Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ambulatorio dentistico

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[1] Ambulatorio dentistico

Messaggioda Foto Utenteclanis » 10 nov 2011, 20:19

Salve a tutti, in un ambulatorio dentistico da me progettato 8 anni or sono, durante una visita ispettiva è stato contestato al mio cliente il fatto che l'apparecchiatura radiologica e il riunito fossero protetti con semplici interruttori differenziali di tipo AC, anzichè di tipo A come richiesto dalla norma CEI 64-8.
Il circuito prese all'interno dell'ambulatorio è protetto invece con differenziale di tipo A.

Ora sono andato a rispulciarmi la normativa, nella guida "color cielo" che molti di noi conoscono, parlando dell'impianto eletttrico a servizio di locali medici di gruppo 1 (come nel mio caso) riporto fedelmente:
"I circuiti che alimentano prese a spina con corrente nominale fino a 32A devono essere protetti da interruttori differenziali con Idn ≤ 30mA, di tipo A o B. le eventuali prese di corrente nominale superiore a 32 A ed i circuiti che alimentano utenze fisse possono essere protetti da interruttori magnetotermici (sitemi TN e IT) o con interruttori differenziali di altro tipo e altre soglie d’intervento (sistemi TT), par 3.1."

Leggendo qui sopra, e considerando che appunto il riunito in questione e l'apparecchio radiologico sono alimentati direttamente, deduco che sia ammissibile anche l'utilizzo di differenziali AC.
Questo concetto è ripetuto in almeno 3 punti della medesima guida "color cielo".

Andando a spulciarmi la normativa 64-8, art 710.413.1.3 sembra invece che l'ispettore abbia ragione "nei locali medici di gruppo 1 e 2, dove sono richiesti interruttori differenziali, devono essere scelti solo quelli di tipo A o di tipo B, in funzione del tipo della possibile corrente di guasto".

Qualcuno sa chiarirmi questo dubbio? Ho interpretato male qualcosa? Mi sono perso qualcosa? Ha sbagliato per ben 3 volte uno dei più illustri ed auterevoli esperti di elettrotecnica in Italia (dubito fortemente)?

Grazie a tutti
Avatar utente
Foto Utenteclanis
105 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 147
Iscritto il: 18 mar 2009, 18:55

0
voti

[2] Re: Ambulatorio dentistico

Messaggioda Foto Utentethekant » 11 nov 2011, 9:39

Sono proprio curioso perché anche io interpreto alla tua maniera le indicazioni dell'Esperto...quello che hai riassunto viene indicato anche fuori dalla guida specifica
Avatar utente
Foto Utentethekant
110 1 3 6
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 588
Iscritto il: 5 set 2009, 12:20

0
voti

[3] Re: Ambulatorio dentistico

Messaggioda Foto UtenteMike » 11 nov 2011, 10:40

Confermo, l'art. 710.413.1.3 parla chiaro, è la guida blu che può trarre in inganno, ma di fatto non specifica quello che tu hai interpretato, negli ambulatori medici di gruppo 1 e 2 i differenziali devono essere di tipo A o B. Con la frase "Gli altri interruttori possono essere di tipo AC.." secondo me intende altri luoghi che non siano ambulatori di gruppo 1 o 2, per esempio gruppo 0 e il flow chard della fig. 3.4 è sbagliato. Van benissimo le guide, sono un ottimo ausilio, soprattutto quelle blu, in ogni caso consiglio sempre di riferirsi alla norma.
Manda una email al direttore ;-)
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,8k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14244
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[4] Re: Ambulatorio dentistico

Messaggioda Foto Utentemarco61 » 11 nov 2011, 14:27

Io la interpreto così:
Nei locali di gruppo 1 o 2
-i circuiti che alimentano prese a spina fino a 32 A vanno protetti con differenziali da 30 mA tipo A o B
-altri circuiti che alimentano utenze fisse proteti con differenziali anche superiori a 30 mA ma sempre di tipo A o B.
Nelle zone non classificate uso medico differenziali anche tipo AC
Avatar utente
Foto Utentemarco61
540 1 6
Master
Master
 
Messaggi: 482
Iscritto il: 13 feb 2006, 15:17
Località: Lecco

0
voti

[5] Re: Ambulatorio dentistico

Messaggioda Foto Utentemarco61 » 11 nov 2011, 16:50

Rettifico
Nei locali di gruppo 2 differenziali solo da 30 mA o inferiore
Avatar utente
Foto Utentemarco61
540 1 6
Master
Master
 
Messaggi: 482
Iscritto il: 13 feb 2006, 15:17
Località: Lecco

0
voti

[6] Re: Ambulatorio dentistico

Messaggioda Foto Utenteclanis » 11 nov 2011, 20:25

Mike ha scritto:Confermo, l'art. 710.413.1.3 parla chiaro, è la guida blu che può trarre in inganno, ma di fatto non specifica quello che tu hai interpretato, negli ambulatori medici di gruppo 1 e 2 i differenziali devono essere di tipo A o B. Con la frase "Gli altri interruttori possono essere di tipo AC.." secondo me intende altri luoghi che non siano ambulatori di gruppo 1 o 2, per esempio gruppo 0 e il flow chard della fig. 3.4 è sbagliato. Van benissimo le guide, sono un ottimo ausilio, soprattutto quelle blu, in ogni caso consiglio sempre di riferirsi alla norma.
Manda una email al direttore ;-)


