Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

1
voti

Corrente magnetizzante

Domanda:

Come mai se il flusso in un nucleo ferromagnetico è sinusoidale non lo è la corrente?

Risponde admin

La derivata del flusso magnetico concatenato con l'avvolgimento è la forza controelettromotrice che equilibra la tensione applicata (legge di Faraday)e, se quest'ultima è sinusoidale, lo è anche il flusso. Il flusso magnetico Fl è generato dalla corrente Im, detta magnetizzante appunto, ed il legame tra flusso e corrente è:
Fl= Im * L
dove L è il coefficiente di autoinduzione. Se il flusso è sinusoidale, affiché lo sia anche la corrente magnetizzante, L deve essere costante. Ma il coefficiente di autoinduzione è proporzionale alla permeabilità magnetica del materiale che, nel caso del ferro non è costante, ma dipende dal valore che assume l'induzione magnetica, B, (che è il rapporto tra il flusso magnetico concatenato diviso il numero di spire N e la sezione del ferro).
Se l'induzione assume valori compresi ad esempio tra zero 2 tesla, la permeabilità subisce notevoli variazioni, quindi L non è costante, per cui corrente e flusso non possono essere contemporaneamente sinusoidali. Si dice in tal caso che il materiale lavora in zona di saturazione.
Se però il campo di variazione di B è più ristretto, ad esempio tra zero e 0,5 tesla, il materiale non entra in saturazione, si dice che lavora in zona lineare, la permeabilità si mantiene costante, quindi flusso e corrente magnetizzante sono in tal caso entrambi sinusoidali.

Zeno Martini

2

Commenti e note

Inserisci un commento

di ,

Mino82, come c'è scritto nella risposta se l'induttanza L non è costante, corrente e flusso magnetico, quindi corrente e tensione elettrica, non possono mai essere contemporaneamente sinusoidali. E perché l'induzione sia costante lo deve essere la permeabilità. Permeabilità magnetica costante significa materiale magnetico lineare, cioè il diagramma B-H deve essere rappresentato da un segmento di retta. Se il legame non è rappresentabile con un segmento di retta nel campo di funzionamento, la distorsione c'è sempre. Ovviamente sarà tanto minore quanto più il legame B-H è rappresentabile con una retta.

Rispondi

di ,

Ciao Admin, stavo cercando delle informazioni sulla deformazione della corrente magnetizzante nel primario del trasformatore a causa delle armoniche. é corretto quindi dire che se faccio lavorare il nucleo magnetico del trafo con un ciclo di isteresi che non fa mai andare in saturazione il materiale allora posso considerare lineare il materiale e quindi la corrente è sinusoidale? In realtà poi anche se non lavoro con ciclo di isteresi in saturazione la caratteristica magnetica del materiale non è proprio lineare e quindi la corrente non sarà mai sinusoidale, ma si avvicina molto rispetto al caso della saturazione magnetica. é corretto quello che dico? Aspetto una risposta

Rispondi

Inserisci un commento

Per inserire commenti è necessario iscriversi ad ElectroYou. Se sei già iscritto, effettua il login.