Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Volfango Furgani
0
voti

Moltiplicatore di tensione

Domanda:

Questa è l'ennesima volta che vi scrivo (scusate,ma la passione è passione).Il quesito che volevo porvi è il seguente: in un moltiplicatore di tensione formato da diodi e condensatori sono obbligato ad utilizzare un diodo 1N0047 o va bene qualsiasi altro diodo?

Risponde Volfango Furgani

No. Non si deve usare sempre lo stesso diodo e neanche può andare bene un qualsiasi altro diodo scelto a caso. Per un duplicatore di tensione il parametro importante nella scelta del diodo è la massima tensione inversa che il diodo stesso si trova a dover sopportare nel circuito in esame. La tensione suddetta dipende dal valore di picco della tensione alternata di ingresso del duplicatore e più esattamente è pari al doppio del valore di picco o, come si usa dire, ne eguaglia il valore da picco a picco. Chiarisco con un esempio numerico. Se la tensione di ingresso è quella di rete a 220 volt efficaci, debbo calcolare il valore di picco moltiplicando per il fattore di forma che, nel caso sinusoidale, vale radice quadrata di 2 cioè all’incirca1.41. Di seguito, per ottenere il valore da picco a picco, debbo ulteriormente moltiplicare per 2. Quindi 220 x 1.41 x 2 = 623 V circa.Sceglieremo un diodo per il quale il costruttore garantisca una tensione inversa di almeno 623 V aumentati di un adeguato margine di sicurezza, che so, il 10%, 20 %. Dipende anche da quanto si vuole spendere dall’affidabilità che deve avere il nostro circuito e così via. Comunque non meno di 700 V. La corrente diretta non è un fattore critico perché questi circuiti debbono lavorare con un carico molto alto, erogando, cioè, una corrente molto bassa, anche frazioni di mA come accade, ad esempio, nei cinescopi televisivi.

Volfango Furgani

1

Commenti e note

Inserisci un commento

di ,

Salve, vorrei sapere il tipo di condensatori da usare per un piccolo moltiplicatore di tensione . Ma il mio caso è con tensioni basse, arrivo ad avere piccole tensioni da un generatore fino a 1,5 volt, ma sò che aumentando la tensione ,la corrente diminuisce,e con correnti di micro ampere non muovo nemmeno un motorino elettrico piccolo. Quindi vorrei sapere come poter elevare la corrente fino a 300mA ipoteticamente? Ho pensato a un filtro RLC..è corretta la mia intenzione? Attendo notizie grazie!

Rispondi

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.