Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

2
voti

Resistenza di scarica di un condensatore

Domanda:

Come si calcola la resistenza di scarica di un condensatore ?

Risponde admin

Progettare una resistenza significa stabilirne il valore R in ohm, e la potenza P in watt. Nel caso della resistenza di scarica per un condensatore di capacità C si dovrà dapprima stabilire il tempo di scarica, T in secondi che si può assumere pari a 5 volte il prodotto della resistenza in ohm per la capacità del condensatore in farad: T=5RC. Si ha allora il valore della resistenza: R=T/(5C). Ora occorre la potenza. Se U0 è la tensione cui è carico il condensatore, l'energia in esso immagazzinata in joule è E=0,5CU02. La potenza in watt della resistenza sarà P=E/T=0,1U02/R
6

Commenti e note

Inserisci un commento

di ,

Scusate ma non ho ben capito il calcolo della potenza del resitore. Potreste gentilmente spiegarmela, magari con un esempio pratico?

Rispondi

di ,

E,V,U sono tanti modi di chiamare la tensione. Alcuni sono più appropriati in certi casi rispetto ad altri tutto qua :) Comunque sempre di tensioni si parla. Comunque il corto è un po' come guidare in contromano ;) è pericoloso!

Rispondi

di ,

VRI, grazie! Quello che non ho capito, è dovuto alle mie scarsissime, e diciamo pure nulle, conoscenze di elettronica. Ad esempio, non so cosa sarebbe "E" in "E/R"... ...ma non è proprio importante, per uno come me. Ho capito, essenzialmente, che senza la resistenza, all'istante 0 ci si troverebbe direttamente faccia a faccia con un corto circuito: e questo, anche per senso infuso, capisco che non debba essere una cosa tanto salutare. Forse sarebbe un po' come guidare contromano. Con la resistenza, invece, non ci si troverebbe immediatamente davanti ad un corto circuito ma, appunto, davanti ad una resistenza: sarà poi la resistenza, a trovarsi di fronte ad un corto circuito! Ma si vede che la resistenza è una che, di fronte ad un corto circuito, sa come prenderlo: all'inizio, facendo piano piano? Mi hai decisamente persuaso §:)

Rispondi

di ,

Analizziamo il circuito Rc con un generatore in continua. All'istante zero il condensatore si presente come un cortocircuito quindi il circuito si minimizza alla sola R. Quindi la I allìistante 0 è uguale a E/R. Tornaimo sempre all'istante zero ed eliminiamo la R. il circuito s minimizza ad un cortocircuito con corrente infinita. Rischiamo di bruciare tutto... Non si può eliminare la resistenza di carica/scarica del condensatore, si può però scegliere una resistenza piccola poichè T carica condensatore=5*R*C. Quindi tanto più piccoli sono R e C tanto più piccolo sarà il tempo totale di carica del condensatore. Spero di esserti stato utile :)

Rispondi

di ,

Vorrei sapere perché spesso, se non sempre, viene messa una resistenza prima di un condensatore: se non la si mettesse, non si avrebbe una carica più rapida, del condensatore?

Rispondi

di silvano,

A cosa servono le resistenza di scarica e come devono essere scelte?

Rispondi

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.