Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Semplice partitore di tensione

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utentecarloc

0
voti

[1] Semplice partitore di tensione

Messaggioda Foto Utentemarco77na » 11 set 2020, 0:25

Stavo pensando, ma perché nei libri quando si parla di un semplice partitore di tensione non si specifica mai che esso vale solo se i valori delle resistenze sono finiti? perché un circuito aperto è una resistenza infinita quindi se considero un generatore di tensione connesso a due resistenze in serie di cui quella connessa con un morsetto a massa ha valore infinito, quindi se facessi il partitore verrebbe V*inf/(inf + R1) quindi verrebbe fuori una forma indeterminata, in realtà se la seconda resistenza ha valore infinito al posto di questa c'è un circuito aperto, la corrente dentro non ci passa e quindi non passa neanche in R1 quindi non ho caduta di tensione su R1 e la tensione ai capi di R2 è uguale a V, quindi questo lo deduco dalla legge della tensione sulla maglia non dal partitore di tensione.,.il partitore funziona solo se entrambi i valori di R sono finiti, ma nessuno lo dice però.
Avatar utente
Foto Utentemarco77na
16 3
 
Messaggi: 49
Iscritto il: 12 apr 2015, 15:37

0
voti

[2] Re: Semplice partitore di tensione

Messaggioda Foto Utentelucaking » 11 set 2020, 7:56

Scusa se mi permetto ma a me questa sembra piu filosofia che elettrotecnica.
Se non ricordo male tutti i libri che ho consultato spiegano il partitore con la legge di ohm, la quale afferma che:
"la differenza di potenziale tra due punti di un conduttore è direttamente proporzionale alla corrente che scorre tra di essi"
da ciò mi verrebbe da dire che se non scorre corrente non ha senso parlare di differenza di potenziale.
Io la vedo così, prego i più esperti di correggermi se sbaglio.
Avatar utente
Foto Utentelucaking
1.093 2 5 8
Expert
Expert
 
Messaggi: 981
Iscritto il: 29 mag 2015, 14:28

1
voti

[3] Re: Semplice partitore di tensione

Messaggioda Foto Utentewruggeri » 11 set 2020, 8:04

marco77na ha scritto:ma perché nei libri quando si parla di un semplice partitore di tensione non si specifica mai che esso vale solo se i valori delle resistenze sono finiti?


Perché il mondo funziona secondo le leggi della fisica e non secondo regolette imparate a memoria, banalmente.
Rispondo solo a chi si esprime correttamente in italiano e rispetta il regolamento.
Se non conosci un argomento, non parlarne.
Gli unici fatti sono quelli dimostrabili, il resto è opinione.
Non sono omofobo, sessista, leghista o analoghe merdate.
Avatar utente
Foto Utentewruggeri
5.454 2 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1111
Iscritto il: 25 nov 2016, 18:46

2
voti

[4] Re: Semplice partitore di tensione

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 11 set 2020, 8:18

Qui non ci siamo proprio.
Non hai capito il concetto di quantità infinita, il problema non è elettrotecnico, ma concettuale, in questo caso.
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
80,5k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 10163
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

0
voti

[5] Re: Semplice partitore di tensione

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 11 set 2020, 8:32

Vedi qui
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
55,3k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16544
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

1
voti

[6] Re: Semplice partitore di tensione

Messaggioda Foto Utentemarco77na » 11 set 2020, 9:19

Ad esempio ho un generatore di tensione V con in serie R1 e R2 , R1 ha un valore fisso e finito, R2 è veriabile, faccio variare R2 e la porto ai valori estremi ma non infinito, per R2 grandissima effettivamente al limite la tensione su essa coincide con V, piu aumento R2 piu la tensione su essa tende a V. Ora fisso R2 e faccio variare R1, piu aumento R1 piu la tensione su R2 tende a 0 a limite per R1 infinito la tensione su R2 sarà sempre nulla qualunque sia R2, quindi questo bilancio delle tensioni descritto dal partitore di tensione funziona anche per valori limite, ovviamente questo tipo di ragionamento si ripete facendo variare sia R1 che R2, la forma indeterminata che scaturisce dalla fredda applicazione del partitore di tensione è normale che accada, ci vuole un'operazione al limite con eliminazione della forma indeterminata, accade anche nei limiti quando danno come risultato l'inaccettabile valore di una forma indeterminata, ma il partitore di tensione funziona anche con i valori limite di R1 e R2. Ieri ero stanco mentre pensavo a questa cosa:)
Avatar utente
Foto Utentemarco77na
16 3
 
Messaggi: 49
Iscritto il: 12 apr 2015, 15:37

0
voti

[7] Re: Semplice partitore di tensione

Messaggioda Foto Utenteadert » 13 set 2020, 9:02

Scusa ma un disegno per capirci meglio con fidocad?
Scopo principale della nostra vita , è dare prosieguo alla vita , come tutti gli esseri viventi fanno.
Avatar utente
Foto Utenteadert
172 1 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 191
Iscritto il: 19 apr 2014, 16:57

0
voti

[8] Re: Semplice partitore di tensione

Messaggioda Foto Utentestefanopc » 13 set 2020, 12:31

Il problema è affrontabile in due modi :
-Il modo filosofico
-il modo scientifico.
Il filosofo non si preoccupa di risolvere i problemi gli basta sapere che esistono.
Lo scienziato invece deve sempre arrivare ad una soluzione analitica e a un risultato.
Quindi per il filosofo esiste la resistenza infinita.
Per lo scienziato no, con lo strumento adatto qualsiasi resistenza si può misurare.
Avrà un valore di 999 YottaOhm che tende a infinito senza esserlo.
Forse in un forum tecnico scientifico questa discussione non troverà molto consenso.
Ciao
600 Elettra
Avatar utente
Foto Utentestefanopc
1.300 2 10
Expert
Expert
 
Messaggi: 346
Iscritto il: 4 ago 2020, 9:11

1
voti

[9] Re: Semplice partitore di tensione

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 13 set 2020, 12:32

Che cosa significa YottaOhm?
Che significa 999 YottaOhm che tende a infinito?

stefanopc ha scritto:Lo scienziato invece deve sempre arrivare ad una soluzione analitica e a un risultato.

Non direi, per fortuna. Se fosse cosi', andremmo in giro ancora con la clava, probabilmente.
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Non seguo il metodo Montessori.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
10,3k 8 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3103
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

0
voti

[10] Re: Semplice partitore di tensione

Messaggioda Foto UtenteIlGuru » 13 set 2020, 13:08

marco77na ha scritto:V*inf/(inf + R1) quindi verrebbe fuori una forma indeterminata


Peggio. In algebra, inf non è un numero, quindi la scrittura inf + numero non ha alcun senso.
\Gamma\nu\tilde{\omega}\theta\i\ \sigma\epsilon\alpha\upsilon\tau\acute{o}\nu
Avatar utente
Foto UtenteIlGuru
4.509 1 10 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1575
Iscritto il: 31 lug 2015, 23:32

Prossimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 50 ospiti