Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Quale differenziale per impianto di ricarica auto EV?

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto Utentelillo, Foto UtenteMike

0
voti

[1] Quale differenziale per impianto di ricarica auto EV?

Messaggioda Foto Utentepaologronchi » 16 feb 2024, 20:17

Buonasera a tutti.
Avrei un quesito apparentemente semplice: quale tipo di interruttore differenziale è meglio utilizzare per proteggere un impianto con presa per ricarica auto EV (quella con il caricatore Shucko da 13A 220 V) ?
Sono indeciso tra uno di tipo A ed uno tipo F.
Escluderei i tipo AC perché ormai si usano sempre meno ed il tipo B perché non ho un impianto trifase con grossi motori.
Grazie.
Avatar utente
Foto Utentepaologronchi
0 2
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 13 feb 2024, 23:22

0
voti

[2] Re: Quale differenziale per impianto di ricarica auto EV?

Messaggioda Foto Utente6367 » 16 feb 2024, 21:28

L'argomento è trattato nella sezione 722 della CEI 64-8 (che tra l'altro è in revisione).

Se si carica della "presa standard" questa deve essere individualmente protetta da un RCD 30 mA almeno di tipo A. Poi è chiaro che il tipo F è meglio non fosse altro perché è immune agli scatti intempestivi.
Avatar utente
Foto Utente6367
21,6k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6773
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[3] Re: Quale differenziale per impianto di ricarica auto EV?

Messaggioda Foto Utentepaologronchi » 16 feb 2024, 21:38

Grazie mille.
Mi vado a leggere subito la parte suggerita.
Visto che la differenza di prezzo tra tipo A e tipo F non è enorme propenderò per un Tipo F 30mA ad intervento immediato (anche se il modello siemens 5SV3312-3 che ho visto lo definisce "con breve ritardo" come tutti i differenziali tipo F di Siemens).
Ne esistono però che "sentono" anche le correnti DC 6mA ma il mio caricatore è di tipo 1 e la norma prevede il controllo delle correnti continue solo per il tipo 3 (cioè le colonnine in CC).
Sarebbe quindi superfluo nel mio caso ?
Grazie.
Avatar utente
Foto Utentepaologronchi
0 2
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 13 feb 2024, 23:22

0
voti

[4] Re: Quale differenziale per impianto di ricarica auto EV?

Messaggioda Foto Utente6367 » 17 feb 2024, 0:17

Sarebbe superfluo.

C'è qualche confusione tra modo e tipo, modo 3 e 4.
:D

Questo mio vecchio articolo potrebbe essere utile.
https://www.electroyou.it/6367/wiki/n-a
Avatar utente
Foto Utente6367
21,6k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6773
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

1
voti

[5] Re: Quale differenziale per impianto di ricarica auto EV?

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 17 feb 2024, 9:05

La questione differenziale è trattata in quest'altro ottimo articolo sempre di Foto Utente6367.
La CEI 64-8 richiede il differenziale di tipo B per il modo di ricarica 3, a meno che nella colonnina sia integrato un dispositivo che rileva le dispersioni in continua superiori ai 6 mA.
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
12,4k 4 5 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 4888
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

0
voti

[6] Re: Quale differenziale per impianto di ricarica auto EV?

Messaggioda Foto UtenteFranco012 » 18 feb 2024, 1:12

6367 ha scritto:Se si carica dalla "presa standard" questa deve essere individualmente protetta da un RCD 30 mA almeno di tipo A.

Ma i cosiddetti "carichini", in dotazione con la vettura, non prevedono già questa protezione?
Nel libretto d'istruzioni della mia Tiguan eHybrid non c'è alcuna indicazione in tal senso, c'è scritto solo di collegare il caricabatteria - originale Volkswagen - ad una presa tipo schuko, con la proibizione di utilizzare adattatori e/o prolunghe. L'assorbimento è di 2.300 watt, riducibili a 1.840 watt.

P.S.
Comunque, in base alle indicazioni avute nel Forum, per precauzione ho a suo tempo sostituito il magnetotermico differenziale ABB di tipo "AC", 30 mA, dedicato alla sola presa di ricarica (+ illuminazione cantina) con un ABB di tipo "A", di uguale portata di corrente (ma da 6 kA anziché 4,5 kA, in quanto la ditta che l'aveva installato l'ha posto immediatamente a valle del contatore - a circa 3 metri di distanza).
Ho anche utilizzato una presa schuko Mennekes, catalogata come tipo industriale.
Big fan of ƎlectroYou
Avatar utente
Foto UtenteFranco012
5.349 3 4 7
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2424
Iscritto il: 8 ago 2015, 19:40
Località: Sardegna

1
voti

[7] Re: Quale differenziale per impianto di ricarica auto EV?

Messaggioda Foto UtenteSediciAmpere » 18 feb 2024, 1:30

Franco012 ha scritto:Ho anche utilizzato una presa schuko Mennekes, catalogata come tipo industriale.

Hai fatto bene
Avatar utente
Foto UtenteSediciAmpere
3.353 4 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3929
Iscritto il: 31 ott 2013, 15:00

1
voti

[8] Re: Quale differenziale per impianto di ricarica auto EV?

Messaggioda Foto Utente6367 » 18 feb 2024, 16:04

Franco012 ha scritto:
6367 ha scritto:Se si carica dalla "presa standard" questa deve essere individualmente protetta da un RCD 30 mA almeno di tipo A.

Ma i cosiddetti "carichini", in dotazione con la vettura, non prevedono già questa protezione?


Bella domanda.

La sezione 722 della CEI 64-8 o della IEC richiede sempre che se una presa AC è destinata alla ricarica sia individualmente protetta da un differenziale 30 mA almeno di tipo A. Del resto la presa Schuko oggi carica in modo 2 con un "carichino", domani carica in modo 1 una Citroën AMI. Di fatto il carico è indistinguibile.

In altri paesi hanno anche previsto un logo per identificare le prese che sia pure standard sono idonee alla ricarica dei veicolo elettrici, in modo 2 o in modo 1, e in teoria solo da lì si potrebbe caricare.

D'altro canto la norma dei carichini, la CEI EN 62752, richiede ugualmente una protezione differenziale interna perché può capitare di caricare dalla presa "sconosciuta".

Aggiungo che sul mercato dei carichini si trova di tutto, solo quelli conformi alla IEC 62752 hanno con certezza una protezione differenziale integrata (a meno di conformità mendaci).
Avatar utente
Foto Utente6367
21,6k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6773
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[9] Re: Quale differenziale per impianto di ricarica auto EV?

Messaggioda Foto Utentestefanopc » 18 feb 2024, 21:27

È anche vero che la Citroën Ami ha un pacco batterie da 48V.
Al contrario la maggior parte dei veicoli hanno tensioni tra i 200 e i 400V.
Ciao
600 Elettra
Avatar utente
Foto Utentestefanopc
9.579 5 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 3840
Iscritto il: 4 ago 2020, 9:11

0
voti

[10] Re: Quale differenziale per impianto di ricarica auto EV?

Messaggioda Foto Utente6367 » 18 feb 2024, 21:57

stefanopc ha scritto:È anche vero che la Citroën Ami ha un pacco batterie da 48V.



Si ma il primario del caricabatteria è a 230 V.

Per altro, per le auto elettriche il circuito a 400 o 800 V è separato elettricamente dall'alimentazione (come un sistema IT) e con caratteristiche del doppio isolamento.
Avatar utente
Foto Utente6367
21,6k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6773
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 46 ospiti