Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[1] Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto Utentebluefsun » 29 gen 2015, 17:16

Ciao ragazzi, avrei bisogno del vostro aiuto.

Ho appena fatto rifare l'impianto elettrico del mio piccolo appartamento (50mq). L'avevo pre-progettato io stesso in modo da avere un certo controllo su ciò che succedeva, dopo aver letto le normative, ma ovviamente non potevo stare lì ogni momento e non sono comunque un esperto.

Io avevo progettato di dividere potenza, prese e luce, ma mi hanno diviso soltanto elettricità e luce (!)... Avevo inoltre previsto una scatola di derivazione per ciascuna stanza, ma ne è stata messa una sola globale, oltre al quadro. Capirete che sono piuttosto insoddisfatto, anche perché le scuse accampate sono assurde.

Dopo una serie di problemi assurdi (non installazione di due frutti, scelta di quadro più piccolo, invertita la fase, cavo della TV che passa in un frutto elettrico, ecc. ecc. ecc.), hanno praticamente finito. Ieri, però, hanno deciso per ciascun elettrodomestico in cucina la cui presa non è raggiungibile di montare un interruttore, riempendo praticamente tutti i frutti. Mi sono rimaste in tutta la cucina solo DUE prese (una schuko, peraltro). Mi dicono: "eh, scusa, ci siamo dimenticati che per essere a norma ogni elettrodomestico non raggiungibile deve avere un interruttore".

Ora, mi domando io, c'è un'altra soluzione oltre a rimuovere tutte le prese?? Dividere in tre l'impianto come avevo progettato avrebbe permesso di evitare questo problema?? Avete qualche consiglio da darmi che possa poi rigirargli? Sono davvero amareggiato... :?

Grazie mille!!
Avatar utente
Foto Utentebluefsun
43 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 89
Iscritto il: 29 gen 2015, 15:52

1
voti

[2] Re: Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto Utenteiosolo35 » 29 gen 2015, 17:28

non è vero che gli elettrodomestici devo avere un comando bipolare in prossimità, la norma cita: norma CEI 64-8 cap.37 (commenti della tabella allegata) I punti presa e i collegamenti diretti, previsti non accessibili devono essere comandati da punti accessibili tramite un interruttore di comando bipolare (le asole nei mobili le rendono accessibili)
non ci sono problemi, ma solo soluzioni
Avatar utente
Foto Utenteiosolo35
42,0k 7 11 12
Master
Master
 
Messaggi: 3386
Iscritto il: 15 mar 2012, 15:34
Località: Trento

0
voti

[3] Re: Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto Utenteelettroigor » 29 gen 2015, 18:49

bluefsun ha scritto: Avete qualche consiglio da darmi che possa poi rigirargli?


Norme figurate elettriche!

Edito da tuttonormel....

Purtroppo come in tutte le cose spendi poco hai poco. E da ciò che descrivi penso che tu abbia altri problemi che le semplici prese in cucina. Se ciò che ti ha consigliato iosolo35 non è attuabile, almeno non mettere i bipolari vicino ai comandi di accensione, e cambia la P 30 con una schuko universale.
Avatar utente
Foto Utenteelettroigor
2.038 5 12
Expert free
 
Messaggi: 736
Iscritto il: 22 gen 2011, 0:02

0
voti

[4] Re: Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto Utentebluefsun » 29 gen 2015, 19:00

iosolo35 ha scritto:I punti presa e i collegamenti diretti, previsti non accessibili devono essere comandati da punti accessibili tramite un interruttore di comando bipolare (le asole nei mobili le rendono accessibili)


Interessante, sto leggendo. Peraltro la normativa prevede un numero maggiore di punti presa rispetto quelli lasciati nel locale cucina, se ben capisco....

Alcune domande. Posso mettere i bipolari in un'altra stanza? Gli unici frutti considerati non raggiungibili sono quindi quelli del frigorifero (la presa è dietro) e della lavatrice (che ho installato a scomparsa in cucina, anche in questo caso con presa dietro)? Gli altri (forno a microonde incassato, forno, ecc.) sono tutti raggiungibili semplicemente estraendo i cassetti e non necessitano quindi di bipolare (o comunque li posso installare nello stesso frutto dietro i cassetti, giusto?)?

Grazie molte!
Avatar utente
Foto Utentebluefsun
43 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 89
Iscritto il: 29 gen 2015, 15:52

0
voti

[5] Re: Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto UtenteDanielex » 29 gen 2015, 19:02

se il tuo impianto elettrico è stato rifatto in occasione di una ristrutturazione edile dell'unità immobiliare deve avere le prestazioni minime indicate nel capitolo 37 della norma CEI 64-8.
Per capire di cosa si parla vedi qui
Dividere in tre l'impianto non risolve i problemi in questione.

Per prima cosa si tratta di capire se l'impianto è stato rifatto in occasione di una ristrutturazione edile, se la risposta è SI allora potrai andare dall'azienda e chiedere di adeguare l'impianto al cap. 37 della 64/8.

ops ho sovrapposto il post scusate
Avatar utente
Foto UtenteDanielex
2.950 3 4 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2444
Iscritto il: 21 feb 2008, 18:18

1
voti

[6] Re: Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto Utente6367 » 29 gen 2015, 19:05

A parte le norme, vanno rispettate anche le richieste del committente.

Se erano stati chiesti tre circuiti, perché farne solo due?

Purtroppo è una prassi assai diffusa.

Conosco il caso di un mio amico, ingegnere, che aveva dato precise disposizioni su come fare l'impianto della sua nuova casa, per altro impianto molto ricco che avrebbe ovviamente pagato.

L'impiantista "abilitato" lo ha fatto a modo suo, spiegando che come lo voleva il cliente era inutile (forse anche "non a norma") e che tanto lo avrebbe pagato come da realizzazione.

Cosa fai dopo? gli fai causa? spacchi il muro per mettere qualche tubo e scatola in più?

Chiaro che in avvenire il mio amico l'impianto se lo farà per conto suo. Se mai gli capiterà di farlo ancora.
Avatar utente
Foto Utente6367
18,8k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6064
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[7] Re: Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto UtenteWALTERmwp » 29 gen 2015, 19:06

Ciao Foto Utentebluefsun, sull'interruzione della disponibilità alle prese ti è stato scritto; a me pare che la questione adesso sia un'altra e cioè, senza coinvolgere un leguleio, farsi sistemare quello che può essere adeguato rispetto a quanto tu avevi previsto ammesso che questo sia stato oggetto di condivisione tra te e chi(quelli) che ha realizzato l'impianto (sono degli elettricisti ? Chi lo ha realizzato lo ha anche "progettato" ?).
Poi, li hai già pagati ?

Saluti
W - U.H.F.
Avatar utente
Foto UtenteWALTERmwp
22,2k 4 8 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6443
Iscritto il: 17 lug 2010, 18:42
Località: le 4 del mattino

0
voti

[8] Re: Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto Utenteattilio » 29 gen 2015, 19:24

6367 ha scritto:A parte le norme, vanno rispettate anche le richieste del committente

le richieste del committente vanno sempre prese in considerazione, poi bisogna valutare se queste siano:

• attuabili/fattibili (con quali controindicazioni?)
• la soluzione migliore tra una serie di soluzioni tutte a regola d'arte

poi ovviamente si consiglia la committenza di cosa comporti una scelta piuttosto che un'altra

se però io ti dico che voglio una linea per i carichi della cucina, non capisco perché tu poi non me la installi?!

------------

bluefsun ha scritto:Peraltro la normativa prevede un numero maggiore di punti presa rispetto quelli lasciati nel locale cucina, se ben capisco....

come vedi, non c'è normativa che tenga, gli elettricisti frettolosi (di finire il lavoro) fanno impianti ciechi... ma "a norma"!

bluefsun ha scritto:Posso mettere i bipolari in un'altra stanza?

non fare più porcate di quelle che non ti abbiano già fatto,
che senso avrebbe avere il bipolare della presa frigo/lavatrice incassati nei mobili della cucina, in salotto, in bagno o in lavanderia?

bisognerebbe poi avere chiara la differenza tra comando funzionale e sezionamento,
le prese non accessibili, devono (per buona tecnica) potere essere sezionate da un idoneo interruttore

nessuno vieta di metterlo (magnetotermico) nel quadro/centralino, l'alternativa è l'interruttore bipolare (idoneo al sezionamento) da serie civile
metterlo lontano o in posizione scomoda, non è ovviamente proibito, ma rimane a mio giudizio una schifezza, senza considerare che bisogna valutare la disponibilità del tubo incassato

saluti
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
58,4k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8572
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

0
voti

[9] Re: Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto Utentebluefsun » 29 gen 2015, 19:48

elettroigor ha scritto:Purtroppo come in tutte le cose spendi poco hai poco.

Se avessi speso poco sarei d'accordo con te. Il mio "pre progetto" si limitava all'indicazione su numero di prese, derivazioni, collocazioni precise, e così via. Ma il lavoro è stato pagato (inclusa la certificazione che verrà dopo e sono davvero curioso di vedere come verrà fatta) e rimesso all'impresa di ristrutturazione, che però evidentemente non aveva elettricisti degni di tale nome tra i suoi dipendenti. Ma lo scopro ora :cry:

E da ciò che descrivi penso che tu abbia altri problemi che le semplici prese in cucina.


Spero di no ma non so che dire. Sono veramente senza parole: ho fatto tutto in regola, si tratta di una azienda, e ne sto vedendo di tutti i colori.

