Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

discussione "quando usare i microcontrollori"

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utentecarloc, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteBrunoValente

0
voti

[31] Re: discussione "quando usare i microcontrollori"

Messaggioda Foto Utentedadduni » 23 gen 2022, 18:43

Sono d'accordo praticamente su tutto, tranne sul fatto del basso consumo, basta vedere quanto consuma l atmega 328 in standby mode
Avatar utente
Foto Utentedadduni
1.784 2 7 12
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1223
Iscritto il: 23 mag 2014, 16:26

5
voti

[32] Re: discussione "quando usare i microcontrollori"

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 23 gen 2022, 18:56

Se dovessimo montare quei circuiti, sia la versione di Foto Utentedjnz che quella di Foto Utentedadduni, sulla mia vecchia Fiat 500, si distruggerebbero un millisecondo dopo la messa in moto del motore: sull'alimentazione ci sono picchi di una trentina di volt, quindi non se ne verrebbe fuori senza l'aggiunta di un regolatore o comunque di un circuito tosatore che complicherebbe ancora il circuito.

Una trentina di anni fa feci un antifurto per la 500 con logica 4000 e, molto ingenuamente, la collegai direttamente all'alimentazione generale del veicolo, fidando sul fatto che la serie 4000 sopporta fino a 18V. Dopo aver sostituito l'integrato un po' di volte dovetti mettere mano all'oscilloscopio e scoprii l'arcano...

Direi comunque che già nella versione di Foto Utentedadduni, più semplice, siamo sullo stesso livello di complessità di quella con la serie 4000, con la differenza che la serie 4000 non assorbendo corrente rende semplicissimi gli accorgimenti da prendere per le sovratensioni.

Faccio notare che nel circuito di ingresso di Foto Utentedadduni, a parte l'assenza della resistenza di pull-down che ovviamente è necessaria, il circuito filtrante ha già un effetto ritardante, per cui aumentando opportunamente il valore del condensatore si riuscirebbe già solo con quello ad ottenere quello che serve a Foto Utentemaxs84, cioè un ritardo di un paio di secondi all'eccitazione e altrettanti alla diseccitazione senza alcuna pretesa di precisione, quindi l'arduino che sta in mezzo sarebbe del tutto inutile.

Alla luce di tutto questo il circuito che io consiglierei a Foto Utentemaxs84 e che monterei anche sulla mia 500, è il seguente



Faccio notare ancora che questo circuito, nella sua semplicità, ha dalla sua non pochi vantaggi rispetto alla versione con arduino: si monta in 10 minuti su basetta millefori, a riposo non assorbe corrente, non ha bisogno di filtri sull'alimentazione, sopporta tensioni fino a 100V, non ha bisogno di essere programmato, è intrinsecamente robusto, non utilizza condensatori elettrolitici, non utilizza integrati, non serve il computer per regolare il ritardo, il suo funzionamento si basa su una legge fisica semplice, quindi è intellettualmente più elegante :mrgreen: , contribuisce quasi niente all'aumento dell'entropia dell'universo :mrgreen: :mrgreen:

Mi pare evidente che l'uso del micro per questa applicazione, viste anche quali sono le esigenze di Foto Utentemaxs84, come giustamente fa notare anche Foto Utentedjnz, farebbe acqua da tutti i punti di vista e a questo punto voglio precisare che il mio intervento nell'altro thread a favore di una soluzione "analogica", come piace dire a dadduni, si riferiva SOLO al timer in questione.

Non ho assolutamente nulla in contrario all'uso dei microcontrollori: li considero oggetti importantissimi che hanno determinato il miglioramento della nostra società degli ultimi 40 anni in infiniti settori.

Ho invece da ridire sull'uso improprio che troppo spesso se ne fa, come in questo caso... credo si sia capito.

E' ovvio che se a chieder aiuto non fosse stato Foto Utentemaxs84, che vuole una cosa semplice da montare senza difficoltà e per niente precisa, ma fosse stato un costruttore di timer che avesse avuto la necessità di venderli e che non si sarebbe accontentato di poca precisione e che magari avrebbe anche gradito la possibilità di modificarli in futuro, la soluzione con microcontrollore l'avrei presa in considerazione... ma è tutta un'altra questione.

Quindi, ribadisco: per rispondere alla domanda del titolo del thread, dico che i microcontrollori andrebbero usati solo ed esclusivamente quando serve usare i microcontrollori.

Tranquillo Foto Utentedadduni, non mi sono offeso, è che nel retrocranio ho l'idea che un esperto di microcontrollori venga dal mondo dell'elettronica e che nel suo percorso formativo sia passato per la trafila dell'analogica senza la quale in questo campo non si va da nessuna parte. Non mi offendo, figurati, ma mi sorprendo quando sento dire così.
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
36,1k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7060
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

0
voti

[33] Re: discussione "quando usare i microcontrollori"

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 24 gen 2022, 10:55

Foto Utentedadduni,Foto Utentenicsergio,Foto Utentedjnz
A me piacciono tutte e tre, le possibilità, ognuna con le sue caratteristiche buone e le sue peculiarità che possono dare probemi.

Come dicevo, dipende appunto dalla sensibilità del progettista, analizzare i punti a favore e quelli a sfavore, optando per quale cirucuito usare, a volte si valuta male, magari si sottovaluta il problema di alimentazione ed i relativi spike ed allora è meglio il circuito semplice e robusto di Foto UtenteBrunoValente.

A volte si baglia a dare il giusto peso alla cosa che darà maggiori problemi, ma sbagliare è "umano".

Per me l'importante è sempre porsi le domande, cosa devo ottenere, e da dove parto, partire a testa bassa con un circuito che "deve" andare bene a prescindere, soltamente non è la soluzione migliore.

Saluti. O_/
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
3.197 3 7 9
Master
Master
 
Messaggi: 3660
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

3
voti

[34] Re: discussione "quando usare i microcontrollori"

Messaggioda Foto Utentelucaking » 24 gen 2022, 11:48

guzz ha scritto:la soluzione migliore per Tizio (tecnico esperto nell'analogico, scarso nell'uso dei micro) potrebbe essere completamente diversa dalla soluzione migliore per Caio (scarso nell'analogico ed esperto di micro)...

Personalmente sono scarso nel campo digitale, nel campo dei microcontrollori, de microprocessori, FPGA e quant' altro, ma soprattutto in campo analogico, ciononostante per il problema in questione opterei per il circuito proposto da Foto UtenteBrunoValente, per diversi motivi gia citati e anche per il seguente; personale e discutibilissimo.

Ovunque si parla di crisi dei chip, ecosostenibilità, dominio cinese e belinate varie, e poi ogni volta che abbiamo bisogno delle cose piu banali siamo pronti a comprare un Bazooka cinese per sparare a una zanzara (io per primo :oops: ), quando magari abbiamo cassetti pieni di vecchi componenti destinati alla discarica.

Ovviamente questo vale principalmente per l' hobbista, a livello industriale è un altro discorso..., anche se nel caso specifico nemmeno troppo.

Ecco, la mia l' ho detta, ora potetre lapidarmi.

PS: L' altro motivo per cui avrei scelto la soluzione proposta da Foto UtenteBrunoValente senza nemmeno pensarci su, è perché quel maledetto, alla fine ha sempre ragione, alle volte lo odio per questo.... :D :mrgreen: O_/
Avatar utente
Foto Utentelucaking
1.388 3 5 8
Expert
Expert
 
Messaggi: 1212
Iscritto il: 29 mag 2015, 14:28

0
voti

[35] Re: discussione "quando usare i microcontrollori"

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 24 gen 2022, 11:58

Grazie per la dimostrazione d'affetto Foto Utentelucaking, ricambio sentitamente!! :mrgreen:
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
36,1k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7060
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

0
voti

[36] Re: discussione "quando usare i microcontrollori"

Messaggioda Foto Utentedadduni » 24 gen 2022, 23:14

Per questo mi piace "discutere" con persone intelligenti, si impara sempre e ne esce qualcosa di utile, grande grazie a Foto UtenteBrunoValente e a tutti i partecipanti alla conversazoine!
Avatar utente
Foto Utentedadduni
1.784 2 7 12
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1223
Iscritto il: 23 mag 2014, 16:26

0
voti

[37] Re: discussione "quando usare i microcontrollori"

Messaggioda Foto Utentestefanopc » 25 gen 2022, 0:37

Volendo essere assolutamente oggettivi usare un mosfet da oltre 25 A per pilotare un relè potrebbe essere un filino eccessivo.
Poi se il cassetto dei mosfet è stracolmo in quel caso va benone .
Ciao
600 Elettra
Avatar utente
Foto Utentestefanopc
6.665 3 8 12
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2291
Iscritto il: 4 ago 2020, 9:11

0
voti

[38] Re: discussione "quando usare i microcontrollori"

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 25 gen 2022, 9:41

stefanopc ha scritto:Volendo essere assolutamente oggettivi usare un mosfet da oltre 25 A per pilotare un relè potrebbe essere un filino eccessivo.
Poi se il cassetto dei mosfet è stracolmo in quel caso va benone .
Ciao
Bella questa. Una risata fa sempre bene al mattino.

saluti.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
3.197 3 7 9
Master
Master
 
Messaggi: 3660
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

1
voti

[39] Re: discussione "quando usare i microcontrollori"

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 25 gen 2022, 10:50

No, non mi pare esagerato, costa poco ed è in formato TO220 e montandolo senza dissipatore sarebbe in grado di dissipare al massimo un paio di watt, comunque se si vuole ce ne sono tanti che sopportano correnti massime più basse ma alla fine siamo lì, il concetto è quello.
... in confidenza ho scelto quel tipo perché quella sigla è la prima che mi viene in mente quando penso ad un mosfet e non mi andava di scartabellare il datasheet :mrgreen: :mrgreen:
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
36,1k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7060
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

Precedente

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Feedfetcher e 51 ospiti