Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Risparmio energetico nelle abitazioni: teoria e pratica, FAQ

Caldaie, climatizzatori, isolamento termico, impianti di illuminazione e di insonorizzazione

Moderatori: Foto UtenteMassimoB, Foto Utentepaolo a m, Foto UtenteDarioDT, Foto UtenteGuerra

2
voti

[1] Risparmio energetico nelle abitazioni: teoria e pratica, FAQ

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 5 gen 2015, 16:36

Ciao a tutti!

poiché sono iscritto a EY da ormai un anno e più voglio condividere anche qui alcune esperienze maturate nell'ambito del risparmio energetico nelle abitazioni.

Argomento abbastanza trattato su EY ma attualmente un po' troppo disperso in questa sezione tra altri argomenti!

Quindi, sperando di non violare il regolamento, metto a disposizione le mie esperienze, sia pratiche (molte realizzazioni DIY fatte nella mia abitazione) che teoriche, maturate seguendo il corso e facendo il certificatore energetico negli anni 2010-2014.

Ovviamente, anche se forse non è propriamente corretto, rimando fin da ora per eventuali approfondimenti al mio forum "nativo", più specialistico su questi argomenti:
http://www.energeticambiente.it/casa/

Altrettanto ovviamente sono ben consapevole del livello elevato di preparazione sull'argomento dei molti professionisti che scrivono su EY e quindi aspetto contributi e anche, perché no, bacchettate sulle dita se e quando scriverò qualche cavolata....

Per ora ovviamente il link al mio primo articolo sull'argomento, che alcuni di voi avranno già letto:
http://www.electroyou.it/richiurci/wiki ... a-classe-d

una esposizione "sintetica" dei lavori da me realizzati per migliorare le prestazioni energetiche del mio appartamento.

Prossimamente testerò a mio modo, cioè in maniera pratica, il comportamento delle "vernici termoisolanti" a base sfere di vetro cave. Personalmente sono abbastanza scettico sulle prestazioni, mai ben certificate, di questi ed altri materiali speciali, ma mi sono deciso a fare da cavia per verificarne l'efficacia non tanto sull'isolameno termico quanto, per lo meno, su eventuali problemi di condensa superficiale e muffa.
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
27,8k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7648
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

1
voti

[2] Re: Risparmio energetico nelle abitazioni: teoria e pratica,

Messaggioda Foto Utentespud » 5 gen 2015, 16:38

Dopo aver letto il tuo articolo ho iniziato a documentarmi su qualche lavoretto che potrei fare a casa, grazie per la condivisione :ok:
Atlant.

Behind every great man is a woman rolling her eyes.
Avatar utente
Foto Utentespud
3.767 3 10 12
free expert
 
Messaggi: 1593
Iscritto il: 1 feb 2012, 14:26
Località: Udine

1
voti

[3] Re: Risparmio energetico nelle abitazioni: teoria e pratica,

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 5 gen 2015, 16:42

e non posso che esserne felice!

Con un minimo di manualità si possono fare molte cose, qualche link l'ho messo nell'articolo ma se hai bisogno di ulteriori chiarimenti... sono qui!
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
27,8k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7648
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

1
voti

[4] Re: Risparmio energetico nelle abitazioni: teoria e pratica,

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 31 gen 2015, 18:11

nuovo articolo con considerazioni e misure su vernici term,oisolanti e altri tipi di isolamento interno:
http://www.electroyou.it/richiurci/wiki ... -cristallo

se volete approfondire parliamone!
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
27,8k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7648
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[5] Re: Risparmio energetico nelle abitazioni: teoria e pratica,

Messaggioda Foto UtenteRussell » 1 feb 2015, 1:36

Ciao
Ho ragionato un po' sul discorso della vernice termoisolante di cui parli nell'articolo, mi sono piuttosto convinto del ragionamento seguente.
Sono dell'idea che queste vernici siano sostanzialmente SOLO dei prodotti antimuffa, e che non vadano confusi con degli isolatori termici.
In effetti porre una barriera termica molto efficiente mediante una pellicola dallo spessore inferiore al mm mi sembra un po' utopico. Sicuramente queste microsfere aumenteranno l'isolamento termico, ma il sospetto è che questo effetto sia minimo relativamente al flusso termico che vuole attraversare la parete verso l'esterno in inverno. Quindi credo che in sostanza non si potrà fare molto sulla modifica della temperatura interna di una parete.
Per quanto rigurda la muffa, credo che il nocciolo della questione stia nel fatto che queste vernici, grazie alle microsfere, cerchino sostanzialmente di limitare maggiormente lo scambio termico, per contatto, con l'aria. Accade quindi, analogamente, che al tatto la parete risulterà "apparentemente" meno fredda, cosi' come al contatto risulta apparentemente piu' freddo del metallo a 10°C piuttosto che del legno a 10°C. La stessa cosa avverrà quando l'aria umida sfiorerà la vernice, non sentendola tanto fredda limiterà il deposito di condensa (vedi patina di umidità depositata in bagno sul vetro della finestra dopo una bella doccia calda), e riducendo la continua umidità della parete si riduce la presenza di muffa sulla parete stessa.
Evvai, fin qui tutti contenti.
Ma a quel punto i produttori di questa tecnologia si saranno aggrappati astutamente al termine "termoisolante", per sottolineare questo particolare fenomeno, che è si il nocciolo della questione, ma si sta' parlando credo di soltanto un piccolo anello di una catena un po' piu' complessa. I furbacchioni staranno anche bene attenti a non disincentivare i clienti a pensare di comprare un potente isolatore termico in un comodo barattolo di vernice. Ed ecco che quindi puo' nascere un'incomprensione.... che a loro fa solo comodo.
Chissà, forse sono troppo maligno. credi che sono tanto fuori strada?
Avatar utente
Foto UtenteRussell
3.373 3 5 9
Master
Master
 
Messaggi: 2194
Iscritto il: 4 ott 2009, 10:25

0
voti

[6] Re: Risparmio energetico nelle abitazioni: teoria e pratica,

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 1 feb 2015, 2:42

no hai inquadrato il problema...

Aggiungo che la vernice da me provata contiene ADDITIVI antimuffa. perché anche sul tuo ragionamento si potrebbe discutere ma non credo sia fondato.

Io mi sono fatto l'idea che la vernice calda al "tatto" può essere spiegata in tanti modi, es anche la rugosità che imprigiona tra mano e superficie tante mini sacche d'aria. E questo non servirebbe contro la condensa.

Alla fine l'unica certezza al momento è che la formazione di condensa dipende da umidità relativa e temperatura superficiale della parete, e il termometro non mente...
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
27,8k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7648
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[7] Re: Risparmio energetico nelle abitazioni: teoria e pratica,

Messaggioda Foto UtenteRussell » 1 feb 2015, 11:46

richiurci ha scritto:Alla fine l'unica certezza al momento è che la formazione di condensa dipende da umidità relativa e temperatura superficiale della parete, e il termometro non mente...


è qui il problema.
ho il sospetto che dipenda anche dalla conduzione termica della parete stessa.
se infatti, grazie alle microsfere, la parete è meno propensa a scambiare calore, perche' "leggermente" piu' isoante, si creerà quindi meno condensa.... o magari con minore velocità, evitando quindi di zuppare il muro.

Il termometro che ti ha rilevato 14 gradi sia sulla carta che sul foglio verniciato non so quanto sia di aiuto... infatti dovrei dedurre che anche senza vernice il muro lavora con uguali prestazioni. E non sono molto convinto di questo. :(
Avatar utente
Foto UtenteRussell
3.373 3 5 9
Master
Master
 
Messaggi: 2194
Iscritto il: 4 ott 2009, 10:25

0
voti

[8] Re: Risparmio energetico nelle abitazioni: teoria e pratica,

Messaggioda Foto Utenterichiurci » 1 feb 2015, 13:19

Russel giustissimo, temp superficiale e rischio condensa dipendono proprio da quella che si chiama TRASMITTANZA della parete.
Il punto è che è una somma di resistenze serie, e quella aggiunta da uno strato di 0,3mm di microsfere è trascurabile, perché molto minore delle altre.

Quindi è falso non solo dire che la termopittura sostituisca un cappotto, ma anche dire che sia equivalente a 3-4cm di EPS.

Dalle misure sul muro è evidente che UN SOLO CM di polistirene volgare isola molto di più.

La prova del foglio di carta serve solo a verificare una seppur minima differenza rispetto a una vernice normale, e io non l'ho rilevata. Si può solo sperare che in alcune condizioni sfrutti la riflessione degli IR... ma sarebbe un aspetto molto dipendente da posa e eventuali verniciature sovrapposte, e NON è risultata dal mio test.

Riguardo la muffa ne riparleremo tra 1 anno, ti farò sapere.
Avatar utente
Foto Utenterichiurci
27,8k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 7648
Iscritto il: 2 apr 2013, 16:08

0
voti

[9] Re: Risparmio energetico nelle abitazioni: teoria e pratica,

Messaggioda Foto UtenteRussell » 1 feb 2015, 13:34

Si... in effetti fari ragionamenti e conti su un sottile strato di vernice sembra piuttosto inutile, è ovvio che termicamente non puo' fare miracoli, quindi inutile parlare di temperature.

Speriamo quindi nell'additivo antimuffa :ok:
Avatar utente
Foto UtenteRussell
3.373 3 5 9
Master
Master
 
Messaggi: 2194
Iscritto il: 4 ott 2009, 10:25

1
voti

[10] Re: Risparmio energetico nelle abitazioni: teoria e pratica,

Messaggioda Foto Utentekiba » 2 feb 2015, 11:37

Personalmente ritengo che a livello di condensa (sia superficiale che interstiziale -> non la vedi ma danni ne fa :evil: ) il cappotto esterno risolva tanti problemi.

Per quanto riguarda la formazione di muffe occorre prestare attenzione in quanto alcune di queste (insieme a un discreto numero di parassiti che proliferano in ambienti umidi) non hanno bisogno che l'umidità relativa raggiunga il 100% (e quindi condensazione) sul lato interno: bastano valori di U.R. del 70-80%.
Di solito le direttive consigliano per gli ambienti interni di mantenere valori di U.R. intorno al 60% per prevenire di fatto il problema.
Avatar utente
Foto Utentekiba
195 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 139
Iscritto il: 6 lug 2013, 17:04

Prossimo

Torna a Termotecnica, illuminotecnica, acustica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti