Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Dubbio sul TRIAC

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteBrunoValente

0
voti

[1] Dubbio sul TRIAC

Messaggioda Foto UtenteSte75 » 29 gen 2013, 16:18

Ciao a tutti.

C'è sempre la prima volta...
Anche per me è arrivato il momento di usare un TRIAC.

Per quel poco che so finora ho capito che (cosidero questa immagine):


Nel caso sopra la lampada è spenta.

Se applico una tensione cosi (ampiezza impulso 0-Vg):




tale da avere un impulso per ogni passaggio dell'onda sinusoidale per lo zero, e quindi tale da fornire una corrente Ig nella direzione segnata, la lampada dovrebbe accendersi. Il triac andrebbe a lavorare tra il I e IV quadrante (questo solo se il triac lo permette).

Ora chiedo: se NON POSSO (o non voglio) lavorare nel IV quadrante, che faccio?

Penso che debba fare cosi (ampiezza impulso +Vg, -Vg):

E l'impulso positivo e negativo sono in corrispondenza dei passaggi per lo zero dell'onda.
Cosi dovrei andare a lavorare tra I e III quadrante. Corretto?

Ora, SE NON HO LA POSSIBILITA' di generare un impulso negativo?

Ha senso fare una cosa come questa?


Sempre ho l'impulso che capita per il passaggio dello zero.
Penso che cosi sto lavorando tra II e III quadrante che mi pare sia uno stato permesso per i TRIAC.
Però non ho bisogno di tensioni negative.

Dite che è OK?

Grazie
Ciao
Stefano
"perché un uomo è grande, GRANDE davvero, quando ritorna bambino di nuovo". Zecchino d'oro '87
Avatar utente
Foto UtenteSte75
2.450 7 13
Master
Master
 
Messaggi: 214
Iscritto il: 7 dic 2007, 12:31
Località: Monza e Brianza

0
voti

[2] Re: Dubbio sul TRIAC

Messaggioda Foto UtenteSte75 » 4 feb 2013, 14:04

Ciao.

Penso di aver detto una stupidata sull'ultimo schema postato.

Credo che quello giusto sia questo:


"perché un uomo è grande, GRANDE davvero, quando ritorna bambino di nuovo". Zecchino d'oro '87
Avatar utente
Foto UtenteSte75
2.450 7 13
Master
Master
 
Messaggi: 214
Iscritto il: 7 dic 2007, 12:31
Località: Monza e Brianza

1
voti

[3] Re: Dubbio sul TRIAC

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 11 feb 2013, 1:09

non riesco a capire perché ti poni il problema di quale quadrante lavora, con quale carico stia lavorando.

l'impulso in gate, sinceramente non lo ho mai dato negativo, dovrei guardare qualche datasheets, ma ritengo che non sia necessario, basti sapere che:
1- l'impulso in gate ti manda in saturazione il triac se ha una tensione tra a1 e a2, e se avvenuta la chiusura circola una corrente minima se non erro detta di holding, altrimenti il triac si riapre.
Puoi avere saturazione in quadrante 2 o 4 se hai un carico induttivo/capacitivo, in quanto la corrente si azzera quando la tensione è di verso opposto, quando si azzera la corrente si apre il triac.

per controllare la chiusura, e solo quella, devi applicare l'impulso in gate, all'istante corretto.

se ti serve controllare l'apertura devi usare GTO, ma penso sia meglio un circuito a mosfet, (si deve valutare in merito al circuito che devi realizzare).

l'ultimo schema, secondo me non funziona, applicando 0 oppure 5V ti troverai sempre la tensione di linea in gate, (ed anche attraverso il circuito di controllo se aperto), nel migliore di casi è sempre innescato.

la Vg deve essere applicata tra a1 e gate, ovviamente tra a1 e a2 oppure gate e a2 c'è sempre tensione di rete se il triac è aperto.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.191 3 7 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2495
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

0
voti

[4] Re: Dubbio sul TRIAC

Messaggioda Foto UtenteStefanoSunda » 11 feb 2013, 12:43

Lavorando con tensioni alternate il TRIAC utilizzerà tutti e quattro i quadranti e quindi si prenderanno come tensione e corrente di eccitazione i suoi valori massimi.
Avatar utente
Foto UtenteStefanoSunda
2.272 3 6 10
Master
Master
 
Messaggi: 1549
Iscritto il: 16 set 2010, 19:29

0
voti

[5] Re: Dubbio sul TRIAC

Messaggioda Foto UtenteStefanoSunda » 11 feb 2013, 20:04

Avatar utente
Foto UtenteStefanoSunda
2.272 3 6 10
Master
Master
 
Messaggi: 1549
Iscritto il: 16 set 2010, 19:29

1
voti

[6] Re: Dubbio sul TRIAC

Messaggioda Foto UtenteCandy » 11 feb 2013, 22:42

Lavorare nel quarto quadrante non è semplice e non tutti i TRIAC lo permettono. Alcuni sembrano permetterlo e poi un bel giorno cambiano idea... E' capitato anche questo.

In questi casi però ti salva l'uso del fotodiac. E' un componente in più, è vero, ma isola galvanicamente anche la logica rispetto alla rete.
Avatar utente
Foto UtenteCandy
32,4k 7 10 13
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 10132
Iscritto il: 14 giu 2010, 22:54

0
voti

[7] Re: Dubbio sul TRIAC

Messaggioda Foto UtenteStefanoSunda » 12 feb 2013, 11:42

Lavorare nel quarto quadrante non è semplice e non tutti i TRIAC lo permettono. Alcuni sembrano permetterlo e poi un bel giorno cambiano idea... E' capitato anche questo.
Non ho esperienza di ciò. Probabilmente si è superato i valori di tensione e corrente. In questa configurazione per eccitare lo stesso Triac si deve applicare sul Gate una tensione di 1 volt ed una corrente di soli 14 milliampere. Saluti.
Avatar utente
Foto UtenteStefanoSunda
2.272 3 6 10
Master
Master
 
Messaggi: 1549
Iscritto il: 16 set 2010, 19:29


Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 18 ospiti