Se ciò che ti ha consigliato iosolo35 non è attuabile, almeno non mettere i bipolari vicino ai comandi di accensione, e cambia la P 30 con una schuko universale.


La schuko è già universale, le abbiam coprate tutte così per fortuna. Sul piano lavoro, ora che è tutto riempito di bipolari ?% resta una schuko universale e una normale presa tripolare a 16.

Non ho capito esattamente il suggerimento rispetto agli interruttori.

Peraltro tecnicamente sono ancora in tempo per fargli installare il terzo salvavita (anche se dovrò litigare parecchio). Se non erro entro i 50mq non è obbligatorio ma la vedo davvero assurda, visto che mi ero raccomandato...

Grazie ragazzi.
Avatar utente
Foto Utentebluefsun
43 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 89
Iscritto il: 29 gen 2015, 15:52

0
voti

[10] Re: Impianto elettrico rifatto e... mi raccontano frottole!

Messaggioda Foto Utentebluefsun » 29 gen 2015, 19:51

Scrivendo il precedente post non avevo ancora letto tutte le altre risposte che sono arrivate nel frattempo. Che figata sto forum, l'avessi trovato prima mi sarei risparmiato molti mal di pancia. :)

Danielex ha scritto:Per prima cosa si tratta di capire se l'impianto è stato rifatto in occasione di una ristrutturazione edile, se la risposta è SI allora potrai andare dall'azienda e chiedere di adeguare l'impianto al cap. 37 della 64/8.


Ottimo.

Purtroppo è una prassi assai diffusa. Conosco il caso di un mio amico, ingegnere, che aveva dato precise disposizioni su come fare l'impianto della sua nuova casa, per altro impianto molto ricco che avrebbe ovviamente pagato. L'impiantista "abilitato" lo ha fatto a modo suo, spiegando che come lo voleva il cliente era inutile (forse anche "non a norma") e che tanto lo avrebbe pagato come da realizzazione.

Cosa fai dopo? gli fai causa? spacchi il muro per mettere qualche tubo e scatola in più?


=D>

Esattamente la stessa situazione! In parte mi consola vedere che non sono l'unico a cui sia successo, ora che sto avendo questi problemi ho notato che paradossalmente è una cosa che accade molto spesso. Ma la cosa mi consola solo in piccolissima parte visto che i miei soldi sono "a norma"... :-|

farsi sistemare quello che può essere adeguato rispetto a quanto tu avevi previsto ammesso che questo sia stato oggetto di condivisione tra te e chi(quelli) che ha realizzato l'impianto (sono degli elettricisti ? Chi lo ha realizzato lo ha anche "progettato" ?).


Sì, credo di avere ancora un po' di spazio di manovra prima di arrivare al leguleio. Per questo mi rivolgo a voi :) , per avere il massimo numero di elementi e consigli da potergli mettere in faccia. L'azienda che si è occupata degli interventi di ristrutturazione nella casa (qualche sistemazione idraulica, rifacimento impianto elettrico con controsoffitto, rasastura e intonaco e qualche piastrella), è partita come indicazione dal "progettino" indicativo fatto da me con un amico elettricista (che sfortunatamente si stava trasferendo all'estero per famiglia/lavoro e non potevo far intervenire), ma si è poi presa tutta la responsabilità sull'impianto inclusa la progettazione effettiva e la certificazione (e i soldi....), con tanto di indicazione in fattura.

Poi, li hai già pagati ?


Sfortunatamente ho pagato l'ultima rata poco fa. In ogni caso ho ancora margine per farli intervenire, perché il capo è una persona ragionevole, i fatti stanno dimostrando semplicemente che c'è pochissima professionalità più che "dolo". :-| Ma anche questo mi consola poco...

Attilio ha scritto:le prese non accessibili, devono (per buona tecnica) potere essere sezionate da un idoneo interruttore [...] nessuno vieta di metterlo (magnetotermico) nel quadro/centralino, l'alternativa è l'interruttore bipolare (idoneo al sezionamento) da serie civile


Ovvero un magnetotermico generale per gli elettrodomestici potrebbe andare per "recuperare" i punti presa in cucina? Potrei anche aprire un nuovo frutto (anche se i muri sono già stati chiusi...), ma devo trovare un punto che non sia coperto dalle piastrelle (il che è ben difficile, visto che ho messo ardesia ovunque...). I tuoi suggerimenti mi paiono di ottimo buon senso e ovviamente li condivido, che dire, peccato che a volte che si occupa dei lavori non lo abbia...
Ultima modifica di Foto Utentebluefsun il 29 gen 2015, 20:06, modificato 2 volte in totale.
Avatar utente
Foto Utentebluefsun
43 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 89
Iscritto il: 29 gen 2015, 15:52

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti