Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Guasto diodi eccitatrice brushless

Trasformatori, macchine rotanti ed azionamenti

Moderatori: Foto Utentefpalone, Foto Utentemario_maggi, Foto UtenteSandroCalligaro

0
voti

[11] Re: Guasto diodi eccitatrice brushless

Messaggioda Foto UtenteAlessandro1971 » 24 nov 2020, 11:42

Ciao, aggiungo qualche info, per vedere se in qualche modo possa contribuire alle cause di guasto.
Il cosfi totale di impianto è bassino (la macchina eroga nella rete di impianto e poi cede in rete) , l'eccitazione, quando la macchina è a pieno carico riesce a tenere il cosfi in generazione a valori elevati (oltre 0.96-98), a bassi carichi invece non riesce a raggiungere valori ottimali (sotto il 0.9) . Ovviamente dipende dagli autoconsumi con elevati assorbimenti induttivi che diventano determinanti quando la potenza generata è ridotta.
Questo mi farebbe pensare che anche in condizioni normali ed a pieno carico l'eccitazione è già vicino ai valori massimi e deve generare anche parecchia energia reattiva, il che potrebbe aver ripercussioni in caso di brusco distacco dalla rete quando un guasto sulla rete ext fa aprire gli interruttori di trafo e macchina. E' corretto?
Avatar utente
Foto UtenteAlessandro1971
0 2
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 12 nov 2020, 18:36

0
voti

[12] Re: Guasto diodi eccitatrice brushless

Messaggioda Foto Utentefpalone » 24 nov 2020, 17:47

Alessandro1971 ha scritto:il che potrebbe aver ripercussioni in caso di brusco distacco dalla rete

ciao Foto UtenteAlessandro1971,
l'eccitatrice a diodi rotanti non può fornire una tensione di ceiling negativa; di conseguenza la perdita di carico è uno degli eventi più fastidiosi da gestire, in quanto la corrente di eccitazione continua a fluire per un tempo maggiore e causa delle sovratensioni più prolungate sul circuito di statore.

Più alta la corrente di eccitazione prima dell'evento, più alta sarà il flusso e la tensione sulla macchina dopo la perdita di carico.
Meno è rapido il sistema di regolazione della velocità, più alta sarà la tensione indotta sugli avvolgimenti di rotore(dall'eccitatrice rotante) e di statore.

Questi effetto in teoria si ripercuotono però più sul circuito statorico, molto meno sul circuito rotorico.
Potrebbe essere invece che il guasto sulla rete esterna abbia provocato la circolazione di correnti importanti sull'avvolgimento di eccitazione (e quindi anche sui diodi), danneggiandoli di conseguenza.
Di che eventi si tratta? Sono corto-circuiti dissimetrici?
Avatar utente
Foto Utentefpalone
14,1k 5 7 11
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2714
Iscritto il: 26 dic 2007, 17:46
Località: roma

0
voti

[13] Re: Guasto diodi eccitatrice brushless

Messaggioda Foto UtenteAlessandro1971 » 25 nov 2020, 12:38

fpalone ha scritto:
Alessandro1971 ha scritto:il che potrebbe aver ripercussioni in caso di brusco distacco dalla rete

ciao Foto UtenteAlessandro1971,
l'eccitatrice a diodi rotanti non può fornire una tensione di ceiling negativa; di conseguenza la perdita di carico è uno degli eventi più fastidiosi da gestire, in quanto la corrente di eccitazione continua a fluire per un tempo maggiore e causa delle sovratensioni più prolungate sul circuito di statore.

Più alta la corrente di eccitazione prima dell'evento, più alta sarà il flusso e la tensione sulla macchina dopo la perdita di carico.
Meno è rapido il sistema di regolazione della velocità, più alta sarà la tensione indotta sugli avvolgimenti di rotore(dall'eccitatrice rotante) e di statore.

Questi effetto in teoria si ripercuotono però più sul circuito statorico, molto meno sul circuito rotorico.
Potrebbe essere invece che il guasto sulla rete esterna abbia provocato la circolazione di correnti importanti sull'avvolgimento di eccitazione (e quindi anche sui diodi), danneggiandoli di conseguenza.
Di che eventi si tratta? Sono corto-circuiti dissimetrici?


ciao, gli eventi tipici sono una autorichiusura rapida (0.3 s) di uno degli stalli connessi alla semisbarra cui eroga l'impianto e in un caso un guasto AT che ha aperto direttamente il trafo AT/MT quindi avrebbe dovuto avere gli effetti di semplice assenza tensione rete (in teoria). Nel secondo caso sembra esserci stata l'apertura della protezione sovracorrente del trafo elevatore (macchina/rete).
Nel caso il guasto sia dovuto ad una sovracorrente di eccitazione dovrei vedere i diodi visibilmente danneggiati oppure in genere alla superficie rimangono integri?
Avatar utente
Foto UtenteAlessandro1971
0 2
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 12 nov 2020, 18:36

Precedente

Torna a Macchine elettriche

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 15 ospiti