Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

filo stagno vecchio

Aggiornamenti, orientamento, lavoro, attività professionali, riviste, libri, strumenti EY, Tips and tricks, consigli e pareri generici

Moderatore: Foto Utenteadmin

1
voti

[61] Re: filo stagno vecchio

Messaggioda Foto Utentelodovico » 18 nov 2020, 13:29

edgar ha scritto:
lodovico ha scritto:ora il problema e' trovare bulloncini, dadi, rondelle spaccate, rondelle piane etc senza spendere un capitale

In ferramente te la cavi con qualche euro


grazie, si per quelle normali di acciaio,
invece qui non so se Foto Utentesetteali intendeva qualcosa di diverso

guardando nel cassetto ho trovato una scatoletta con roba di questo tipo... che non ricordo da dove viene...

IMG_20201118_120521-1024x1365.jpg


ho provato a scartavetrare una delle barrette, sembrano di rame massiccio (e pesante)
sono spesse 3 mm , larghe 12 e lunghe 50

IMG_20201118_120444-1024x1365.jpg


poi ho quelle viti di cui una si vede in foto... diam 6 e lunga 38 ...anche questa color rame, suppongo sia di rame massiccio...

IMG_20201118_122411-1024x1365.jpg


e ci sono anche le rondelle spaccate...

magari posso riciclare questa roba? sara' proprio rame? magari qualcuno con esperienza (Foto Utentesetteali?) vedendo i pezzi riesce a capire la loro origine... io posso solo aggiungere che si tratta di roba mooolto vecchia ... secoli :D .. e che viene da qualcosa smontata dal mio cascinale, dove c'era anche una cabina elettrica con vari quadri elettrici... chissa'

quasi quasi invece della lastrina di rame che avevo acquistato con l'intenzione di saldarci su la roba, uso quei bulloncini ed impilo tutti i capicorda , e stringo il tutto con un dado ( e rondella spaccata)... e non saldo niente...

in ogni caso per riciclarla mi serve sicuramente un disossidante...
Avatar utente
Foto Utentelodovico
2.165 3 4 6
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2318
Iscritto il: 24 feb 2014, 12:54

0
voti

[62] Re: filo stagno vecchio

Messaggioda Foto Utenteedgar » 18 nov 2020, 14:04

lodovico ha scritto:in ogni caso per riciclarla mi serve sicuramente un disossidante...

Acido muriatico oppure aceto e sale (un classico per il paiolo della polenta). Al secondo va aggiunto un po' di olio. Di gomito :mrgreen:
Avatar utente
Foto Utenteedgar
7.017 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3570
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

0
voti

[63] Re: filo stagno vecchio

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 18 nov 2020, 14:28

Con l'acido muriatico non occorre l'olio di gomito solo occorre molta prudenza... ma per uno che non ricordo per cosa aveva prospettato di fare esperimenti col nitrati di ammonio [-X l'acido muriatico è acqua fresca :mrgreen:
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
16,1k 4 6 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 11372
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

0
voti

[64] Re: filo stagno vecchio

Messaggioda Foto Utentelodovico » 18 nov 2020, 15:40

claudiocedrone ha scritto:Con l'acido muriatico non occorre l'olio di gomito solo occorre molta prudenza... ma per uno che non ricordo per cosa aveva prospettato di fare esperimenti col nitrati di ammonio [-X l'acido muriatico è acqua fresca :mrgreen:

vedo che hai buona memoria :D ... avevo acquistato tutto ma alla fine non l'avevo usato ... mai aperto niente, il materiale sta ancora tutto li.
Detto cio, quello vi sembra rame? come faccio ad accertarmene?
posso testare peso specifico, facendo il rapporto peso/volume , e resistenza con multimetro (ma non so se misura anche quando e' estremamente bassa) e vedere se corrisponde con quello del rame...
Avatar utente
Foto Utentelodovico
2.165 3 4 6
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2318
Iscritto il: 24 feb 2014, 12:54

0
voti

[65] Re: filo stagno vecchio

Messaggioda Foto Utentelodovico » 18 nov 2020, 15:41

edgar ha scritto:
lodovico ha scritto:in ogni caso per riciclarla mi serve sicuramente un disossidante...

Acido muriatico oppure aceto e sale (un classico per il paiolo della polenta). Al secondo va aggiunto un po' di olio. Di gomito :mrgreen:

acetone andra' bene?
e l'idea di unire i cavi impilando i capicorda sul bulloncino (ovviamente uno per i positivi e uno per i negativi) secondo voi puo andare?
questa soluzione mi renderebbe piu facile eventuali aggiunte di altri dispositivi...
il bulloncino e' diametro 6, quindi sono circa 30mmq , che dovrebbe garantire una portata notevole, se di rame...
Avatar utente
Foto Utentelodovico
2.165 3 4 6
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2318
Iscritto il: 24 feb 2014, 12:54

1
voti

[66] Re: filo stagno vecchio

Messaggioda Foto Utentesetteali » 18 nov 2020, 17:18

Ciao,
starti dietro non è semplice, basta voltare la testa che ti ritrovo Foto Utentelodovico con un nuovo post :D :D

