Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Temperatura costante

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto UtenteBrunoValente, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto Utentecarloc, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor

0
voti

[1] Temperatura costante

Messaggioda Foto UtenteVale_ele » 18 nov 2008, 14:00

Help me!!!
Devo progettare un circuito che possa mantenere costante la temperatura di un resistore.... il controllore deve essere digitale... e non mi è ben chiaro come fare il resto.. per questo cercavo aiuto!!!
Per prima cosa... che tipo di controllore mi conviene usare On/off (in quel caso un PWM?) o PID?
poi.... cosa mi conviene fare?
uso un interruttore? controllo direttamente la corrente che circola nel resistore e quindi collego direttamente l'uscita del controllore, dopo averla convertita in analogico, al resistore?
e un'altra cosa... dopo aver progettato il tutto... che programma posso usare per controllare il funzionamento?
e .. l'ultima promesso....
supponiamo di voler far circolare, ad intervalli regolari, una corrente +I e -I (max pos e max negativa) come posso fare??? Mi conviene utilizzare due generatori di corrente o posso usarne solo uno ed un invertitore?
grazie mille per l'aiuto!!!!!!
Avatar utente
Foto UtenteVale_ele
0 2
 
Messaggi: 11
Iscritto il: 18 nov 2008, 13:50

0
voti

[2] Re: Temperatura costante

Messaggioda Foto Utenteian27177 » 18 nov 2008, 14:30

Ciao Vale_ele, se vuoi puoi puoi controllare la temperatura sia con impulsi PWM, ma devi dotare il sistema di un sensore di temperatura e fare in modo che il controllore grazie al feedback regoli la durata degli impulsi di alimentazione alla resistenza. Io sono abituato ad utilizzare i microcontrollori PIC, ma che ne esistono molte altre marche.
Il software per il uC lo puoi scrivere in assembler oppure in c o basic se hai il compilatore. Se vuoi controllare tutto da PC devi predisporre un'interfaccia rs232 (con il max232) e scrivere un programma che comunichi con il uC nel linguaggio che più ti aggrada(io userei il C# o C++).
Una precisazione, nel caso del controllo PWM tu non regoli la corrente ma interrompi la tensione ad intervalli regolari, + tempo durano gli impulsi positivi +tensione passa nella resitenza.
Altrimenti puoi usare un mosfet per controllare la corrente in funzione della tensione di riferimento(che puoi far variare sempre con impulsi PWM o con una rete di resistenze pesate).
Sinceramente non so se sia meglio controllare la corrente o la tensione al fine di far variare la temperatura.

Non ho capito il senso dell'ultima domanda, perché invertire la corrente?
Saluti, Flavio
Avatar utente
Foto Utenteian27177
2.450 1 4 12
Master
Master
 
Messaggi: 148
Iscritto il: 15 mag 2008, 13:36
Località: Genova

0
voti

[3] Re: Temperatura costante

Messaggioda Foto UtenteFrancy » 18 nov 2008, 14:35

per raffreddare ovviamente .... P=V*(-I) ho una potenza ceduta dal carico essendo negativa









Naturalmente sto scherzando :mrgreen: , sinceramente non capisco nemmeno io perché invertire la corrente /o la tensione. :roll:
Avatar utente
Foto UtenteFrancy
25 2 4
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 555
Iscritto il: 12 dic 2005, 14:56

0
voti

[4] Re: Temperatura costante

Messaggioda Foto UtenteVale_ele » 18 nov 2008, 14:49

Ciao Flavio!
Per prima cosa grazie mille per la tua risposta! Eh si.. mi rendo conto... la domanda era un po' confusa... ma io stessa non ho le idee troppo chiare per cui spiegare il problema è difficile! Ma grazie mille per la pazienza!!!!
Allora... cerco di darti più dettagli...
per prima cosa ho due casi diversi
1. ho sia il resistore che il sensore di temperatura
2. il resistore nel contempo è sia l'elemento che si riscalda sia il sensore
il controllore dovrei proprio implementarlo io.. in verilog o vhdl... mettendo poi dei degli ADC e DAC in modo tale da poterlo inserire nel circuito ....
Mi chiedevo quindi.... meglio implementare un controllore on/off o un pid?
mi hai detto che con il PWM posso o interrompere la tensione a intervalli regolari - in quel caso devo quindi inserire un interruttore , pilotato dall'uscita del PWM, tra il generatore di corrente e la resistenza in esame? - oppure usare un MOS - applicherei quindi il segnale PWM come tensione di gate, se ho capito bene.... giusto?

La seconda domanda poi riguardava un altro problema che ho... mi hanno chiesto di alimentare una resistenza con una corrente fissa in modulo, ma ad intervalli regolari positiva e negativa. Non c'entra con il problema della temperatura costante... Qual è il modo migliore per fare questo?

