Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ampliamento abitazione civile - Magnetotermico diff. selett.

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[1] Ampliamento abitazione civile - Magnetotermico diff. selett.

Messaggioda Foto Utentercshot » 10 mar 2012, 20:14

Ciao a tutti.
Non sono un professionista del settore ma avrei piacere di avere una vostra opinione in merito a quanto vi esporrò.
L'attuale mia dimora (casa vecchia e finita di ristrutturare ormai 15 anni fa) è stata "ampliata" ricostruendo un vecchio fienile attiguo (è attaccato alla casa, ha i muri condivisi per intenderci).
I locali abitabili di questo nuovo "volume" sono 1 entratina, 1 piccolo bagno e 1 stanza adibita a studio.

L'elettricista sostiene giustamente che l'impianto deve essere conforme a quanto regolamentato dalla CEI 64-8.

Ora, per "svincolarsi" dalla verifica/conformità dell'impianto già esistente mi dice che dovremmo:
- arrivare sul centralino che servirà questi 3 ambienti con i 3 cavi canonici (fase, neutro, terra) da 6mm2
- partire dal nuovo centralino che metteremo nell'entratina di questa nuova "zona" con 1 magnetotermico differenziale x luci 2P10-003 e 1 magnetoterm.diff. per la forza 2P16-003

Quello che non riesco a comprendere è che:
i 3 cavi da 6 che andranno al nuovo ambiente dovranno partire sì dal centralino generale già esistente della "vecchia casa" ma partiranno da un MAGNETOTERMICO DIFFERENZIALE SELETTIVO ?%
In pratica il nuovo ambiente col suo nuovo centralino con i 2 magnetotermici classici (forza e luce) sarà servito da una linea con 3 cavi sezione 6mm2 che arriverà da un magnetotermico differenziale selettivo direttamente servito dal contatore ENEL.

Riporto le sigle di questo magnetotermico selettivo:
Il MAGNETOTERMICO è un F82A/16 400V C16 4500,
il DIFFERENZIALE è un G24/32AS con I"delta"n= 0,3A :?:

Potete far luce su questo discorso del differenziale selettivo e se con questa "selettività" è adeguato per il mio caso? Serve , non serve, è obbligatorio? Costa più lui di tutto il resto!

Grazie per l'attenzione, ciao.
Avatar utente
Foto Utentercshot
0 2
 
Messaggi: 4
Iscritto il: 10 mar 2012, 19:23

0
voti

[2] Re: Ampliamento abitazione civile - Magnetotermico diff. sel

Messaggioda Foto Utentecrit » 11 mar 2012, 11:38

Non è obbligatorio ma consigliato. Quello che di fatto è obbligatorio è la protezione differenziale istantanea (solitamente Id=0,03A) delle utenze (luce, prese, ecc), se a monte c'è un selettivo tanto meglio ma serve solo nel caso un dei differenziali a valle manchi l'intervento il che è cosa difficile se vengano provati regolarmente ma non impossibile.
Avatar utente
Foto Utentecrit
133 1 3 5
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 722
Iscritto il: 31 mag 2007, 12:23
Località: Pistoia

0
voti

[3] Re: Ampliamento abitazione civile - Magnetotermico diff. sel

Messaggioda Foto Utentecippolla02 » 11 mar 2012, 16:36

MAGNETOTERMICO DIFFERENZIALE SELETTIVO

Se i due centralini sono a doppio isolamento e posava un cavo multipolare idoneo 2x6mmq il differenziale dovrebbe non servire, aspettiam conferme ... perché il rischio di contatti indiretti è molto basso.

Se comunque voleva mettere un differenziale a protezione della linea la soluzione più semplice era quella di mettere un differenziale istantaneo da 0.03A nel quadro generale (protetto da un magnetotermico idoneo, che potrebbe non servire ma bisogna vedere cosa hai in quel centralino) e nel centralino nuovo solo i magnetotermici ... direi un bel risparmio ...

Ora, per "svincolarsi" dalla verifica/conformità dell'impianto già esistente mi dice che dovremmo:

Bisogna misurare la resistenza di terra perché sia ok con quella del differenziale da 0,3A ...
Io darei un'occhiata anche a monte se è tutto ok

PS
Ma il selettivo l'ha messo a monte di tutto?? O_/
Avatar utente
Foto Utentecippolla02
20 3
 
Messaggi: 47
Iscritto il: 26 gen 2012, 23:59

0
voti

[4] Re: Ampliamento abitazione civile - Magnetotermico diff. sel

Messaggioda Foto Utentercshot » 11 mar 2012, 20:31

Ok, grazie per gli interventi.

PEr chiarire meglio io avrò:

Contatore Enel---------->Magnetotermico Differenziale in questione (Il MAGNETOTERMICO è un F82A/16 400V C16 4500, il DIFFERENZIALE è un G24/32AS con I"delta"n= 0,3A)------------------->cavi da 6--------> centralino nuove stanze con i2 differenziali luce e forza.
La terra misurata con la fase mi dà 230 V ma non saprei che valori deve restituire per essere una "buona terra".
Più che altro volevo sapere da voi se le caratteristiche riportate di sto benedetto magnetotermico differenziale che stà a monte di tutto hanno valore in questo contesto o non serve a un "BIP".

quegli 0,3A? da 0,03A selettivi sembrano non esistere

Ciao, grazie O_/
Avatar utente
Foto Utentercshot
0 2
 
Messaggi: 4
Iscritto il: 10 mar 2012, 19:23

0
voti

[5] Re: Ampliamento abitazione civile - Magnetotermico diff. sel

Messaggioda Foto Utente6367 » 11 mar 2012, 22:39

Ora, per "svincolarsi" dalla verifica/conformità dell'impianto già esistente mi dice che dovremmo


:shock: non è molto chiaro....


Più che altro volevo sapere da voi se le caratteristiche riportate di sto benedetto magnetotermico differenziale che stà a monte di tutto hanno valore in questo contesto o non serve a un "BIP".


Premesso che non ho ben capito come è fatto l'impianto, probabilmente un differenziale generale non è essenziale, ma nemmeno è inutile.

da 0,03A selettivi sembrano non esistere


Certo che no, sarebbero selettivi nei confronti di che?

Quello che di fatto è obbligatorio è la protezione differenziale istantanea (solitamente Id=0,03A) delle utenze (luce, prese, ecc),


Be', è una consuetudine mettere il 30 mA dappertutto, in realtà non è richiesto per tutte le utenze.
Avatar utente
Foto Utente6367
18,8k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6064
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[6] Re: Ampliamento abitazione civile - Magnetotermico diff. sel

Messaggioda Foto Utentecippolla02 » 12 mar 2012, 21:50

Più che altro volevo sapere da voi se le caratteristiche riportate di sto benedetto magnetotermico differenziale che stà a monte di tutto hanno valore in questo contesto o non serve a un "BIP".

Le caratteristiche vanno più o meno bene, ... qualche dubbio sulla sua utilità lì ....
Nel senso che poteva metterlo a monte degli altri interruttori nel centralino!!!! E il magnetotermico associato secondo me poteva essere da 25A non da 16A e potere d'interruzione di 6kA!!!
Avatar utente
Foto Utentecippolla02
20 3
 
Messaggi: 47
Iscritto il: 26 gen 2012, 23:59

0
voti

[7] Re: Ampliamento abitazione civile - Magnetotermico diff. sel

Messaggioda Foto Utentercshot » 12 mar 2012, 23:00

..che stupido...praticamente il selettivo mi protegge la linea dei cavi da 6 che vanno dal nodo sul quadro già esistente (direttamente collegato al contatore Enel) al nuovo centralino x il nuovo ambiente:
i cavi in questioni si snodano (anche se incanalati negli appositi corrugati nei muri) circa 20 metri di casa.
Grazie.
Avatar utente
Foto Utentercshot
0 2
 
Messaggi: 4
Iscritto il: 10 mar 2012, 19:23

0
voti

[8] Re: Ampliamento abitazione civile - Magnetotermico diff. sel

Messaggioda Foto Utentegiuliomega » 13 mar 2012, 10:32

Domanda delle 100 pistole.

Ma non c'era spazio per lavorare solo sul Generale?

Aggiungo: di solito la filosofia del risparmio, come detto anche da altri tecnici, è quella di un differenziale per più servizi e singoli magneto termici per singolo servizio. Non condivido molto, ma è la prassi.

Giulio Passarini
Avatar utente
Foto Utentegiuliomega
693 4 10
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 266
Iscritto il: 28 giu 2010, 16:15
Località: Follonica (GR)


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 23 ospiti