Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

appassionati costruttori di radio AM

Telefonia, radio, TV, internet, reti locali...comandi a distanza

Moderatori: Foto UtenteMassimoB, Foto Utentejordan20

2
voti

[1] appassionati costruttori di radio AM

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 6 ott 2020, 19:43

Ho appena trovato questo sito francese di appassionati costruttori di radio in CW AM che replicano modelli storici. Le foto e gli schemi sono belli. Che pazzi !!

http://site.araccma.com

O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
7.613 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 3468
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[2] Re: appassionati costruttori di radio AM

Messaggioda Foto UtenteGirogiro » 7 ott 2020, 13:52

Tempo fa simulai un circuito a reazione per certi versi controreazionato
che manteneva pressoché costante i livelli di sensibilità e selettività massimi
del ricevitore, entro un molto ampio spettro di frequenze, variando solo la capacità
del circuito LC parallelo.
Ma quando si dice la vecchiaia non c' è più versi di ricordarmi come feci.

Allora stavo pensando di variare contemporaneamente il valore dell' induttanza e della capacità,
in modo che il rapporto C/L rimanesse più o meno costante e perciò altrettanto il fattore
di merito Q,accontentandomi funzionasse entro un più basso spettro di frequenze del precedente.

Vorrei partire realizzando un circuito LC a basso Q, ma mettendo un condensatore
molto grande rispetto all' induttanza, a solo esempio sui 10000-12000pf
(e forse di più) per 0.1-0.12mH

Non so se un risuonatore simile sia mai stato realizzato, con un qualche motivo :D , in un ricevitore del passato.

Insomma non capisco perché ma il vetusto ricevitore a reazione per andarsi a cercare dei
tentativi di solo perdi tempo, per me è sempre il più adatto e affascinante di tutti!
bhò

No ma forse è perché richiede poche saldature, ecco!
Avatar utente
Foto UtenteGirogiro
164 1 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 351
Iscritto il: 20 gen 2020, 14:22

0
voti

[3] Re: appassionati costruttori di radio AM

Messaggioda Foto UtenteGirogiro » 8 ott 2020, 17:27

In questa simulazione
https://postimg.cc/jC9cpHVh
del principio di un ricevitore a reazione, che qualora ripetiate,
voglio convincervi che mantenedo costante il rapporto C/l, ad esempio variando di un
dato percento sia la capacità che le due parti dell' induttanza,
il ricevitore manterrà le sue caratteristiche per un assai più ampio spettro di frequenze
Che variando soltanto la capacità

Nella simulazione, la reazione, assai critica e che ho tirato fin troppo,
la aggiusterete con il potenziometro
Provando a ripetere più simulazioni,
con diversi valori di L e di C, variati come ho premesso

E per un confronto variando soltanto la capacità C, per una stessa risonanza

Se qualcuno ci provasse mi faccia sapere!

Che quelli del passato non abbiano mai realizzato un condensatore
variabile ed una induttanza variabile che assieme, facessero
questa simmetria?
Avatar utente
Foto UtenteGirogiro
164 1 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 351
Iscritto il: 20 gen 2020, 14:22

0
voti

[4] Re: appassionati costruttori di radio AM

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 8 ott 2020, 17:39

Hai ragione.
Se aumentando la capacità aumenti anche l'induttanza, il Q del circuito rimane costante.
Ma variare l'induttanza in modo continuo è difficile (costoso).
Muovi un nucleo all'interno di una bobina, usi un variometro.
Un condensatore lo puoi variare nel rapporto da 1 a 10 (per esempio da 50 a 500 pF),per una escursione in frequenza di 1 a radicedi(10).
Forse l'induttanza la puoi variare solo di un rapporto minore.
O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
7.613 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 3468
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[5] Re: appassionati costruttori di radio AM

Messaggioda Foto UtenteGirogiro » 8 ott 2020, 20:37

Non credo avessero problemi ad accoppiare condensatori variabili ad induttanze variabili,
di cui si servivano proprio anche le primissime radio, quelle con manopola cordino ago
di sintonia e nucleo mobile della bobina, in un capolavoro di meccanica.

Un fai da te a Q (abbastanza) costante (a cui forse non pensavano se non altro in questo modo)
mi piacerebbe realizzarlo mettendo in serie all' albero di un aggeggio del genere
https://www.leradiodisophie.it/variometro.html
un condensatore variabile
Per una macchina infernale, un ricevitore a reazione con tanto di megavalvolone
ultra-primitivo corredato con antenna a telaio (che ben si addirebbe ad un sistema RX a reazione)
in filo cotonato :D
Avatar utente
Foto UtenteGirogiro
164 1 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 351
Iscritto il: 20 gen 2020, 14:22

0
voti

[6] Re: appassionati costruttori di radio AM

Messaggioda Foto UtenteEcoTan » 8 ott 2020, 21:04

Il ricevitore a reazione in teoria potrebbe raggiungere prestazioni elevatissime. Il motivo per cui la teoria si discosta dalla pratica è che lo stadio rivelatore (anche se talvolta integrato nello stesso componente attivo che genera la reazione) offre un carico non lineare quindi smorza la reazione non appena il segnale raggiunge un livello utile. Basandomi su tale ipotesi ho realizzato un ricevitore munito di stadio separatore, ottenendo risultati abbastanza piacevoli.
Avatar utente
Foto UtenteEcoTan
5.792 4 10 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3716
Iscritto il: 29 gen 2014, 8:54

1
voti

[7] Re: appassionati costruttori di radio AM

Messaggioda Foto UtenteGirogiro » 9 ott 2020, 8:17

La rivelazione non influenza la reazione basti pensare ad un sensibilissimo relé
del telegrafo messo sul drain per ricevere la CW e shuntato verso massa con un condensatore.
(io a volte usavo quel circuito come preamplificatore per un ricevitore più sordo messo vicino)

Il reazione dev' essere un ricevitore con un guadagno appena appena superiore ad uno,
dove penso il segnale faccia tanti passaggi attraverso il circuito LC
(ecco il nome moltiplicatore di Q), con ciò perdendo, ad ogni altro passaggio, la fase
nell' inseguimento con il segnale sul Source, e pertanto dopo un certo numero di passaggi
autoestinguendosi, aggiornandosi al prossimo valore ,
o che ne so! mi viene in mente un qualcosa di un po assimilabile al rinforzo dei suoni
nell'effetto del riverbero
https://blog.landr.com/it/che-cose-il-riverbero/

Pertanto moltiplicando il Q, le caratteristiche di selettività e sensibilità al variare
della sintonia, varierebbero proprio col variare del
Q=R\sqrt{\frac{C}{L}}=\frac{f0}{\Delta f}
, per il LC parallelo
(da qui la mia preoccupazione di mantenerlo costante)

Il ricevitore a reazione non sarà invece mai un buon ricevitore radio, subito subito perché
riceve contemporaneamente più tipi di modulazione (AM,FM,SSB), o che tende ad agganciare segnali
prossimi a quello sintonizzato se son forti,
o che come caratteristiche di rapporto segnale rumore non è il migliore, ma peggiore dei RX
a conversione, o inoltre con problemi d' instabilità
in frequenza ecc. ecc. Sempre così a naso.

Ai tempi d' oggi è un ricevitore per passatempo sempre con un suo fascino
inspiegabile, forse dal perché il primo in gioventù

A sintesi ripeto la criticità del fattore di merito Q che va mantenuto
costante al variare della sintonia! pena la perdita delle caratteristiche
del ricevitore! con il bisogno di aggiustamenti
Avatar utente
Foto UtenteGirogiro
164 1 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 351
Iscritto il: 20 gen 2020, 14:22

0
voti

[8] Re: appassionati costruttori di radio AM

Messaggioda Foto UtenteEcoTan » 9 ott 2020, 8:25

Grazie per le preziose spiegazioni. Purtroppo non faccio più in tempo a cancellare il mio messaggio visto che è sprecato.
Avatar utente
Foto UtenteEcoTan
5.792 4 10 13
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 3716
Iscritto il: 29 gen 2014, 8:54

0
voti

[9] Re: appassionati costruttori di radio AM

Messaggioda Foto UtenteGirogiro » 9 ott 2020, 10:49

EcoTan ha scritto:Grazie per le preziose spiegazioni. Purtroppo non faccio più in tempo a cancellare il mio messaggio visto che è sprecato.
:-|

Si si è proprio sprecato perché non mette nessun appiglio, e senza la teoria a quelle conclusioni con la pratica non si arriverebbe mai Ma poi tanto non ci faccio caso mica è la prima volta
Per chi invece volesse intervenire sul perché mettere o non mette una capacità molto alta e poi in parallelo ad una resistenza di basso valore, nel circuito LCR, per ora lo rimando alle prossime.
Avatar utente
Foto UtenteGirogiro
164 1 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 351
Iscritto il: 20 gen 2020, 14:22

0
voti

[10] Re: appassionati costruttori di radio AM

Messaggioda Foto UtenteGirogiro » 16 ott 2020, 11:22

Una domanda che volevo fare è sul come mai usando il circuito a reazione come preamplificatore,
di un ricevitore messo nelle immediate vicinanze , questo riceva in modo separato le modulazioni, per come le ho selezionate dal selettore AM, FM, oppure SSB

Mentre ricavando la modulazione direttamente dallo stadio a reazione, questo mi fa ascoltare, senza dover selezionare null' altro, tutte e tre le modulazioni dalla stessa uscita
Avatar utente
Foto UtenteGirogiro
164 1 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 351
Iscritto il: 20 gen 2020, 14:22

Prossimo

Torna a Telecomunicazioni

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 15 ospiti