Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Calcolo reattanze in regime sinusoidale......scolastico

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utentecarloc

0
voti

[11] Re: Calcolo reattanze in regime sinusoidale......scolastico

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 22 ott 2020, 11:23

lemure64 ha scritto:Meglio puntare a farlo giusto..... Fosse mio figlio gli direi di fare le cose nel modo giusto ....
Sono d'accordo, gli ho detto così anche io, ma si rischia un conflitto successivo.

E' capitato ad un mio cugino, è stato dato come errore un compito, per molto tempo, fino all'esame, quando in presenza di altri professori, non potendo affermare cose errate, l'errore è passato come corretto!

Va bene che bruci, se fai l'errore, ma è meglio ammetterlo, (tanto in questo caso non muore nessuno), piuttosto che volere a tutti i costi portare avanti ragioni su una cosa sbagliata.

Altra cosa che mi infastidisce, mi diceva mio figlio che eravamo gia a posto, se lui sapeva la cosa giusta e la prof la spiegava sbagliata, quindi gli chiesi, ma ad i tuoi compagni, non interessa se la cosa che gli è stata spiegata in realtà è sbagliata? Mi ha risposto di no, neanche i "secchioni"!

Mah!
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.554 3 7 9
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2910
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

0
voti

[12] Re: Calcolo reattanze in regime sinusoidale......scolastico

Messaggioda Foto Utentebanjoman » 22 ott 2020, 11:28

Voglio tirare a indovinare: scommetto che il prof in questione scrive pochissimo alla lavagna durante le spiegazioni (ammesso che ne faccia)...
Se funziona quasi bene, è tutto sbagliato. A.Savatteri/M.Mazza
Avatar utente
Foto Utentebanjoman
7.986 5 8 12
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1189
Iscritto il: 19 set 2013, 19:27

0
voti

[13] Re: Calcolo reattanze in regime sinusoidale......scolastico

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 22 ott 2020, 11:31

banjoman ha scritto:Voglio tirare a indovinare: scommetto che il prof in questione scrive pochissimo alla lavagna durante le spiegazioni (ammesso che ne faccia)...
Non saprei, devo chiedere.

perché questa sensazione?
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.554 3 7 9
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2910
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

2
voti

[14] Re: Calcolo reattanze in regime sinusoidale......scolastico

Messaggioda Foto Utentebanjoman » 22 ott 2020, 11:36

Beh, se durante le spiegazioni scrivesse o facesse degli esempi di calcolo alla lavagna, l'errore si evidenzierebbe da solo, grande come una casa.
Succedesse una volta, puo' dire che e' un lapsus, o la stanchezza (a chi non capita d'altronde?), cancella la castroneria e prosegue, e tutto finisce li'.
Scrivere alla lavagna durante le spiegazioni non aiuta solo gli studenti, ma anche chi spiega: visualizza e tiene traccia del discorso, e aiuta a mantere il filo logico dei ragionamenti.
Se funziona quasi bene, è tutto sbagliato. A.Savatteri/M.Mazza
Avatar utente
Foto Utentebanjoman
7.986 5 8 12
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1189
Iscritto il: 19 set 2013, 19:27

1
voti

[15] Re: Calcolo reattanze in regime sinusoidale......scolastico

Messaggioda Foto Utentelemure64 » 22 ott 2020, 11:37

lelerelele ha scritto:Va bene che bruci, se fai l'errore, ma è meglio ammetterlo, (tanto in questo caso non muore nessuno), piuttosto che volere a tutti i costi portare avanti ragioni su una cosa sbagliata.
Mah!


In paesi come il nostro di sangue "latino" c'è normalmente un po' di torto da entrambe le parti. Fossimo in Scandinavia o in Canada già sarebbe tutto più semplice. Ma da noi l'esordio classico è "professore lei ha sbagliato", magari non con le esatte parole ma l'esordio è spesso questo. L'amor proprio è importante anche per il professore più incapace, è una delle componenti umane basilari per chiunque e se ne deve tenere conto. Nella didattica esiste la tecnica sandwich che funziona bene: un esordio di complimenti (professore, so che è in gamba, mio figlio e i suoi amici me lo dicono sempre) poi il boccone amaro (però volevo parlare con lei di un problema, potrebbe esserci stato un errore nel testo esercizi?) e infine rafforzamento della gratificazione (sono certo che con lei posso parlarne perché le sue qualità eccetera eccetera). Chiaramente occorre un equilibrio sull'assertività senza cadere né nell'adulazione né nella sconfitta dato che si è dalla parte della ragione. Ma questo compromesso si riesce a trovare quasi sempre. Penso che se in paesi come il nostro ci fosse maggiore attenzione a non imporre la propria opinione (e non mi riferisco ovviamente a questo topic né a te) tante cose andrebbero meglio.

Ovvio: se manco con il sandwich il docente accetta l'errore si passa ai piani B, C, etc.

Altra cosa che mi infastidisce, mi diceva mio figlio che eravamo gia a posto, se lui sapeva la cosa giusta e la prof la spiegava sbagliata, quindi gli chiesi, ma ad i tuoi compagni, non interessa se la cosa che gli è stata spiegata in realtà è sbagliata? Mi ha risposto di no, neanche i "secchioni"! Mah!


La capacità critica è sempre stata merce rara e soprattutto la definizione di "secchione" non è univoca. Io sono stato fortunato perché macchine da guerra che macinavano solo nozioni ne ho incontrati pochi, invece molti "secchioni" delle classi in cui sono stato riflettevano sulle cose e poi hanno sempre avuto un bel successo professionale, e sono stati esempi da apprezzare (non dico seguire perché ho capito il loro valore troppo tardi). Forse tuo figlio è capitato non troppo bene nella classe di ora.
Avatar utente
Foto Utentelemure64
260 1 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 180
Iscritto il: 23 giu 2020, 12:26

1
voti

[16] Re: Calcolo reattanze in regime sinusoidale......scolastico

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 22 ott 2020, 11:47

banjoman ha scritto:Beh, se durante le spiegazioni scrivesse o facesse degli esempi di calcolo alla lavagna, l'errore si evidenzierebbe da solo, grande come una casa.
Io la vedo difficile, perché gli scolari non sapendo di cosa si tratta non sono in grado di farlo.

Nel mio caso è successo, più di una volta, ma il mio caso era diverso, mi sono letto tutto il libro di elettrotecnica prima di iniziare la 1a classe, (e parallelamente ho fatto un corso online), quindi sapendo cio di cui parlava, ero facilitato ad avere dubbi o certezze.


lemure64 ha scritto:La capacità critica è sempre stata merce rara e soprattutto la definizione di "secchione" non è univoca.... Forse tuo figlio è capitato non troppo bene nella classe di ora.
Sono abbastanza soddisfatto di lui, certo che limare qualche ora di playstation ed usarle per qualche altra cosa, non mi dispiacerebbe.

Saluti.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.554 3 7 9
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2910
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

3
voti

[17] Re: Calcolo reattanze in regime sinusoidale......scolastico

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 22 ott 2020, 12:37

lelerelele ha scritto:
PietroBaima ha scritto:Fai l’analisi dimensionale della prima formula del tuo post.

Bella domanda......ci provo.

Xc[ohm]
-j lo posso vedere nel quadrante basso del grafico, quindi sfasato 90°.....(devi scusare la mia ignoranza) :(
omega pulsazione....[s]
C [Farad]

spero.

Quasi :D
La formula da analizzare è X_C=\text{j}\omega C
Applichiamo l’operatore [] (dimensione di) ad entrambi i membri e utilizziamo la proprietà

[a \cdot b]=[a] \cdot [ b]

Quindi

[X_C]=[\text{j}][\omega] [C]

sappiamo che X_C si esprime in \Omega, quindi anche il secondo membro deve essere espresso con la stessa unità di misura.

Dobbiamo quindi comprendere quali siano le unità di misura di
\text{j}, \omega e C.


j

    Sappiamo che \text{j}^2=-1: applichiamo l’operatore “dimensione di” a questa formula:

    [\text{j}]^2=[-1]

    -1 è adimensionale, che implica che anche j lo sia. j è quindi adimensionale.

omega

    Sappiamo che \omega=2 \pi f
    Quindi

    [\omega]=[2] [\pi] [f]

    2 e pi greco sono numeri, quindi sono adimensionali, mentre la frequenza è l’inverso di un tempo.
    Quindi
    [\omega]=s^{-1}

    e anche omega è a posto.

C
    Una capacità si misura in farad, ma cosa sono i farad? :D
    Partiamo dalla formula Q=C \cdot V
    al solito

    [Q]=[C] \cdot [V]

    I coulomb sono ampere per secondo, la tensione V si misura in volt e C (farad)... non lo sappiamo ancora.
    Quindi
    A\cdot s=[C] \cdot V

    da cui

    \frac{A}{V}\cdot s=[C]
    ampere su volt sono l’inverso di una resistenza, cioè una conduttanza, che si misura in siemens

    in definitiva

    [C]=\text{S} \cdot s

    abbiamo scoperto che i farad altro non sono che siemens per secondo.

mettiamo tutto insieme nella formula sospetta:

[X_C]=[\text{j}][\omega] [C]

\Omega=1 \cdot \frac{1}{s} \cdot \text{S} s

cioè

\Omega= \text{S}

La formula non può essere corretta.
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
80,7k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 10210
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

1
voti

[18] Re: Calcolo reattanze in regime sinusoidale......scolastico

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 22 ott 2020, 12:53

Certo Foto UtentePietroBaima che la classe non è acqua.... direi di averla capita, scovando ricordi molto lontani, non ricordavo che dimensionalmente il farad fosse siemens/secondo, non ci lavoro su da un bel po'.

Comunque spiegazione ineccepibile, la formula è sbagliata!

Grazie.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.554 3 7 9
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2910
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

0
voti

[19] Re: Calcolo reattanze in regime sinusoidale......scolastico

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 22 ott 2020, 12:54

lelerelele ha scritto:non ricordavo che dimensionalmente il farad fosse siemens/secondo

Ti ringrazio per i complimenti, ma direi che devi continuare a non ricordarlo.
I farad sono siemens*secondo :mrgreen:
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
80,7k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 10210
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

0
voti

[20] Re: Calcolo reattanze in regime sinusoidale......scolastico

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 22 ott 2020, 12:59

PietroBaima ha scritto:
lelerelele ha scritto:non ricordavo che dimensionalmente il farad fosse siemens/secondo

Ti ringrazio per i complimenti, ma direi che devi continuare a non ricordarlo.
I farad sono siemens*secondo :mrgreen:

bello! :mrgreen:
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.554 3 7 9
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2910
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

PrecedenteProssimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 69 ospiti