Concordo in pieno sul fatto che la norma sia piuttosto chiara a riguardo (differenziali di tipo A a protezione delle apparecchiature contenute all'interno di ambulatori medici di gruppo 1 e 2), ma sostengo con altrettanta fermezza che nella guida del professore il concetto opposto è espresso in ben 3 punti e in tutti e 3 in maniera chiara ed altrettanto inequivocabile.
L'estratto della guida che ho riportato, porta come titolo nella pagina precendente "impianto elettrico nei locali medici di gruppo 1 e 2" quindi la tesi che voglia dire "potete usare diff. di tipo AC negli altri locali e nei locali medici di tipo 0, non regge.

Manderò certamente una mail al direttore a tal riguardo.

Equivoco o errore a parte, l'errore è sicuramente mio nel non aver approfondito fino in fondo la normativa, anzichè limitarmi allo studio della guida (che comunque già è abbastanza impegnativo direi).

Vi terrò aggiornati a riguardo
Avatar utente
Foto Utenteclanis
105 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 147
Iscritto il: 18 mar 2009, 18:55

0
voti

[7] Re: Ambulatorio dentistico

Messaggioda Foto Utenteclanis » 22 nov 2011, 13:36

Buongiorno a tutti, scrivo di nuovo su questo post per tenervi aggiornati sulla questione, soprattutto alla luce della risposta alla mail inviata al "direttore", nella quale facevo presente le incongruenze tra quanto indicato nella norma 64-8 art. 710.143.1.3 e la guida blu!

Mi è stata fornita la seguente motivazione:
la norma, all'art 710.413.1.3 al comma 1 prescrive l'utilizzo di interruttori differenziali (con Idn=30mA) per tutti i circuiti prese con portata inferiore a 32A.
Al comma 4 specifica che, per gli ambulatori di gruppo 1 e 2, dove sono richiesti interruttori differenziali, questi devono essere di tipo A o B.
E qui l'interpretazione del direttore: dov'è che la norma richiede l'utilizzo di interruttori differenziali? Solo a protezione dei circuiti prese inferiori a 32A.

Poi se decido di proteggere anche riunito, raggi X e altre utenze con interruttore differenziale (scelta praticamente obbligata in caso di sistema TT), è una scelta progettuale e non espressamente richiesto dalla norma, quindi non devono essere di tipo A o B.

Quindi, concludendo, in un ambulatorio dentistico, secondo il direttore, il riunito ed altri utilizzatori alimentati direttamente senza l'utilizzo di prese, posso essere protetti con "normali" differenziali "AC".

Passo la palla a voi con le considerazioni del caso.

Saluti
Avatar utente
Foto Utenteclanis
105 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 147
Iscritto il: 18 mar 2009, 18:55

0
voti

[8] Re: Ambulatorio dentistico

Messaggioda Foto Utentemarco61 » 22 nov 2011, 17:36

Secondo me il paragrafo che prevede l'obbligo dei differenziali tipo A o B è slegato da quello che prevede l'obbligo del differenziale da 30 mA per i circuiti prese fino a 32 A; per cui nella zona paziente di un locale di gruppo 1 o 2 i differenziali devono essere tipo A o B.
Avatar utente
Foto Utentemarco61
540 1 6
Master
Master
 
Messaggi: 482
Iscritto il: 13 feb 2006, 15:17
Località: Lecco

0
voti

[9] Re: Ambulatorio dentistico

Messaggioda Foto UtenteMike » 22 nov 2011, 20:13

Interessante... non ne capisco il senso però! Perché si prescrive il differenziale A o B per le prese < 32A mentre per tutte le utenze fisse non alimentate tramite presa pur < di 32 A si può installare un differenziale AC? Lo trovo fuori logica! Chiedo lumi a Foto Utente6367 che è un luminare in materia :mrgreen:
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,8k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14244
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[10] Re: Ambulatorio dentistico

Messaggioda Foto Utenteelettro » 22 nov 2011, 21:32

La logica potrebbe essere espressa nel seguente ragionamento:---

La apparecchiature radiologiche, per loro utilizzo specifico in ambito medico e la loro costruzione elettrico-elettronico, possono derivare sul paziente correnti anomale non medicali, del tipo pulsante o continuo, in caso di eventuale guasto della elettronica, anche se, probabilmente, le nuove concezioni elettroniche hanno sicuramente molte protezioni ad hoc...

La probabilità è remota....certo...ma dato che in questi casi la salvaguardia del paziente deve essere assoluta, meglio adottare il differenziale tipo A o B....

"Francamente...a titolo personale, penso che probabilmente il rischio maggiore si potrebbe avere in caso di fulminazione indiretta o diretta dell'immobile ove locato l'ambulatorio, mentre il paziente è associato all'apparecchio medicale e, quest'ultimo e interessato da corrente impulsiva sulla propria alimentazione....in questo caso entriamo nella protezione da sovratensioni ...ed è un altro aspetto...""
Avatar utente
Foto Utenteelettro
903 3 5 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: 9 mar 2005, 19:23

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 14 ospiti