Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Benvenuti al blog elettrico di clavicordo. Visita il suo
Foto Utente

Telecomunicazioni musicali

Informazioni ed emozioni


Gli ultimi articoli di clavicordo

pubblicato 5 anni fa, 503 visualizzazioni

La tonalità è il regno della quasi-simmetria, o simmetria approssimativa. Con questo termine intendo una situazione che possiede alcune caratteristiche tipiche di una simmetria, ma non sufficienti a definirla tale in senso matematico classico (a meno di non introdurre varie complicazioni). La quasi-simmetria conserva molti caratteri dell’oggetto iniziale o li varia tutti insieme secondo una stessa regola, e quindi produce una sensazione di “familiarità”, di conservazione del senso; al tempo stesso introduce elementi di novità che aprono verso un movimento o una variazione qualitativa.

Sembra che la quasi-simmetria sia la situazione più fruttifera in campo artistico e forse non solo in quello. Mentre la simmetria completa può rivelarsi troppo statica, la quasi-simmetria realizza una tensione verso una simmetria ideale che, nello stimolare il movimento, lascia aperte molte possibilità.

[...]

pubblicato 5 anni fa, 428 visualizzazioni

Riprendiamo il discorso sulla simmetria in musica, esaminando ora un’asimmetria che caratterizza la maggior parte della musica che ascoltiamo normalmente.

La più importante successione ordinata di suoni è la cosiddetta “scala maggiore”, direttamente derivata dagli armonici naturali e chiamata dai Greci diatonica. In seguito all’importanza che vennero assumendo i problemi di trasposizione in altezza (“pitch”) dei cantanti e degli strumenti a note fisse, fu introdotto il sistema di generazione delle note detto temperamento equabile su 12 note (12TET = 12 Tones Equal Temperament), in base al quale il semitono, minima distanza tra una nota e la successiva, ossia minimo rapporto di frequenza tra le due, divenne unico, di valore uguale a 21 / 12. Prima di questo sistema i semitoni non erano tutti uguali; esistevano il semitono diatonico e quello cromatico, secondo che si trovasse rispettivamente tra due note di nome diverso o tra una nota e la stessa alterata.

[...]

pubblicato 6 anni fa, 794 visualizzazioni

Accogliendo l’invito di Admin a scrivere di musica, mi lancio adesso su Mozart prendendolo come spunto per ritornare su un argomento a me caro: la simmetria, qui cercata nella musica. Pur volendo essere sintetico mi sono ritrovato un articolo un po’ lungo; lo pubblicherò quindi in due parti. Mi scuso se alcune parti dovessero risultare un po’ troppo “specialistiche”.

Ricordo bene quando, all’età di 10 anni, ho avuto in dono il primo volume delle Sonate per pianoforte di W.A. Mozart. Studiavo lo strumento da solo un anno ma alcune di quelle pagine non mi sembravano così difficili (anni dopo mi sarei ricreduto abbondantemente!). Ci trovavo alcuni simpatici motivetti che potevo “isolare” e suonare con piacere, cosi che nella mia fantasia di bambino sentivo Mozart molto vicino, una sorta di amico della mia età o poco più grande, allegro e giocherellone.

[...]

pubblicato 6 anni fa, 608 visualizzazioni

Una domanda che gira nelle menti di alcuni o molti di noi è questa: se e per quanto l’Internet potrà rimanere “libera” e a basso costo e soprattutto così ben funzionante. Ogni tanto arrivano infatti preoccupanti notizie di oscuramenti informativi da parte di alcuni governi. Siamo anche diventati molto Internet-dipendenti, quasi come per il telefono e l’energia elettrica, tanto che se l’Internet si fermasse molti di noi si troverebbero in grandi ambasce. Mentre da una parte questa libertà di comunicare qualsiasi cosa ha i suoi contro, pericolosi o imbarazzanti, dall’altra ormai la sentiamo come irrinunciabile e l’idea di una sua restrizione genera in noi una leggera e strisciante inquietudine.

[...]

pubblicato 6 anni fa, 2.820 visualizzazioni

Il giornale interno di un’azienda per la quale lavoro riporta un articolo sulla Near Field Communication (NFC), “il nome di una delle tecnologie destinate ad avere l’impatto maggiore sulla nostra vita quotidiana, perché ci permetterà di dematerializzare del tutto – privandole addirittura del contatto diretto – molte azioni comuni, come quella di pagare o quella di esibire il biglietto d’ingresso ad un evento.”

Potremmo dire che non c’è niente di nuovo sotto il sole, perché la tecnologia RFID, dalla quale la NFC deriva direttamente, esiste da più di 20 anni ed è stata protagonista di un’evoluzione a detta di molti “esponenziale”. Come dice il nome stesso, la NFC fornisce connettività wireless bidirezionale a corto raggio (fino ad un massimo di 10 cm). “Quando due apparecchi NFC (l’Initiator e il Target) vengono accostati entro un raggio di 4 cm, viene creata una rete peer-to-peer tra i due ed entrambi possono inviare e ricevere informazioni. L’NFC può essere realizzato direttamente tramite un chip integrato oppure tramite l’uso di una speciale scheda esterna che sfrutta le porte delle schede SD o micro SD” riporta lo stesso giornale.

[...]

pubblicato 6 anni fa, 810 visualizzazioni

Dopo il CD, prima osannato e poi vituperato (o viceversa), quali saranno i supporti audio del futuro? La risposta sembra essere: nessuno. Il che vuol dire semplicemente che la registrazione audio darà luogo a file che non disporranno più di un supporto specifico ma utilizzeranno i supporti di memoria generici dell’informatica, sperabilmente senza la necessità di parti in movimento. Ognuno di noi si rende conto giornalmente che con la diffusione di Internet sta diminuendo fortemente anche il numero dei CD/DVD non audio/video in circolazione. Poiché questa diminuzione avviene in favore della sostituzione dell’hardware (i dischi) con il software (i file) può essere interessante dare un’occhiata ai formati e alle tecniche informatiche tuttora in uso nel mondo audio: in ogni caso, sia che rimangano gli stessi sia che ne vengano introdotti altri, dei formati non si potrà fare a meno, almeno finchè l’informatica rimarrà quella che conosciamo.

[...]

pubblicato 6 anni fa, 730 visualizzazioni

Finora, per quanto ne so io, il nesso tra elettrostatica e acustica si evidenzia in modo eclatante solo nel fulmine e, in misura enormemente più contenuta, quando si produce una brusca ionizzazione dell’aria, causata ad esempio dal picco di tensione che si può generare all’apertura di circuiti percorsi da corrente. Si produce infatti un rumore, fortissimo per il fulmine, poco intenso ma comunque secco e udibile negli altri casi. Accade che la ionizzazione fa salire improvvisamente la temperatura dell’aria: ciò genera nei dintorni un’onda di pressione e quindi un evento acustico. Fin qui tutte cose note.

Ma c’è un altro fenomeno acustico che di recente è stato associato con l’elettrostatica e ora cercherò di descriverlo.

[...]

pubblicato 6 anni fa, 1.051 visualizzazioni

Da tempo continua il mio sconcerto nel constatare una sorta di rinascita del vinile come supporto di memoria musicale. I vecchi LP che tanto mi facevano penare fin da ragazzo non erano mai abbastanza puliti, la puntina del giradischi non era mai abbastanza buona, la testina che la accoglieva, nemmeno, il sistema Hi Fi non era mai abbastanza acusticamente disaccoppiato. Il disagio prodotto dal non poter ascoltare in pace qualcosa di “pulito”, esente da crepitii e distorsioni improvvise in perenne agguato, sembrava non poter finire mai. Si costruivano giradischi sempre più pesanti, sempre più precisi nella velocità, sempre meno rumorosi, con errore di tangenzialità tendente a zero (fino al mio meraviglioso Revox B790 con braccio servocontrollato), sempre più costosi, simili a sculture degne del newyorkese Museum Of Modern Art. Un vero appassionante incubo.

[...]

pubblicato 7 anni fa, 1.125 visualizzazioni

Riprendiamo questa breve rassegna sulle componenti ambientali dell’ascolto musicale, dando un’occhiata ad altri aspetti dell’acustica che ne influenzano direttamente la qualità.

Le riflessioni che si susseguono prolungano il suono per un certo tempo dopo che la sorgente ha cessato di emetterlo, durante il quale l’energia diminuisce rapidamente. Questa durata temporale è chiamata tempo di riverberazione (RT60), definito come il tempo necessario per un suono a diminuire in intensità di 60 dB dall’istante della cessazione; dipende dal volume dell’ambiente e dalla sua capacità di assorbimento. Ad esempio in una sala o in un teatro l’assorbimento è maggiore con il pubblico presente rispetto alla sala vuota. Il tempo di riverberazione è uno dei parametri che si usano per valutare la qualità acustica di un ambiente e il suo valore ottimo è legato al tipo di ascolto a cui l’ambiente è destinato; se si tratta di una sala di conferenze, RT60 deve essere più basso di quello di una sala da concerto. Per esempio la grande sala Royal Albert Hall di Londra, il cui volume è poco meno di 100.000 metri cubi (3,5 milioni di piedi cubi), ha RT60 di 2,6 secondi (sala vuota).

[...]

pubblicato 7 anni fa, 1.144 visualizzazioni

Tradizionalmente la musica viene ascoltata soprattutto in ambienti chiusi. In questi ambienti i fenomeni della propagazione si sommano e si combinano tra loro, dando luogo a situazioni assai complicate, in cui si mescolano campo sonoro diretto, dovuto alle onde che non incontrano ostacoli, e campo sonoro riverberato, dovuto alle onde variamente riflesse e diffratte da pareti e ostacoli. E’ proprio il campo sonoro riverberato quello più difficile da affrontare, in quanto è costituito sia da riflessioni di tipo “ottico” per le alte frequenze, la cui lunghezza d’onda è piccola in confronto alle dimensioni fisiche degli oggetti presenti, sia da riflessioni caratterizzate da emissione diffusa in senso sferico, la cui lunghezza d’onda è confrontabile con le dimensioni fisiche degli stessi oggetti (diffrazione). Oltre a ciò, particolari conformazioni ambientali favoriscono il formarsi di onde stazionarie (risonanza), alle quali sono associate concentrazioni di energia in alcune zone e sua scarsità in altre. Il tutto varia in funzione della frequenza, naturalmente.

[...]

Chi sono

clavicordo - profilo

Nome: Claudio Bonechi

Reputation: 14.311 4 11 12

Bio: sono un ing elettronico di telecomunicazioni, laureato al Politecnico di Torino;sono anche diplomato in pianoforte, con alle spalle una discreta attività concertistica. Sono costretto però a lavorare nell'informatica. La matematica mi è sempre piaciuta. Ho lavorato anche nel campo della musica elettronica dai secondi anni '60, quando era ancora in fase pionieristica, con E. Zaffiri, al Conservatorio di Torino.

Web: http://www.facebook.it

I miei ultimi post dal forum

  • medaglia Fields

    l'accettazione del fatto che non siamo tutti uguali e che qualcuno eccelle in alcune materie tanto da essere irraggiungibile. Già. Da una parte... 19:48

  • ILIAD nuovo gestore telefonico made in France

    Nel frattempo, come prevedibile, il costo di Iliade è già aumentato e non di poco 18:45

  • Vecchie lampadine

    Scusate l'ingenuità, ma oltre ai dimmer, rumorosi se realizzati a semiconduttore (e oggi sono tutti così), esistono anche i trasformatori 240/110.... 12:28

  • Programmare musica

    volevo trovare frequenze con solo musica H24 ma al momento mi pare non ne esistano Basta usare una web radio, che naturalmente è su internet. Ce... 11:47

  • Almeno l'itagliano sammolo!

    Eh ma l'approccio top down mica è sempre consapevole! Ne è un esempio l'uso spregiudicato del pregiudizio, da cui si fa discendere tutto il resto! :D 08:27

  • Almeno l'itagliano sammolo!

    mir sono i vantaggi che l'approccio top down fornisce e di cui gli amministratori comunali sono diventati dei veri esperti. 08:27

  • Almeno l'itagliano sammolo!

    Sì Lancillotto , posso concordare con te, anzi è saggio farlo, per un verso. Per un altro conviene anche opporsi al degrado, protestare,... 08:27

  • ADSL scarso

    Sarebbe una buona idea, ma c'è poco segnale... Cmq grazie. Devo anche scusarmi per la mia risposta precedente, forse un po' brusca! #-o 14:48

  • ADSL scarso

    Ciò che proponete di fare è ovviamente già stato fatto. Sono interventi elementari. Non è per conoscere quelli che ho scritto questo post. Nel... 14:48

  • ADSL scarso

    Un amico che abita nella campagna senese mi ha chiesto se era possibile migliorare il suo segnale ADSL. Infatti il suo impianto wifi pare che sia... 14:48

Vai al Forum


Cerca nel blog di clavicordo