Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Impianto elettrico gonfiabili

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[1] Impianto elettrico gonfiabili

Messaggioda Foto Utenteclanis » 24 ott 2013, 10:55

Buongiorno, un nostro cliente è in possesso di attrezzature gonfiabili per feste e giochi. Tali gonfiabili vengono spostati continuamente tra le varie strutture in possesso del cliente.
Il costruttore del gonfiabile non ha fornito nessuna certificazione a riguardo, non c'è uno schema elettrico, non c'è una dichiarazione, un'attestazione, una relazione, niente di niente........ed è praticamente irreperibile.

Un tecnico Usl ha richiesto di eseguire alcuni interventi sull'impianto a bordo macchina del gonfiabile, come l'installazione di un interruttore differenziale, ecc. e di produrre uno schema dell'impianto. A mio avviso ha torto, doveva semplicemente chiedere le certificazioni del costruttore.

Io mi trovo in difficoltà (devo andare a verificare, rilevare e produrre uno schema elettrico di un impianto che non conosco e in pratica dovrei farlo "mio") ed anche l'installatore non vuole certo intervenire su un impianto bordo macchina (assumendosi quindi tutte le responsabilità), che dovrebbe essere accompagnato dalla certificazione del costruttore.

Qualche consiglio su come risolvere la cosa?
Avatar utente
Foto Utenteclanis
105 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 147
Iscritto il: 18 mar 2009, 18:55

0
voti

[2] Re: Impianto elettrico gonfiabili

Messaggioda Foto Utenterosino » 24 ott 2013, 11:01

Farsi vedere con aria incazzata e fucile a canne mozze dal tecnico USL mentre va prendere il bimbo a scuola....

Come giustamente hai detto il quadro del gonfiabile è un bordomacchina; probabilmente sarà solo un gonfiatore con interruttore on-off.
Fai presente che la protezione differenziale la metti a monte, sulla linea che lo alimenta.... Che il cavo di alimentazione magari è protetto da canalina calpestabile e adeguato al tipo di posa.

Se non capisce chiedigli in base a quale normativa chiede ciò..... se non capisce ancora chiedigli di metterti per iscritto le prescrizioni in modo tale da potergli rispondere ufficialmente.... se non capisce ancora allora anche da parte mia mandalo a .......

Tanto siamo in Italia O_/
La saggezza non può essere trasmessa. La saggezza che un saggio tenta di trasmettere suona sempre simile alla follia.
Hermann Hesse - Siddharta
Avatar utente
Foto Utenterosino
3.566 2 7 11
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1954
Iscritto il: 11 gen 2010, 13:18
Località: Treviso (TV)

0
voti

[3] Re: Impianto elettrico gonfiabili

Messaggioda Foto UtenteGiovepluvio » 24 ott 2013, 11:09

rosino ha scritto:Se non capisce chiedigli in base a quale normativa chiede ciò..... se non capisce ancora chiedigli di metterti per iscritto le prescrizioni in modo tale da potergli rispondere ufficialmente....



Vedrai che la cosa muori a questo punto... :ok:
Avatar utente
Foto UtenteGiovepluvio
5.943 3 6 10
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2941
Iscritto il: 21 dic 2010, 1:10
Località: Mantova

0
voti

[4] Re: Impianto elettrico gonfiabili

Messaggioda Foto Utenteclanis » 24 ott 2013, 11:16

Ho avuto già a che fare con questo tecnico USL e vi assicuro che è dura!!!!

Comunque sia, trovo le sue richieste fuori luogo, ma è anche vero che questi benedetti gonfiabili dovrebbero essere provvisti di tutte le certificazioni, cosa che non hanno e come già detto il costruttore non è più reperibile.

Il mio cliente deve buttar via i gonfiabili? Altre soluzioni?
Avatar utente
Foto Utenteclanis
105 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 147
Iscritto il: 18 mar 2009, 18:55

0
voti

[5] Re: Impianto elettrico gonfiabili

Messaggioda Foto Utenterosino » 24 ott 2013, 11:26

Spero che le prescrizioni non nascano dalla commissione di pubblico spettacolo.
In tal caso, per esperienza diretta purtroppo, ho visto prescrizioni folli giustificate solo da una maggior sicurezza generale.
L'essere in Italia come ho scritto prima fa si che ci si trova davanti a funzionari incompetenti che in nome della sicurezza impongono surplus innominabili; questo lo dico, lo sottolineo e lo ribadisco solo perché ignorano (per non scrivere altro che alla fine ha lo stesso significato) svariate norme di settore ed hanno paura anche della loro ombra.
In tal modo dovesse succedere qualcosa possono sempre vantarsi... ma io avevo prescritto questo... ma io avevo prescritto quest'altro.
Non ho molte commissioni all'attivo ma posso dire che in ognuna di esse, nonostante mille carte e tutto nel rispetto della normativa, ogni funzionario fa mettere per iscritto qualcosa in più.

Dai moh... mica possono uscire senza far scrivere niente.... possono dare l'impressione di non essere competenti. :evil: :evil: :evil:

Detto questo se vuole le certificazioni dei gonfiabili ha titolo per farlo.
Il cliente deve attivarsi per farli certificare. Esistono figure professionali specifiche per tali lavori.
La saggezza non può essere trasmessa. La saggezza che un saggio tenta di trasmettere suona sempre simile alla follia.
Hermann Hesse - Siddharta
Avatar utente
Foto Utenterosino
3.566 2 7 11
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1954
Iscritto il: 11 gen 2010, 13:18
Località: Treviso (TV)

1
voti

[6] Re: Impianto elettrico gonfiabili

Messaggioda Foto UtenteSerafino » 24 ott 2013, 11:39

1- modificare una apparecchiatura elettrica regolarmente immessa sul mercato è un reato e quindi nemmeno l'uomo dell'ASL può chiederti di commettere un reato
2- siccome non è regolarmente immessa sul mercato ed il viio è palese, è il tuo cliente che sta commettendo un reato
3- intervenire a caso sulla base di indicazioni almeno altrettanto a caso è sanare la posizione dei due fessi di cui ai punti precedenti.
4- SI DEVE: produrre un fascicolo tecnico ai sensi delle normative comunitarie cogenti A VALLE di un esame tecnico approfondito e delle modifiche che risultassero necessarie, ivi compreso l'esecuzione di TUTTE le prove tecniche di legge. Il Fascicolo permette di apporre la marcatura CE oppure, in una certa forma alternativa, di mettere in servizio gli aggeggi.

Gli interventi spot non contestualizzati sono un errore di dimensioni colossali: metti caso che esista una norma tecnica che VIETI di fare quello che ti ha detto il tecnico ASL.... "signor giudice io sono uno che controlla non un progettista! il signor xxx aveva il sacrosanto dovere di verificare la norma di legge!".
Giudice :-Vero perché Lei caro il mio ASL non può essere né onniscente né un progettista, ma solo un controllore che dice passa o non passa quindi NON poteva dare suggerimenti ed ovviamente quanto da LEi detto era una informazione data fra tecnici davanti ad un caffè!.
Cattivo progettista!
Avatar utente
Foto UtenteSerafino
2.620 1 2 4
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1039
Iscritto il: 19 gen 2007, 19:39

0
voti

[7] Re: Impianto elettrico gonfiabili

Messaggioda Foto UtenteMike » 24 ott 2013, 20:46

Concordo con Foto UtenteSerafino il COSA fare devi deciderlo sempre tu, non l'uomo ASL!!!!! Altrimenti rifiuta l'incarico. A mio avviso, non entrando nel merito del gonfiabile come struttura e problematiche annesse (per es. reazione al fuoco, valutazione rischio per chi lo usa, ecc.), la sicurezza elettrica è di una banalità assurda. Messo corretto a terra il compressore e protetto a monte da differenziale anche da 30 mA, non c'è altro!
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,8k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14244
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[8] Re: Impianto elettrico gonfiabili

Messaggioda Foto UtenteSerafino » 25 ott 2013, 9:49

Norme tecniche recentissime sulle apparecchiature elettriche permettono varie soluzioni per la protezione dai contatti indiretti fra le quali appunto prescrivere sul manuale l'installazione di un differenziale da 30mA a monte della linea di alimentazione (ovviamente le norme che cito non si riferiscono a dispositivi portatili).
Detto questo, l'installazione del differenziale è, anche da un punto di vista legale, configurabile come una azione che non modifica l'equipaggiamento elettrico della macchina e quindi la potresti fare in tranquillità, fatto salvo che dovrai verificare con un collaudo che la dispersione verso terra (eventuale), non comporti interventi dell'interruttore che possano causare pericolo per le persone.
Tutto il resto dell'intervento è meno banale di quello che sembra in quanto, ad esempio, potrebbero essere necessari circuiti di sicurezza che allarmino in caso di perdita di portata della soffiante o altro evento pericoloso.
Io, personalmente, eseguirei un esame tecnico e direi cosa si dovrebbe fare poi, se il paron non ha da spendere, una calda stretta di mano e siamo tutti amici come prima.
Avatar utente
Foto UtenteSerafino
2.620 1 2 4
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 1039
Iscritto il: 19 gen 2007, 19:39


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 25 ospiti