> come riconoscere il rame :
- è molto pesante, non è magnetico, intaccandolo con una lima non suona e la tacca deve essere del solito colore/materiale.
> come pulire il rame : ti è già stato detto e l'acido muriatico è facile da avere, io uso anche per altri trattamenti, l'acido fosforico, si trova in ferramenta in contenitori da 1 l. e lo chiamano fosfatante, serve a togliere la ruggine dal ferro, lo ritengo molto valido e non rilascia fumi nocivi come l'acido muriatico.
> usare una basetta per i collegamenti, si usare una barretta di rame è l'ideale, ma non impilerei tanti capocorda su un bulloncino, andresti a sommare la piccola resistenza che si forma tra i contatti, se hai 4 capocorda, fai 4 fori e usi 4 bulloncini.
>Come fare la basetta:
-una barretta di rame di almeno 3 mm lunga a sufficienza che ci stiano i capocorda + 1 ( evenienza) e un po' di spazio.
-bulloncini in rame è difficilissimo da trovarli, li puoi trovare in ottone compreso le rondelle piane, le rondelle spaccate solo in acciaio :-) , io però preferirei usare dei bulloncini e rondelle piane e dadi di acciaio inox perché si stringono con più forza, tanto il trasferimento ci corrente maggiore è nelle facce del capocorda ed essendo di rame si modella abbastanza sulla barretta di rame.
Vediamo se ti ho risposto a tutto O_/
Alex
https://www.facebook.com/Elettronicaeelettrotecnica
Il Mercatino di EY
<< vedi di pigliare arditamente in mano, il dizionario che ti suona in bocca,
se non altro è schietto e paesano.
(Giuseppe Giusti) <<
Avatar utente
Foto Utentesetteali
7.545 5 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3935
Iscritto il: 15 dic 2013, 21:09

1
voti

[67] Re: filo stagno vecchio

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 18 nov 2020, 18:44

Con chi cerca di partecipare al premio Darwin effettivamente ho buona memoria :mrgreen:
Per l'acetone, in questo caso è assolutamente inutile; ad ogni cosa il solvente appropriato e come decapante per il rame ti è già stato detto cosa usare. O_/
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
16,1k 4 6 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 11372
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

1
voti

[68] Re: filo stagno vecchio

Messaggioda Foto Utentelodovico » 18 nov 2020, 18:59

grazie Foto Utentesetteali/Foto Utenteclaudiocedrone,
ho solo le barrette che ti ho mostrato in foto, che hanno gia 4 fori
spessore 3mm va bene, larghezza 12 e lunghezza 50

IMG_20201118_120444-1024x1365.jpg


ad ogni barretta devo collegare almeno 8 capicorda,
perche' ho 6 motori e 2 batterie.
considerando che la barretta ha 2 facce, gli 8 capicorda ci stanno.

poi c'e' spazio per fare un buchino in mezzo per accessori (altri due posti)

cosa ne pensi?
in questa configurazione, dove collegheresti (i positivi/negativi de) le 2 batterie? agli estremi della barretta o in mezzo?

tutto cio ovviamente se le barrette sono in rame...
prima che mi rispondessi ho provato a immergere tutto in:
- acetone
- solvente nitro
- acqua ragia
ma senza il minimo risultato, come si vede:

IMG_20201118_172915-1280x960.jpg


acido muriatico non ce l'ho, ho solo:
- ammoniaca concentrata 32%
- acido cloridrico concentrato 30%
- soda caustica

IMG_20201118_174007-1280x960.jpg


acido cloridrico non va bene?

in ogni caso, questo mi serviva per disossidare il bulloncino in rame ... se invece possono bastare quelli in acciaio, per le barrette posso procedere con la normale cartavetro, e lasciare perdere gli acidi.
Ultima modifica di Foto Utentelodovico il 18 nov 2020, 19:12, modificato 2 volte in totale.
Avatar utente
Foto Utentelodovico
2.165 3 4 6
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2318
Iscritto il: 24 feb 2014, 12:54

1
voti

[69] Re: filo stagno vecchio

Messaggioda Foto Utentepusillus » 18 nov 2020, 19:05

L'acido cloridrico e acido muriatico sono la stessa cosa.
Se è al 30% conviene diluirlo un po'
Immagine
https://github.com/ScarsFun
“Non è morto ciò che può vivere in eterno,
E in strani eoni anche la morte può morire.”
Avatar utente
Foto Utentepusillus
2.382 1 5 11
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 795
Iscritto il: 5 mar 2016, 15:19
Località: Latina

1
voti

[70] Re: filo stagno vecchio

Messaggioda Foto Utenteedgar » 18 nov 2020, 19:05

lodovico ha scritto: acido cloridrico non va bene?

L'acido muriatico è acido cloridrico a concentrazione intorno al 10% / 15%
Avatar utente
Foto Utenteedgar
7.017 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3570
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

PrecedenteProssimo

Torna a Informazioni varie più o meno utili

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti