrente assorbita dalla rete aumenta o diminuisce? perché se ragiono pensando che la rete debba assorbire necessariamente sempre la stessa potenza allora I=P/V la corrente dovrebbe aumentare. Ma se ragiono pensando che la rete è come un'impedenza costante allora I=V/Z e la corrente dovrebbe diminuire.
Avatar utente
Foto UtenteStellaTriangolo
23 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 107
Iscritto il: 9 mar 2011, 19:33

1
voti

[4] Re: Andamento tensione-corrente nella rete di distribuzione

Messaggioda Foto Utentedavi82 » 19 ago 2020, 18:01

Secondo me dipende dai carichi: se prevalgono carichi resistivi allora la corrente diminuisce in conseguenza di un calo della tensione; se, al contrario, prevalgono carichi che mantengono la potenza di uscita costante allora, diminuendo la tensione assorbiranno più corrente (ad esempio gli alimentatori switching regolati che accettanno in ingresso solitamente tensioni tra 100 e 240 V).
Non saprei dire come sia distribuito il consumo tra gli utilizzatori della rete elettrica italiana... magari dipende anche dalle zone... se sono in montagna d'inverno dove prevalgono utilizzi di stufette elettriche a resistenza, magari siamo nel primo caso... se gli utilizzatori sono magari industrie con utilizzo di grandi inverters, magari siamo nel secondo caso...
Comunque sono solo ipotesi. Non ho dati da confrontare.
Avatar utente
Foto Utentedavi82
194 1 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 187
Iscritto il: 24 giu 2011, 0:09

0
voti

[5] Re: Andamento tensione-corrente nella rete di distribuzione

Messaggioda Foto UtenteStellaTriangolo » 19 ago 2020, 18:40

davi82 ha scritto:Secondo me dipende dai carichi: se prevalgono carichi resistivi allora la corrente diminuisce in conseguenza di un calo della tensione; se, al contrario, prevalgono carichi che mantengono la potenza di uscita costante allora, diminuendo la tensione assorbiranno più corrente (ad esempio gli alimentatori switching regolati che accettanno in ingresso solitamente tensioni tra 100 e 240 V).
Non saprei dire come sia distribuito il consumo tra gli utilizzatori della rete elettrica italiana... magari dipende anche dalle zone... se sono in montagna d'inverno dove prevalgono utilizzi di stufette elettriche a resistenza, magari siamo nel primo caso... se gli utilizzatori sono magari industrie con utilizzo di grandi inverters, magari siamo nel secondo caso...
Comunque sono solo ipotesi. Non ho dati da confrontare.

Ragionando sulla natura dei vari carichi avevo formulato la tua stessa teoria, che al momento, in assenza di altre risposte illuminanti ritengo possa essere la più valida. Addirittura in tal caso, con piccole variazioni di tensione potrebbe addirittura verificarsi che la corrente rimanga pressoché invariata.
Avatar utente
Foto UtenteStellaTriangolo
23 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 107
Iscritto il: 9 mar 2011, 19:33


Torna a Elettrotecnica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 16 ospiti