Grazie mille.... e scusate ancora per la confusione!!!!! :oops:
Ciao!!!!!
Vale
Avatar utente
Foto UtenteVale_ele
0 2
 
Messaggi: 11
Iscritto il: 18 nov 2008, 13:50

0
voti

[5] Re: Temperatura costante

Messaggioda Foto UtenteFrancy » 18 nov 2008, 14:52

domanda 2: il metodo piu veloce è invertire la tensione ad esempio creando un semplice ponte a H con transistor oppure usare dei relè con contatti a scambio

domanda 1: Quale è il sensore/elemento riscaldante. perché dubito che tu riesca a farlo con lo stesso elemento se non si raffredda abbastanza velocemente quando spento :?
Avatar utente
Foto UtenteFrancy
25 2 4
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 555
Iscritto il: 12 dic 2005, 14:56

0
voti

[6] Re: Temperatura costante

Messaggioda Foto UtenteVale_ele » 18 nov 2008, 15:33

Ok! Thanks!!!

domanda 1.
è una resistenza in allumino... ma questo per me non è un problema, perché una volta raggiunta la temperatura desiderata voglio mantenerla costante per sempre. Raggunti i 300°C voglio mantenere per sempre questa temperatura, cercando di dissipare il meno possibile...
io pensavo che l'assenza di un segnale di feedback, quando il resistore è esso stesso un sensore, potesse non essere un problema... perché sapendo quanto velocemente diminuisce la temperatura del resistore quando non vi è alcuna tensione applicata, posso calcolare oreientativamente quando applicare nuovamente la tensione... che ne pensate?
Allora immagino che il migliore controllo in questo caso sia on/off e non di tipo PID?
Grazie mille!!!
Avatar utente
Foto UtenteVale_ele
0 2
 
Messaggi: 11
Iscritto il: 18 nov 2008, 13:50

0
voti

[7] Re: Temperatura costante

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 18 nov 2008, 16:10

Vale_ele ha scritto:immagino che il migliore controllo in questo caso sia on/off e non di tipo PID?

Vedo solo ora la tua richiesta e mi sembra che le idee non siano del tutto chiare.
La prima cosa da stabilire nella progettazione di un controllo automatico e' la
precisione che si vuole raggiungere (cioe' in questo caso il massimo scarto di
temperatura fra valore impostato e quello effettivamente misurato).
Questo condiziona la soluzione: un controllo On-Off e' senz'altro piu' semplice,
ma e' anche meno "preciso", un controllo PI (il Derivativo mi sembra superfluo
in questo caso) e' migliore ma piu' complesso.

Non vorrei pero' che tu confonda l'attuatore di potenza con il regolatore
(si puo' pilotare On-Off anche un controllo PI, purche' la frequenza di pilotaggio
sia sufficientemente elevata)

Anche il fatto dell'inversione di corrente e' da chiarire. Si puo' fare, ma bisogna
sapere il perche' ...

Attendo le tue precisazioni in proposito.

PS. Consiglio anche la lettura di questo:
http://www.electroportal.net/vis_resour ... n=RP&id=97
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
53,4k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16157
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[8] Re: Temperatura costante

Messaggioda Foto UtenteVale_ele » 18 nov 2008, 16:38

Ciao!!!
E lo so... come ho già detto io stessa non ho le idee chiarissime....
Allora... il controllo sulla temperatura non è così stringente.. cercherò dunque di progettare un controllore On/Off.
Mi potresti dare un'idea del circuito? Misuro la tensione e la confronto con quella di riferimento.... la differenza la passo in ingresso al controllore, e poi?.... grazie!!!!!!

"Anche il fatto dell'inversione di corrente e' da chiarire. Si puo' fare, ma bisogna
sapere il perche' ..." ... purtroppo non so dirti..

Grazie mille,
Vale
Avatar utente
Foto UtenteVale_ele
0 2
 
Messaggi: 11
Iscritto il: 18 nov 2008, 13:50

0
voti

[9] Re: Temperatura costante

Messaggioda Foto UtenteVale_ele » 18 nov 2008, 16:40

ps. si... avevo letto l'articolo.. però io ho anche la possibilità di avere i sensore... e non è che magari potresti anche darmi un'idea del circuito globale? grazie........
Avatar utente
Foto UtenteVale_ele
0 2
 
Messaggi: 11
Iscritto il: 18 nov 2008, 13:50

0
voti

[10] Re: Temperatura costante

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 18 nov 2008, 17:34

Hai letto anche questo?
http://www.electroportal.net/vis_resour ... rso&id=128
Potrebbe essere la base di un controllo On-Off di temperatura, ma occorrerebbe definire
come rilevarla.
Poi dovresti precisare che potenza e' richiesta per raggiungere e mantenere la temperatura.
(per dimensionare la parte di potenza)
Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
53,4k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16157
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

Prossimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 31 ospiti