Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

1
voti

Collegamento a massa

Domanda:

Perch� l'alimentazione negativa � il pi� delle volte collegata a massa?

Risponde admin

La formulazione della domanda evidenzia idee non chiarissime su massa e tensione e, suppongo, anche tra "collegamento a massa" e "messa a terra".
Non esistono alimentazioni positive e negative; esistono generatori elettrici nei quali si distinguono due zone con diversa distribuzione di carica: i poli. Nell'una � prevalente la carica positiva, nell'altro quella negativa. La tensione � l'energia specifica connessa alla separazione delle cariche, energia che � a disposizione dell'utilizzatore che consente alle cariche di riunirsi per ripristinare una densit� di distribuzione uniforme.
La massa � un livello arbitrario di riferimento, come lo � il livello del mare nella valutazione della nostra posizione geografica. Ad essa � attribuito il potenziale zero e il potenziale di un qualsiasi punto del circuito corrisponde alla tensione di quel punto rispetto a massa.
Sono positivi i potenziali che rispetto a massa hanno una maggior concentrazione di cariche positive, negativi gli altri. Rispettando l'ordinalit� dei numeri relativi, i potenziali positivi sono considerati maggiori di quelli negativi.
I dispositivi elettronici, per funzionare nel modo desiderato, devono essere polarizzati: deve essere cio� imposto in certe loro zone un determinato potenziale. In un transistor BJT per avere un flusso di cariche dal collettore all'emettitore, quest'ultimo deve essere a potenziale inferiore, quindi sar� collegato al polo negativo dell'alimentazione. Il controllo del flusso tra collettore ed emettitore si ha poi immettendo una corrente in base, cosa che si pu� ottenere fornendo ad essa un potenziale positivo superiore ad un certo limite: il valore di soglia. Il polo negativo dell'alimentazione � assunto allora come riferimento per i potenziali di collettore e di base e per questo � considerato la massa. La "messa a terra" � invece il collegamento di un punto "qualsiasi" del circuito, ad un conduttore in intimo contatto con il terreno. Si vincola cio� il potenziale di quel punto al potenziale del terreno, per ragioni di funzionamento o di sicurezza. Generalmente si sceglie come punto da collegare a terra, proprio la massa del circuito. La massa del circuito, che non � da confondere con le masse elettriche, cio� i contenitori metallici del circuito, che non fanno parte del circuito ma che possono assumerne i potenziali in caso di guasto all'isolamento, � spesso ad esse collegata per ragioni di funzionamento. Le masse elettriche sono poi collegate a terra per ragioni di sicurezza.

Zeno Martini

0

Commenti e note

Inserisci un commento

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.