Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Linea montante da 2,5mm^2 e fotovoltaico

Fonti energetiche e produzione e fornitura dell'energia elettrica.

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto Utentemario_maggi

0
voti

[1] Linea montante da 2,5mm^2 e fotovoltaico

Messaggioda Foto Utenteplanaremagico » 3 ago 2022, 14:58

Ciao a tutti,
un cliente è interessato ad un impianto fotovoltaico con accumulo.
Gli ho proposto un 5 kWp con un accumulo da 5kWh.
Decido come disporre i moduli e insieme al cliente troviamo una bella parete (protetta dalle intemperie ed in ombra tutto il giorno) in cui allocare quadri, inveter e batteria.
Fantastico, il prezzo è congruo e c'è solo da firmare il contratto.
Poi vedo il quadro generale, un incubo!
Un solo magnetotermico (il differenziale era agganciato alla barra DIN ma non collegato!!!), un C15! :shock:
Guardo la linea montante ed è da 2,5 mm^2 (manca l'emoticon in lacrime dalla disperazione).
Dal C15 parte solo una linea, quindi non ha nemmeno la linea prese e luci separate, Santo Cielo!

la prima cosa che gli ho detto e di far sistemare subito almeno il quadro, sostituendo entrambi gli interruttori (della prima metà dell'ottocento) con unico magnetotermico differenziale da 15 A.
Almeno come soluzione provvisoria.

Bisognerebbe sostituire la linea montante con una da almeno 6 mm^2 e rifare il quadro generale, magari separando le linee.

Il problema riguarda soprattutto la linea montante, che non è facile sostituire nelle condizioni date. Lo spazio nei corrugati non c'è, fare una linea esterna è complicato non solo per ragioni tecniche, la linea dovrà infatti attraversare il selciato di colui che abita al piano terra.

Il cliente l'impianto lo vuole fare subito per iniziare subito a risparmiare.
Lo desidera come si desidera una cosa verso la quale si è andati in fissa.

COSA FARE?
Ho pensato semplicemente di limitare la potenza in uscita a 2,5 kW, in modo da non far scattare il C15.
Di solito si limita la potenza in uscita per consentire il funzionamento dell'impianto prima dell'allaccio e si imposta la IMMISSIONE ZERO. Ho visto però che la potenza immessa si può impostare a piacimento, quindi potrei impostare una immissione massima di 2,5 kWp.


Nella sua situazione (lavora la mattina o la sera, pertanto un minimo di autoconsumo lo avrà) suppongo sia davvero poca l'energia che l'inverter non produce per effetto delle limitazioni imposte.

Ed in ogni caso è energia che ha un valore molto contenuto.
A conti fatti mi sembra una buona idea.

In questo modo il cliente ha a disposizione una potenza maggiore perché ai 3 kWh che può assorbire dalla rete ora si aggiungono quelli del FV o del sistema di accumulo.
Quindi la linea montante verrà stressata anche meno.
Non voglio dire che il lavoro di rifacimento totale di quadro e linea non vada fatto, dico solo che il fotovoltaico e l'accumulo non peggiorano il funzionamento dell'impianto di casa.

Voi che ne pensate?
Cosa fareste?
Ultima modifica di Foto UtentePietroBaima il 3 ago 2022, 15:38, modificato 3 volte in totale.
Motivazione: millimetri quadrati si scrive mm^2 e non mmq
Avatar utente
Foto Utenteplanaremagico
103 1 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 178
Iscritto il: 13 lug 2009, 0:36

0
voti

[2] Re: Linea montante da 2,5mm^2 e fotovoltaico

Messaggioda Foto UtenteFa1000 » 3 ago 2022, 15:48

Tecnicamente dovresti allacciare l'impianto a monte del C15 (proteggendo la derivazione) in modo che l'impianto di casa sia limitato e non possa assorbire la somma della potenza di produzione + quella di importazione massima ammessa.
A livello dichiarazione di conformità credo tu possa avere qualche problema in quanto dichiari un impianto da 6kWp che non può funzionare correttamente.
Se non ha differenziale presumo che il tuo cliente non si sarà neanche preoccupato di avere un impianto di terra, ed i tuoi componenti non sono tutti a doppio isolamento ergo ti serve messa a terra.
Piccola polemica verso il tuo cliente ( e molti altri purtroppo )... Si installano impianti da 20k€ ( magari perché gratis con bonus) e poi non si tirano fuori 1000€ per mettere in sicurezza l'impianto!
Avatar utente
Foto UtenteFa1000
65 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 57
Iscritto il: 11 lug 2018, 19:12

0
voti

[3] Re: Linea montante da 2,5mm^2 e fotovoltaico

Messaggioda Foto Utenteplanaremagico » 3 ago 2022, 16:18

Certo che l'impianto fotovoltaico lo collegherò a monte del C15, non sarebbe neanche corretto installarlo a valle, credo.
Mi risulta che il punto di connessione di un impianto fotovoltaico possa essere il contatore di scambio, il generale di casa, o un punto intermedio sulla linea montante tra contatore di scambio e generale di casa, quindi sempre a monte del generale di casa.
Anche perché un differenziale da 30 mA rischia di scattare, non a caso vengono utilizzati differenziali da 300 mA.

Ciò premesso, perché ritieni che l'impianto non funzionante correttamente?
L'impianto fotovoltaico funzionerebbe abbastanza bene, visto che andrebbe in derating in casi eccezionali.
Non credo che perdendo una manciata di kWh annui si possa dire che l'impianto non funzioni.
E' un impianto esposto benissimo, produrrà sicuramente di più di quanto produca un impianto da 5 kWp male esposto ma col vantaggio di non avere alcuna limitazione (nella generazione dell'energia.

Il cliente ovviamente è perfettamente consapevole di ciò.
Il PE c'è, da 6 mmq.

Non usufruirà del superbonus ma della detrazione del 50%.
L'impianto lo metterà in sicurezza ma poiché questa attività comporta qualche complicazione, soprattutto coi condomini, per il momento vorrebbe pensare al fotovoltaico e poi successivamente al resto.

Prima che intervenissi io era convinto che il suo impianto elettrico stava a posto.
Eviterei di parlarne male, sta facendo il possibile per migliorare la sua casa, è una persona per bene.

Sono anni che vive con questo impianto elettrico, e non lo preoccupa vivervi per altri mesi.
Certo è che il differenziale va sostituito subito, lo avrei già fatto ma sto chiuso in casa col Covid, maledetto virus, m'ero quasi dimenticato della sua esistenza.
Avatar utente
Foto Utenteplanaremagico
103 1 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 178
Iscritto il: 13 lug 2009, 0:36

2
voti

[4] Re: Linea montante da 2,5mm^2 e fotovoltaico

Messaggioda Foto UtenteGioArca67 » 3 ago 2022, 19:52

Ecco, visto che stai in casa, ritaglia un po' di tempo per rileggere la CEI 0-21.
Cos'è un DG
Cosa sono i DGL
Poi anche la CEI 64-8 con riferimento a quando si mette un differenziale da 300mA e quando uno da 30mA.

Fai attenzione ad una cosa: se la tensione ai morsetti dell'inverter sale troppo (253V), si disconnette.
Avatar utente
Foto UtenteGioArca67
2.357 4 4 9
Master
Master
 
Messaggi: 2226
Iscritto il: 12 mar 2021, 9:36

2
voti

[5] Re: Linea montante da 2,5 mm² e fotovoltaico

Messaggioda Foto UtenteFranco012 » 3 ago 2022, 22:20

Visto che in questa discussione le sezioni sono rappresentate nei modi più disparati (mmq - mm^2 - mm^{2}) faccio presente che è possibile utilizzare le scorciatoie da tastiera (magari qualche volta non funzionano, a seconda dell'ambiente utilizzato, ma non costa molto provarci). In particolare, con Windows e tastiera italiana, per ottenere il numero "2" come apice, basta utilizzare la combinazione ALT + 0178 (non dimenticare lo zero), ottenendo, ad esempio, 6 mm².

Già che ci sono, altre combinazioni utili:
"1" come apice: es. si ottiene con ALT + 0185 oppure ALT + 251;
"3" come apice: es. si ottiene con ALT + 0179;
La "µ" di micro: es. 6 µA si ottiene con ALT + 0181 oppure ALT + 230;
Il simbolo ± si ottiene con ALT + 0177;
Il simbolo ÷ si ottiene con ALT + 0247;
Il simbolo ~ si ottiene con ALT + 0126.

Ci sono anche altre combinazioni, che generano ad esempio ¼ ½ ¾ ‰, ma sono meno utilizzate.

Ricordo, inoltre, che da regola del Forum (vedi qui), il simbolo deve seguire il valore numerico, distanziato con uno spazio.
Quindi, 30 mA e non 30mA.
Grazie per l'attenzione.
Big fan of ƎlectroYou
Avatar utente
Foto UtenteFranco012
5.004 3 3 7
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2193
Iscritto il: 8 ago 2015, 19:40
Località: Sardegna

1
voti

[6] Re: Linea montante da 2,5mm^2 e fotovoltaico

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 3 ago 2022, 23:10

Mi accodo al piccolo OT di Foto UtenteFranco012 per indicare che da smartphone (almeno con Android e "tastiera" SwiftKey ma sicuramente ci sarà un modo simile con iPhone) si ottengono con estrema facilità gli apici numerici cliccando su "123" e poi tenendo premuto sul numero che si vuole mettere in apice;
esempio:
m², mm³, 3⁴ etc.
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
19,0k 4 7 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 13231
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

0
voti

[7] Re: Linea montante da 2,5mm^2 e fotovoltaico

Messaggioda Foto Utenteplanaremagico » 4 ago 2022, 2:55

GioArca67 ha scritto:Fai attenzione ad una cosa: se la tensione ai morsetti dell'inverter sale troppo (253V), si disconnette.


Grazie per avermelo fatto notare, non ci avevo pensato.

Quanto al resto non ho capito nello specifico quale amenità abbia scritto.
Negli impianti fotovoltaici tutti utilizzano differenziali da 300 mA in classe A, come suggeriscono anche le schede tecniche degli inverter.
Ma forse alludere ad altro.

Posso chiederti esplicitamente cosa ne pensi?
Ritieni che non si possa installare un impianto del genere?
Ipotizzando che la tensione non superi i 253 V, ritieni che il fotovoltaico possa aggravare la situazione dell'impianto di casa?
Che l'impianto non sia a norma ora fortunatamente lo sa anche il cliente.
Sto cercando solo di capire se la soluzione a cui ho pensato rende l'installazione dell'impianto fattibile.
Avatar utente
Foto Utenteplanaremagico
103 1 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 178
Iscritto il: 13 lug 2009, 0:36

0
voti

[8] Re: Linea montante da 2,5mm^2 e fotovoltaico

Messaggioda Foto Utenteplanaremagico » 4 ago 2022, 2:59

Scusate, ho un computer senza tastierino numerico, ma potrei anche fare dei copia incolla da un foglio Word. La prossima volta farò più attenzione.
Ultima modifica di Foto Utenteplanaremagico il 4 ago 2022, 3:03, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Foto Utenteplanaremagico
103 1 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 178
Iscritto il: 13 lug 2009, 0:36

1
voti

[9] Re: Linea montante da 2,5mm^2 e fotovoltaico

Messaggioda Foto UtenteGioArca67 » 4 ago 2022, 9:20

Hai misurato la resistenza di terra?
Avatar utente
Foto UtenteGioArca67
2.357 4 4 9
Master
Master
 
Messaggi: 2226
Iscritto il: 12 mar 2021, 9:36

1
voti

[10] Re: Linea montante da 2,5mm^2 e fotovoltaico

Messaggioda Foto UtenteDanielex » 4 ago 2022, 14:43

planaremagico ha scritto:per il momento vorrebbe pensare al fotovoltaico e poi successivamente al resto.


L'impianto fotovoltaico è parte integrante dell'impianto elettrico.
Sicuramente, alle condizioni attuali, non puoi redigere una DICO in cui dichiari la "compatibilità con l'impianto esistente".
Inoltre, come detto da Foto UtenteGioArca67 il DG, il DDG e la linea montante sono parte integrante del tuo lavoro.


In sostanza tu quell'impianto FV non lo puoi realizzare se non adegui il montante e le relative protezioni.
Questa è la forma.
La sostanza è ancora peggio.

Consiglio spassionato: se il cliente non vuole adeguare l'impianto lascia stare. Stiamo parlando di rifare un quadro che costerà 300 € e di rifare una linea montante di qualche decina di metri, mentre l'impianto FV in sè immagino che abbia un costo > 15000 €. Scherziamo?

Non avresti nemmeno dovuto farti venire il dubbio.
O_/
Avatar utente
Foto UtenteDanielex
4.467 3 4 8
Master
Master
 
Messaggi: 3230
Iscritto il: 21 feb 2008, 18:18

Prossimo

Torna a Energia e qualità dell'energia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti