Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Usare circuiti integrati

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteBrunoValente

0
voti

[1] Usare circuiti integrati

Messaggioda Foto UtenteDiake » 6 giu 2012, 19:04

Ciao a tutti,
vi faccio questa domanda che è quasi da Off-topic ma che mi ha lasciato perplesso:
E' da un po' che ormai sono appassionato di elettronica e volevo chiedervi un parere per l'utilizzo dei circuiti integrati.
secondo voi è lecito utilizzare i circuiti integrati senza conoscere come funzionano al loro interno e quali circuiti ci sono? mi sento come se stessi barando e non mi da la soddisfazione di realizzare invece un circuito con le mie mani!
Faccio un esempio: da poco ho costruito un alimentatore e mi hanno consigliato un 7809, un circuito che stabilizza la tensione a 9V al posto di un zener + transistor di potenza. Io mi son sentito come chi fa i circuiti partendo dagli schemi senza capirli neanche, leggendo solo le specifiche dei datasheets.
grazie e mi scuco per la domanda un po' "idiota"
Diake
Avatar utente
Foto UtenteDiake
58 2 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 129
Iscritto il: 30 mar 2012, 19:56

0
voti

[2] Re: Usare circuiti integrati

Messaggioda Foto Utentesimo85 » 6 giu 2012, 19:19

Non sei un idiota e non devi sentirti come tale, anzi.. Sei curioso ed hai voglia di imparare, e questo ti fa onore. Compra un buon libro di elettronica analogica e perché no anche uno di elettronica digitale. :)
Vedi anche nel forum o nel blog di Foto UtenteIsidoroKZ l'articolo de libri consigliati.

Solo con lo studio arriveranno le risposte ai tuoi perché.
Avatar utente
Foto Utentesimo85
30,8k 7 12 13
Disattivato su sua richiesta
 
Messaggi: 9930
Iscritto il: 30 ago 2010, 4:59

0
voti

[3] Re: Usare circuiti integrati

Messaggioda Foto UtentePiercarlo » 6 giu 2012, 19:31

Diake ha scritto: grazie e mi scuco per la domanda un po' "idiota"
Diake


La domanda non è idiota anzi... Semmai è la risposta che, per necessità non è il massimo a cui un appassionato di elettronica possa aspirare: i circuiti integrati più semplici (alimentatori, amplificatori operazionali, oscillatori e in genere tutti i "mattoni" con cui viene costruita ogni altra elettronica) devono il loro successo alla stessa ragione che ha portato alla diffusione dei prefabbricati: fa risparmiare prima di tutto lavoro e, in un secondo tempo, una volta che la tecnologia si è conolidata, anche un bel po' di soldi.
Per l'elettronica poi rendono disponibili possibilità (i processori e i microntrollori per esempio) che non solo vengono ormai offerte a prezzi molto competitivi ma per le quali in realtà non si conosce alcun altro modo altrettanto pratico ed efficiente di sfruttarli. Sono un po' come il "fuoco" nella civiltà umana: semplicemente con il fuoco puoi fare cose che non puoi praticamente ottenere senza. Lo stesso vale per gli integrati: sono ormai talmente diffusi da essere divenuti un ingrediente indispensabile senza i quali non va avanti più nulla. E, per continuare il paragone con il fuoco, spesse volte stanno all'elettronica classica più o meno come pietre focaie e acciarini stanno ad un buon accendino: sono molto più pratici e comodi.

Per quanto riguarda invece il "barare"... secondo me le possibilità reali di barare sono in realtà piuttosto limitate e alla fine le conoscenze che "non usi più" per risolvere i problemi che ti risolvono gli integrati poi ti ritrovi a tirarle fuori per risolvere altri problemi che, prima, non avevi semplicemente il tempo e i mezzi per affrontare in maniera produttiva. Per quello che ho potuto vedere io in circa trent'anni e passa di passione per l'elettronica, più passa il tempo e più la situazione richiede ingegneri MIGLIORI e non peggiori rispetto a quelli che in passato servivano realmente sul mercato (che comunque mica pettinavano le bambole neh...); più opportunità significa anche più problemi da risolvere e, in definitiva, una maggior disponibilità al cambiamento e all'aggiornamento così che, alla fine della fiera, non ti ritrovi affatto ad "accontentarti" di "ingegneri semplificati" ma piuttosto ad aver bisogno di ingegneri DIVERSI il cui bagaglio di conoscenze sia al passo con i tempi - che è l'esatto contrario di un "ingegnere da discount" come potrebbero indurre a pensare una visione superficiale delle cose (e soprattutto dei mestieri).

Il discorso comunque è molto lungo e personalmente l'unica cosa sensata che posso raccomandarti è: non farti problemi inutili... se non ti faranno fare delle cose te ne faranno fare sicuramente altre. Il più è riuscire a trovare un lavoro ma, una volta trovato, se hai delle capacità "sfruttabili" puoi star sicuro che ti lasceranno a far tutto tranne che a girarti i pollici.

Ciao
Piercarlo
Avatar utente
Foto UtentePiercarlo
21,7k 6 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 5923
Iscritto il: 30 mar 2010, 19:23
Località: Milano

0
voti

[4] Re: Usare circuiti integrati

Messaggioda Foto UtenteDiake » 6 giu 2012, 19:40

grazie mille per la risposta, siete stati molto gentili e rassicuranti
per rispondere a Foto Utentesimo85 preso dalla passione ne ho comprati ben 3 dell'elenco e letti completamente già due!
Mi manca l'ultimo tomo da 600 pag che per ora uso più come un volcabolario che come un libro di testo data la mole di contenuti!
Grazie mille
Avatar utente
Foto UtenteDiake
58 2 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 129
Iscritto il: 30 mar 2012, 19:56

0
voti

[5] Re: Usare circuiti integrati

Messaggioda Foto UtenteSerTom » 6 giu 2012, 19:51

Per come la vedo io non può esistere un buon progettista se non conosce i circuiti di base; sarebbe come usare la calcolatrice senza saper fare le operazioni.
Certo gli integrati semplificano, rimpiccioliscono e alla fine costano anche meno ... quando va tutto liscio.
Ma quella volta che qualcosa non funziona ... a quale santo ti affidi ?
Una sana conoscenza di base inoltre ti permette di avere il controllo della situazione, es. saper scegliere quando usare transistor e zener o quando il regolatore integrato; per sapere fino a che punto ci di può spingere oltre i limiti e oltre gli usi classici (es. chi l'ha detto che uno zener serve per stabilizzare una tensione ... ?).
Infine, dov'è il divertimento a usare i mattoncini Lego; vuoi mettere il costruirseli ad hoc ?

Idem per il firmware; bello il C, il Pascal e Java, ma vuoi mettere saper scrivere in Assembler ?

Bye O_/ Ser.Tom
Avatar utente
Foto UtenteSerTom
4.199 1 4 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1956
Iscritto il: 18 mag 2012, 9:57

0
voti

[6] Re: Usare circuiti integrati

Messaggioda Foto Utentesimo85 » 6 giu 2012, 19:52

Secondo me la migliore scelta é un libro di "Microelettronica". Trovi TUTTO.
Avatar utente
Foto Utentesimo85
30,8k 7 12 13
Disattivato su sua richiesta
 
Messaggi: 9930
Iscritto il: 30 ago 2010, 4:59


Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 41 ospiti