Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Impianto stand alone rifugio in montagna

Fonti energetiche e produzione e fornitura dell'energia elettrica.

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentemario_maggi

2
voti

[1] Impianto stand alone rifugio in montagna

Messaggioda Foto Utentegjkfriend » 3 dic 2020, 18:06

Buonasera, devo realizzare un impianto fotovoltaico stand-alone in un piccolo rifugio di 80mq a 1000 metri s.l.m. , dove le temperature possono andare anche sotto zero...

Sul tetto c'è posto per 4 pannelli da 310W e vorrei installare 4 batterie FIAMM 12SMG130, le quali hanno garanzia se stanno a non meno di 10°C. Come viene risolto questo problema di solito nei rifugi ad alta quota ?

Devo smantellare il vecchio impianto e le vecchie batterie, che erano installate nella cameretta del gestore (proprio perché il posto è veramente limitato).

Non so se creare un casottino esterno per le batterie oppure lasciarle all'interno dell'edificio, anche per il problema esalazioni....

Cosa mi consigliate?

Grazie
Avatar utente
Foto Utentegjkfriend
166 1 3 6
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 770
Iscritto il: 25 ott 2010, 22:25

2
voti

[2] Re: Impianto stand alone rifugio in montagna

Messaggioda Foto Utentefpalone » 10 dic 2020, 10:18

Buongiorno Foto Utentegjkfriend,
diciamo che oggi ci sono batterie molto più performanti di quelle che hai identificato tu, sia in termini di prestazioni a basse temperature, che in termini di vita attesa.
Il prezzo ormai, considerando la capacità utile della batteria (quelle da te identificate fanno riferimento ad una profondità di scarica del 60%), è forse anche minore di quelle al piombo e rispetto a queste possono lavorare meglio alle basse temperature.
Per applicazioni stazionarie, dai un'occhiata alle batterie litio-ferro-fosfato (LiFePO4), che hanno anche una buona sicurezza dal punto di vista dell'incendio.
Avatar utente
Foto Utentefpalone
14,1k 5 7 11
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2714
Iscritto il: 26 dic 2007, 17:46
Località: roma

0
voti

[3] Re: Impianto stand alone rifugio in montagna

Messaggioda Foto UtenteDanielex » 10 dic 2020, 10:46

In alcuni rifugi dalle mie parti in alta quota, aperti da giugno a ottobre, le batterie credo che se le portino a valle prima dell'arrivo dell'inverno.

Tienici aggiornati, mi interessa l'argomento!
Avatar utente
Foto UtenteDanielex
3.368 3 4 8
Master
Master
 
Messaggi: 2645
Iscritto il: 21 feb 2008, 18:18

0
voti

[4] Re: Impianto stand alone rifugio in montagna

Messaggioda Foto Utentegjkfriend » 10 dic 2020, 13:43

Il problema è che volevano utilizzarlo anche in inverno... :roll:
Avatar utente
Foto Utentegjkfriend
166 1 3 6
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 770
Iscritto il: 25 ott 2010, 22:25

1
voti

[5] Re: Impianto stand alone rifugio in montagna

Messaggioda Foto UtenteDanielex » 10 dic 2020, 13:54

Bah....

La vedo grigia.... come il cielo d'inverno :mrgreen:
Avatar utente
Foto UtenteDanielex
3.368 3 4 8
Master
Master
 
Messaggi: 2645
Iscritto il: 21 feb 2008, 18:18

1
voti

[6] Re: Impianto stand alone rifugio in montagna

Messaggioda Foto Utentefpalone » 10 dic 2020, 14:15

gjkfriend ha scritto:Il problema è che volevano utilizzarlo anche in inverno... :roll:

In alternativa, se vuoi pensare a qualcosa di veramente rugged, potresti utilizzare una singola batteria "calda" ai sali fusi, che non ha problemi ad operare nel range di temperature del rifugio alpino (- 20°C / +60 °C continuativi, -40°C / +75°C di picco).
La soluzione da 120 Ah/ 48 V sembra identica in termini di capacità e tensione nominale rispetto a quanto da te previsto con il piombo acido. Visto però che non hai problemi scaricarle in profondità, a differenza del piombo, per ottenere un'energia nominale corrispondente a quella che avresti con le 4 batterie al piombo da 12 V / 130 Ah, da te previste ti basterebbe grosso modo una singola batteria da 80 Ah / 48V.
https://www.fzsonick.com/applications/telecom
Avatar utente
Foto Utentefpalone
14,1k 5 7 11
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2714
Iscritto il: 26 dic 2007, 17:46
Località: roma

1
voti

[7] Re: Impianto stand alone rifugio in montagna

Messaggioda Foto Utenteblueice80 » 10 dic 2020, 14:18

gjkfriend ha scritto:cut... Cosa mi consigliate?


Se vuoi qualcosa di serio e affidabile io prenderei un Inverter-caricabatteria Victron-Energy e relativi accessori + batterie LiFePO4 della stessa marca (o quelle che preferisci) + generatore di corrente portatile (tipo questi) .
Questi inverter sono già predisposti per gestire in ingresso un generatore ausiliario, così sei coperto anche nei giorni più difficili...
Avatar utente
Foto Utenteblueice80
338 1 2 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 244
Iscritto il: 19 apr 2012, 22:22

1
voti

[8] Re: Impianto stand alone rifugio in montagna

Messaggioda Foto Utentefpalone » 10 dic 2020, 14:22

blueice80 ha scritto:
gjkfriend ha scritto:batterie LiFePO4 della stessa marca (o quelle che preferisci)


le batterie LiFePO4 hanno delle performances a bassa temperatura nettamente migliori rispetto alle batterie al piombo. Però sotto i -5°C / -10°C iniziano ad avere dei problemi soprattutto in ricarica.
Tutto dipende dalla temperatura di dimensionamento che serve all'OP: personalmente non saprei dire qual è la temperatura interna di un rifugio alpino disabitato in inverno.
Avatar utente
Foto Utentefpalone
14,1k 5 7 11
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2714
Iscritto il: 26 dic 2007, 17:46
Località: roma

1
voti

[9] Re: Impianto stand alone rifugio in montagna

Messaggioda Foto UtentePietroBaima » 10 dic 2020, 15:53

fpalone ha scritto:personalmente non saprei dire qual è la temperatura interna di un rifugio alpino disabitato in inverno.

Per mia esperienza anche -15°C.
Generatore codice per articoli:
nomi
emoticon
citazioni
formule latex

Io capisco le cose per come le scrivete. Per esempio: K sono kelvin e non chilo, h.z è la costante di Planck per zepto o per la zeta di Riemann e l'inverso di una frequenza non si misura in siemens.
Avatar utente
Foto UtentePietroBaima
81,3k 6 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 10330
Iscritto il: 12 ago 2012, 1:20
Località: Londra

2
voti

[10] Re: Impianto stand alone rifugio in montagna

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 10 dic 2020, 16:23

Nel 2020 sicuramente eviterei il piombo.

Riguardo le batterie al sale, mi sembra inredibile vengano ancora usate. Credo vadano mantenute a temperatura interna molto elevata, e questo si traduce in una efficienza bassissima.

Io metterei senza dubbio LiFeYPO4, e prevederei un contenitore per batterie isolato termicamente e termostatato in modo che non scenda mai sotto gli 0°C (o anche qualcosa in più se l'energia abbonda).
Interno al rifugio, in modo che le inevitabili dispersioni vadano a scaldare lo stesso

I pannelli producono sempre, probabilmente un po' di energia in eccesso per scaldare le celle la si ottiene gratis
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
30,1k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 8275
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

Prossimo

Torna a Energia e qualità dell'energia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti