Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Corrente nominale quadro elettrico (Inq)

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto UtenteMike, Foto Utentesebago

0
voti

[1] Corrente nominale quadro elettrico (Inq)

Messaggioda Foto Utentearosini » 7 ago 2009, 12:37

Ho visto un'infinità di modi di calcolare questo valore. Per molti è uguale al valore dell'interruttore generale del quadro elettrico indipendentemente dagli interruttori in uscita. Altri invece fanno la somma delle correnti degli interruttori in uscita sostenendo che (in caso di alimentazione trifase) se hanno tre interruttori monofase da 10 A distribuiti uno su ogni fase, la Inu allora vale 10 A.
Non mi sembra che la 23-51 dica di fare ciò. La Ine vale 85% della corrente nominale del dispositivo di protezione o manovra mentre la Inu è la somma di tutte le correnti nominale degli interruttori sia che siano trifase che mono fase equilibrati o no.
Non ho trovato la stessa definizione sulla 17-13 ma credo che sia la stessa cosa.
Concordate con me?

Alessandro
Avatar utente
Foto Utentearosini
0 3
 
Messaggi: 42
Iscritto il: 31 mag 2008, 14:26

1
voti

[2] Re: Corrente nominale quadro elettrico (Inq)

Messaggioda Foto UtenteMASSIMO-G » 7 ago 2009, 23:00

La norma 17-13 parlando di corrente nominale di un circuito di un'apparecchiatura cosi la definisce "La corrente nominale di un circuito di un'apparecchiatura è fissata dal costruttore in funzione dei valori nominali dei componenti dell'equipaggiamento elettrico interno dell'apparecchiatura, della loro disposizione fisica e della loro utilizzazione. Questa corrente deve essere sopportata senza che il riscaldamento delle diverse parti dell'apparecchiatura superi i limiti specificati in 7.3 tab.2 quando la prova sia effettuata in conformità a quanto indicato in 8.2.1" Nota (a causa della complessità dei fattori che determinano le correnti nominali non può essere dato nessun valore normalizzato) 4.2 Cei 17/13
Quindi per i quadri che ricadono in questa norma generale (i quadri industriali e del terziario per intenderci) la corrente nominale viene assegnata dal costruttore , in genere si procede in base al circuito di entrata declassando la corrente nominale dell'interruttore generale , si spiega di conseguenza una dei metodi riportati nel post precedente. La norma 23-51 definisce in modo piuottosto rigoroso la corrente nominale del quadro ma la norma generale dei quadri a tale proprosito è abbastanza generica. In effetti la corrente nominale del quadro varia in funzione di tantissimi parametri, un quadro che questo inverno poteva avere una corrente nominale di 2000A ora con il caldo che fa dovrebbe portare sulle sabrre principali al massimo 1500A senza surriscaldare troppo i componenti (interruttori , ect). La barratura principale viene dimensionata per la corrente nominale dell'interruttore ma se il costruttore lo ritiene opportuno apporterà un declassamento dovuto al fatto che le correnti nominali dell'interruttore sono determinate in aria libera mentre una volta installato l'interruttore si trova all'interno di un involucro. In definitiva un dato apparentemente banale come la corrente nominale lascia adito a numerosi dubbi e la sua determinazione non è per nulla univoca.
Molto piu semplice il discorso per i quadri che ricadono nella norma semplificata 23-51
Avatar utente
Foto UtenteMASSIMO-G
13,3k 6 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2701
Iscritto il: 20 set 2004, 8:31
Località: PIACENZA


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 52 ospiti