I1?" /> Potere di interruzione di un fusibile - ElectroYou
Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

0
voti

Potere di interruzione di un fusibile

Domanda:

Salve,mi chiedevo,con riferimento al "potere di interruzione" di un fusibile,perchè esista un valore massimo della corrente che esso è in grado di interrompere:se il fusibile fonde per una corrente I1 perchè mai non dovrebbe fondere per una I2>I1?

Risponde admin

Potere di interruzione e corrente di fusione sono concetti e valori completamente diversi. Il potere di interruzione non indica il valore della corrente di fusione, che è in pratica il valore nominale della corrente del fusibile, ma la corrente che esso è in grado di interrompere dopo che la corrente stessa ha determinato la fusione dell'elemento predisposto. Sicuramente se un fusibile interviene per una corrente I1, interverrà anche per una I2 >I1, ma mentre nel primo caso può essere in grado di interrompere l'arco elettrico che si instaura tra i terminali, nel secondo potrebbe benissimo non essere in grado di farlo: l'arco elettrico permane ed il circuito non viene per nulla interrotto. Il massimo valore di corrente che un fusibile può interrompere è il suo potere di interruzione, la corrente nominale è il valore oltre il quale l'elemento fusibile fonde.
0

Commenti e note

Inserisci un commento

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.