Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Campo elettrico in condizioni non stazionarie

Leggi e teorie della fisica

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtentePietroBaima, Foto UtenteIanero

0
voti

[1] Campo elettrico in condizioni non stazionarie

Messaggioda Foto Utentequapakko » 14 set 2020, 0:48

In condizioni non stazionarie il campo elettrico é non conservativo valendo la legge di Maxwell \vec \nabla \times \vec E= -\frac{d\vec B}{dt}. In tali condizioni, in un circuito permeato da tale campo elettrico scorre una corrente variabile nel tempo. Qual è il campo magnetico variabile da cui trae origine?
Avatar utente
Foto Utentequapakko
10 4
 
Messaggi: 39
Iscritto il: 5 ott 2018, 11:32

0
voti

[2] Re: Campo elettrico in condizioni non stazionarie

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 14 set 2020, 1:28

Specifica meglio la tua domanda. Non è molto chiara.
E poi dovresti anche definire la regione di spazio considerata.

Campo elettrico e campo magnetico sono due entità distinte solo in condizioni stazionarie.
In generale, invece, essi sono intimamente legate (dalle equazioni di Maxwell, appunto) e costituiscono le sei componenti dell'unico oggetto di interesse: il tensore elettromagnetico.
Purtroppo col sistema SI è difficile comprendere, anche a livello intuitivo, l'unicità dei due termini, in quanto campo elettrico e campo magnetico hanno unità di misura differenti.
In un vecchio sistema di unità di misura, detto gaussiano, le due grandezze sono omogenee e si misurano in dyne/statcoulomb. Pur rimanendo, di fatto, il problema fisico-matematico da affrontare, in questo sistema si riesce a intuire l'intimità dei due termini e l'esistenza del solo campo elettromagnetico.
In condizioni non stazionarie esiste solo il campo elettromagnetico e ognuno dei due termini implica l'altro.
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Non seguo il metodo Montessori.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
10,3k 8 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3102
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

0
voti

[3] Re: Campo elettrico in condizioni non stazionarie

Messaggioda Foto Utentequapakko » 14 set 2020, 10:14

Ok, mi spiego meglio. In regime stazionario la corrente elettrica costante nel tempo è sostenuta da una campo elettrostatico generato da una differenza di potenziale che il generatore mantiene costante. In regime non stazionario la corrente è sostenuta da un campo elettrico la cui circuitazione è data dalla legge di Mawell citata nel primo messaggio. Il campo magnetico variabile da cui ha origine risiede nel generatore? Oppure è in ogni punto del circuito? E in questo caso da cui ha origine?
Avatar utente
Foto Utentequapakko
10 4
 
Messaggi: 39
Iscritto il: 5 ott 2018, 11:32

0
voti

[4] Re: Campo elettrico in condizioni non stazionarie

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 14 set 2020, 20:25

Se non erro studi dal Mazzoldi, Nigro e Voci, no?
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Non seguo il metodo Montessori.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
10,3k 8 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3102
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

0
voti

[5] Re: Campo elettrico in condizioni non stazionarie

Messaggioda Foto Utentequapakko » 15 set 2020, 10:04

Sisi
Avatar utente
Foto Utentequapakko
10 4
 
Messaggi: 39
Iscritto il: 5 ott 2018, 11:32

0
voti

[6] Re: Campo elettrico in condizioni non stazionarie

Messaggioda Foto UtenteEdmondDantes » 15 set 2020, 17:27

In questo momento non ho il libro, ma c'è un intero capitolo sui campi variabili con vari esempi e note, oltre la teoria.
Il Conte di Montecristo

Se non studio un giorno, me ne accorgo io. Se non studio due giorni, se ne accorge il pubblico.
La scienza non è democratica e le sue leggi non si decidono per alzata di mano.
Non seguo il metodo Montessori.
Avatar utente
Foto UtenteEdmondDantes
10,3k 8 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3102
Iscritto il: 25 lug 2009, 22:18
Località: Marsiglia

0
voti

[7] Re: Campo elettrico in condizioni non stazionarie

Messaggioda Foto UtenteSimona99 » 17 set 2020, 14:20

quapakko ha scritto:Ok, mi spiego meglio. In regime stazionario la corrente elettrica costante nel tempo è sostenuta da una campo elettrostatico generato da una differenza di potenziale che il generatore mantiene costante. In regime non stazionario la corrente è sostenuta da un campo elettrico la cui circuitazione è data dalla legge di Mawell citata nel primo messaggio. Il campo magnetico variabile da cui ha origine risiede nel generatore? Oppure è in ogni punto del circuito? E in questo caso da cui ha origine?


Da quello che ricordo di fisica 2, ogni circuito ha dei componenti parassiti come le induttanze che non permettono alla corrente di arrivare subito al suo valore di regime quindi, almeno all'inizio nel tuo circuito scorrerà una corrente variabile ed assimilando il circuito come una spira avrai una variazione del flusso del campo magnetico che genererà una corrente indotta; quindi credo che tu possa vederlo come qualcosa che risiede in tutto il circuito
Avatar utente
Foto UtenteSimona99
25 1 3
 
Messaggi: 16
Iscritto il: 9 lug 2020, 14:04

0
voti

[8] Re: Campo elettrico in condizioni non stazionarie

Messaggioda Foto Utenteclavicordo » 17 set 2020, 18:23

In condizioni non stazionarie esiste solo il campo elettromagnetico e ognuno dei due termini implica l'altro.

In modo molto, molto grossolano ci si può un po' "familiarizzare" con i campi elettrico e magnetico dicendo che il primo "è" la tensione elettrica", mentre il secondo "è" la corrente elettrica.

Lo si può descrivere facilmente in condizioni stazionarie: nel modello semplificato che usiamo (troppo) spesso, sappiamo che se il circuito è aperto la corrente è nulla e quindi lo è anche il campo magnetico intorno al circuito, mentre il campo elettrico è quello generato dal generatore di tensione.

Se questo generatore è una batteria, scorre una corrente continua quando chiudo il circuito su un resistore: in questo caso il campo magnetico intorno al conduttore che collega il resistore a un polo della batteria è costante (come la corrente), mentre il campo elettrico all'interno del conduttore è nullo (perché il conduttore è ideale).

Se si esce dalle condizioni stazionarie, sappiamo che se varia la tensione, varia anche la corrente. E viceversa. Come dice il buon Edmond.
"Ogni cosa va resa il più possibile semplice, ma non ANCORA più semplice" (A. Einstein)
Avatar utente
Foto Utenteclavicordo
17,6k 6 11 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 1090
Iscritto il: 4 mar 2011, 14:10
Località: Siena

0
voti

[9] Re: Campo elettrico in condizioni non stazionarie

Messaggioda Foto UtenteGirogiro » 21 set 2020, 0:38

Volevo avvisare per gli autori del trend che le mie risposte che riguardavano questa discussione, senza
che l' abbia fatto io sono state spostate in quest' altra
https://www.electroyou.it/forum/viewtopic.php?f=14&t=82013
e quindi chiuse .. questo a completamento per a chi fossero semmai interessate...
Avatar utente
Foto UtenteGirogiro
116 1 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 287
Iscritto il: 20 gen 2020, 14:22


Torna a Fisica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti