Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico


3
voti

Strumentazione e controllo virtuali

Indice del corso

Premesse  al  minicorso su  Strumentazione e Controllo Virtuali

L'evoluzione tecnologica dell'elettronica negli ultimi decenni ha puntato decisamente verso una "digitalizzazione" degli apparati di controllo e  all'uso sempre più spinto di soluzioni  basate sul software anzichè sul progetto di specifiche configurazioni hardware.

Dall'avvento del microprocessore (inizi anni settanta), si  è infatti sviluppata una serie di apparati la cui funzionalità dipende dal "programma" che viene immesso nelle loro memorie.

Si è vista così l'espansione dei PLC (Programmable Logic Controllers), dei regolatori digitali, della strumentazione e supervisione  mediante calcolatori, cioè di tutti quegli apparati che svolgono un controllo "virtuale", nel senso che non vi è  più un circuito fisico dedicato ad una data  funzione di controllo.

Queste apparecchiature si sono sempre più specializzate nel proprio ambito applicativo, per raggiungere obiettivi di funzionalità e di convenienza, ma questo a scapito della possibilità di una loro integrazione.  L'automazione di una macchina o di un impianto richiede infatti quasi sempre l'impiego congiunto di tutte queste forme di controllo.

L'attuale tendenza sembra dunque orientata ad una integrazione di tutti i controlli e della supervisione in un'unica struttura hardware che può essere specializzata mediante lo stesso linguaggio di programmazione.

Attenzione, questo non significa che vi è una sola unità di elaborazione, anzi la tendenza è quella di creare una "intelligenza distribuita", con molte unità di elaborazione dedicate ai vari compiti.

Questo minicorso ha appunto lo scopo di introdurre nel modo più elementare possibile nel mondo dei controlli virtuali, partendo da un  modulo d'interfacciamento molto semplice (NI USB-6008), collegabile ad un PC mediante porta USB, ed utilizzando quale linguaggio di programmazione il LabVIEW.

E' doveroso evidenziare che tutte le sigle citate nel testo (LabVIEW, DAQ, FPGA, ecc.) sono marchi registrati della National Instruments.

0

Commenti e note

Inserisci un commento

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.