Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

richiesta consiglio lavorativo

Aggiornamenti, orientamento, lavoro, attività professionali, riviste, libri, strumenti EY, Tips and tricks, consigli e pareri generici

Moderatore: Foto Utenteadmin

0
voti

[1] richiesta consiglio lavorativo

Messaggioda Foto Utenteantonio07 » 24 giu 2015, 20:58

salve,

attualmente ho un contratto a t-indeterminato in una piccola ditta (<5 dipendenti) che si occupa di automazione industriale su piattaforme rockwell e wondaware con un contratto a t-indeterminato per 14 mensilità a 1600 netti/mese e rimborsi benzina. Ho cominciato da pochissimo. La formazione sulle piattaforme di cui so poco o nulla è sul campo e nn rapidissima, si svolge presso un grosso impianto industriale dove il titolare della mia azienda ha una buona fama per i suoi lavori passati ma in pratica dovrei formarmi da solo e l'impresa nn mi sembra banale..

una altra azienda, di circa 50 dipendenti che opera sempre nell'automazione ma su prodotti siemens mi ha proposto 2 mesi di formazione frontale e in laboratorio a 500/mese + vitto e alloggio, poi si partirebbe con un t-indetermnato prima con 4 mesi di formazione in campo a circa 1600/mese + vitto e alloggio e poi il lavoro vero e proprio sarebbe a 4000 /mese su piattaforme o navi e su cantieri siderurgici all'estero e a 1500 quando a casa. Spese di vitto e alloggio per aggiornamenti obbligatori a carico mio.Tutto ciò se accetto di firmare un vincolo di nn lavorare per aziende concorrenti durante il contratto e per i 5 anni successivi a meno di una penale di 50000 euro.

mi chiedo cosa sia meglio fare ? se cogliere al olo la seconda occasione anche se mi vincolerebbe quasi a vita o se fare esperienza nella azienda attuale e rivendermi meglio tra 6 mesi o un anno?

grazie
Avatar utente
Foto Utenteantonio07
38 1 1 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 8 nov 2007, 1:51

0
voti

[2] Re: richiesta consiglio lavorativo

Messaggioda Foto Utenteedgar » 24 giu 2015, 21:19

Non entro nel merito delle retribuzioni ma 5 anni di non concorrenza mi sembrano un'enormità.
Avatar utente
Foto Utenteedgar
6.302 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3166
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

1
voti

[3] Re: richiesta consiglio lavorativo

Messaggioda Foto UtenteWALTERmwp » 24 giu 2015, 22:09

Ciao Foto Utenteantonio07, legittimo e ragionevole chiedere suggerimenti e consigli ma ricorderei che in tale ambito i problemi ce li ha chi è senza un impiego e quindi senza retribuzione.
Questo non per "farla pesare" ma perché, credo, aiuta un momentino a valutare con più obiettività quello che si ha e considerare con maggiore serenità quello che c'è intorno.

Ricordo il tuo thread, recente tra l'altro, dove prospettavi l'opportunità dalla quale ora ti vorresti allontanare, probabilmente del tutto legittimamente, e in merito alla quale, per quanto si poteva, ti sono stati riportati pareri concreti e circostanziati.

Adesso un altro thread, sul medesimo "tono"; legittimo anche questo ma, ancora una volta, io mi esprimo in modo critico.
antonio07 ha scritto:(...) ma in pratica dovrei formarmi da solo e l'impresa non mi sembra banale
e mi sembrava di averti scritto qualcosa a proposito, comunque, quello che dovrebbe fare la differenza, ancora, come prima del resto, e quindi da parte mia mi ripeto, è ciò che a te interessa fare.

Le considerazioni di carattere economico sono del tutto relative: quello che per te è accettabile per un altro non lo è e viceversa.
L'opportunità di una scelta per quanto ti viene proposto solo tu la puoi stabilire.
Il vincolo dei 5 anni mi pare ridicolo (ovvio poi che mentre lavori per loro non puoi stringere la mano alla concorrenza) ma l'adesione del rispetto a tale clausola dovrebbe essere accompagnata dalle garanzie di quanto precede nella descrizione che hai dato; se dovesse venire a meno quanto previsto, indipendentemente da chi spinge o intende giungere alla risoluzione del contratto, dovrebbe decadere anche il capestro quinquennale.

La mia sensazione è che tu stia cercando un pretesto per allontanarti da una situazione nella quale "non ti trovi" più che anelare all'altra.
Ma queste sono solo mie impressioni.

Saluti
W - U.H.F.
Avatar utente
Foto UtenteWALTERmwp
23,1k 4 8 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6815
Iscritto il: 17 lug 2010, 18:42
Località: le 4 del mattino

0
voti

[4] Re: richiesta consiglio lavorativo

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 24 giu 2015, 22:57

rispondo senza conoscere...molto in generale e "a pelle".

Le ditte grandi, credo anche in questo settore, offrono più possibilità di fare esperienza, quindi sarebbe più logico il contrario, partire in grande e poi "vendersi" a ditte piccole che dovrebbero pagare meglio.

Ma mi colpisce la clausola dei 5 anni, non sono affatto pochi e soprattutto non ha senso con un contratto a termine e con molti momenti di "incertezza".

Io, ma ripeto non conosco l'ambiente, accetterei un vincolo crescente con gli anni di anzianità. Che senso ha chiedere 5 anni di fedeltà se magari ti lasciano a casa dopo 1 anno?

E poi ricordiamo che il tempo indeterminato di fatto non esiste più. Mi sembra ci sia un risarcimento crescente, fino a max 2 anni di retribuzione se ti lasciano a casa. E ne vorrebebro 5 di fedeltà da subito?
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
28,8k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7875
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

1
voti

[5] Re: richiesta consiglio lavorativo

Messaggioda Foto Utenteboiler » 24 giu 2015, 23:06

antonio07 ha scritto:Tutto ciò se accetto di firmare un vincolo di non lavorare per aziende concorrenti durante il contratto e per i 5 anni successivi a meno di una penale di 50000 euro.


Questi vincoli hanno piú o meno lo stesso valore della carta igienica. La legge prevede che il vincolo di non concorrenza venga considerato nullo se ti impedisce di esercitare la professione per la quale sei stato formato. Questa condizione è praticamente sempre soddisfatta e se non lo è, allora il vincolo è molto blando e non ti disturba.

Boiler
Avatar utente
Foto Utenteboiler
16,2k 5 7 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2878
Iscritto il: 9 nov 2011, 12:27

0
voti

[6] Re: richiesta consiglio lavorativo

Messaggioda Foto UtenteSjuanez » 24 giu 2015, 23:09

La mia:
5 anni di NC hanno senso solo se sei tu ad andartene e dopo un periodo abbastanza lungo. A mio avviso. O se proprio ti avessero proposto un periodo formativo di 2 anni retribuito.

Se ti lasciano a casa loro che fai, i tutorial di Arduino per sbarcare il lunario?

Comunque, questioni economiche, contestuali e personali sono così particolari che nessuna risposta sarà quella giusta. Anche su un forum meraviglioso come questo. Solo tu puoi valutare cosa hai realmente nel piatto.

Sarà banale ma: fai la cosa che ritieni giusta. Non è facile, ma tocca solo a te.

Ti auguro di fare la scelta che ti porterà le più grandi soddisfazioni. O_/
Più so e più mi accorgo di non sapere.

Qualsiasi cosa abbia scritto, tieni presente che sono ancora al mio primo rocchetto di stagno.
Avatar utente
Foto UtenteSjuanez
11,3k 5 8 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3480
Iscritto il: 18 mar 2015, 13:48

0
voti

[7] Re: richiesta consiglio lavorativo

Messaggioda Foto Utenteantonio07 » 26 giu 2015, 0:31

per prima cosa ringrazio tutti degli interventi.

Walter, ricordi bene la mia storia, in effetti dopo mesi alla ricerca di lavoro e tanti colloqui fatti, pare che ora mi stiano rispondendo tutti insieme. Lo scrivo pure per chi ora si sta affannando alla rica di un lavoro ce pare nn arrivare mai..

I miei dubbi circa il lavoro attuale sono:

1. chi mi dovrebbe fare formazione è il titolare che però è troppo preso dal lavoro per dedicarmi tempo così questa cosa procede molto molto a rilento.
da una parte potrei essere contento di venire pagato comunque ma accanto ai soldi, a cui pure tengo, vorrei anche uan crescita professionale;

2. l'idea del titolare è quella di indirizzarmi verso le piattaforme wondarwore di schneider che però vedo che nn hanno molta diffusione e dunque ho paura di nn maturare una esperienza nn rivendibile.

circa l'altra proposta mi affascina da sempre l'idea di lavorare da trasfertista anche se tre mesi fuori alla volta nn sono pochi ma mi frenano il fatto che nn voglia farmi da subito un contratto a tempo indeterminato e la clausola dei 5 anni. La formazione in aula dureebbe 2 mesi e poi proseguirebbe con un contratto a t-indeterminato in campo.

mi chiedo se con 6 mesi di esperienza nella posizione attuale nn troverei in lavoro da trasfertista anche a condizioni migliori.

grazie
Avatar utente
Foto Utenteantonio07
38 1 1 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 8 nov 2007, 1:51

0
voti

[8] Re: richiesta consiglio lavorativo

Messaggioda Foto Utenteflori2 » 26 giu 2015, 8:26

Più che altro di ridicolo vedo i 2 mesi a 500 al mese con nessuna garanzia di assunzione. Prima ti assume e poi ti fa il corso. Poi 1600 al mese per 4 mesi e poi 4000??? Sono promesse da marinaio! Una volta dentro è facile che il titolare si mangi la parola con le giustificazioni più sparate.
Avatar utente
Foto Utenteflori2
1.077 4 7
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 928
Iscritto il: 10 ott 2006, 11:36

0
voti

[9] Re: richiesta consiglio lavorativo

Messaggioda Foto UtenteWALTERmwp » 26 giu 2015, 10:37

antonio07 ha scritto:mi chiedo se con 6 mesi di esperienza nella posizione attuale non troverei in lavoro da trasfertista anche a condizioni migliori.
c'è anche chi si chiede come mai dopo 6 mesi, pur avendo un minimo di esperienza, non trova un lavoro.

Secondo me un impiego da trasfertista lo trovi ma alle migliori condizioni di chi, e per chi, te lo può offrire e che, quasi certamente, non conciliano le tue.
Se poi cerchi semplicemente un lavora da trasfertista, visto che non sono li tutti ad aspettare te, credo tu lo possa trovare dato che non molti anelano a soluzioni lavorative di questo genere.

Tu vuoi(cerchi) la miglior retribuzione e l'occupazione il più aderente possibile ai tuoi interessi: comprensibile, è il desiderio di chiunque, ma qui ci starebbe una citazione alla "Catalano".
Il compenso economico è ovviamente importante (bisogna pur vivere) ma le disquisizioni condotte in questo modo, a mio parere, lasciano il tempo che trovano e ribadisco quanto ti ho scritto nel post precedente.

Infatti
antonio07 ha scritto:I miei dubbi circa il lavoro attuale sono:
per me i tuoi non sono dubbi ma la contestuale impossibilità, a quanto mi pare, di conciliare remunerazione, percorso formativo che ora non corrisponde alle tue aspettative e i tempi limitati entro i quali vorresti ottenere la massima gratificazione economica facendo ciò che più ti piace; le tue contraddizioni ti appartengono e solo tu le puoi risolvere: con questo penso di corrispondere al punto (1) e (2).

Per quanto riguarda l'aspetto meramente numerico, se proprio insisti e hai l'esigenza di conoscere opinioni, faccio mio il commento di Foto Utenteflori2 al Post [8].

Saluti
W - U.H.F.
Avatar utente
Foto UtenteWALTERmwp
23,1k 4 8 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6815
Iscritto il: 17 lug 2010, 18:42
Località: le 4 del mattino

0
voti

[10] Re: richiesta consiglio lavorativo

Messaggioda Foto Utenteantonio07 » 27 giu 2015, 0:45

flori2 ha scritto:Più che altro di ridicolo vedo i 2 mesi a 500 al mese con nessuna garanzia di assunzione. Prima ti assume e poi ti fa il corso. Poi 1600 al mese per 4 mesi e poi 4000??? Sono promesse da marinaio! Una volta dentro è facile che il titolare si mangi la parola con le giustificazioni più sparate.


4000 sarebbero solo nei mesi in cui sei in cantiere e per non meno di 10 h die...

se mi mettesse nero su bianco il tempo indeterminato dall'inizio ci potrei pure pensare


per il resto credo che tutti cerchiamo il punto di lavoro a massimo rendimento.....
Avatar utente
Foto Utenteantonio07
38 1 1 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 8 nov 2007, 1:51

Prossimo

Torna a Informazioni varie più o meno utili

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti