Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Linea condizionatori

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G

0
voti

[1] Linea condizionatori

Messaggioda Foto Utentepierrotlefou » 18 nov 2015, 21:07

Buongiorno a tutti,

devo verificare la linea che alimenta un condizionatore a inverter con i seguenti dati di targa:
corrente nominale (cooling): 9.0A
corrente nominale (heating): 9.8A
Potenza nominale (cooling): 2.0 kW
Potenza nominale (heating): 2.2 kW

Corrente Massima: 13A
Potenza Massima: 2,6 kW

nel calcolo della corrente di impiego, e quindi ai fini della determinazione della sezione dei conduttori e della taglia dell'interruttore, bisogna considerare la potenza massima o quella nominale?
in effetti, a regime (e in poco tempo, almeno tanto quanto basta a far scattare il termico da 10A) la potenza assorbita scende intorno a 1.6 -1.8kkW.

Inoltre, è sufficiente un differenziale tipo AC da 30mA o rischio scatti intempestivi?
Devo preferire un differenziale tipo A da 0.3A?

Per farla breve, ho una linea da 2,5mmq (3 circuiti monofase in fascio) protetta da un MTD da 16A/30mA che in linea teorica dovrebbe scattare già considerando i valori nominali delle potenze ma sta fermo e lascia passare tutto (dovrei provare a fare misurazioni in loco lo so). Il problema è che vogliono aggiungere un'altra linea identica per due condizionatori simili ma i miei conti non tornano.

grazie
Avatar utente
Foto Utentepierrotlefou
5 2
 
Messaggi: 23
Iscritto il: 10 nov 2014, 15:07

0
voti

[2] Re: linea condizionatori

Messaggioda Foto Utentesorecaro » 18 nov 2015, 21:57

Se fossi in te poserei una nuova linea da 4mmq con interruttore mag.diff. 16A 30mA
Avatar utente
Foto Utentesorecaro
36 3 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 233
Iscritto il: 26 feb 2013, 19:30

1
voti

[3] Re: linea condizionatori

Messaggioda Foto Utentemagoxax » 18 nov 2015, 22:25

...corrente nominale (cooling): 9.0A...

:-M
Strano questo "assolutismo" sugli assorbimenti.
L'assorbimento di un condizionatore è fortemente influenzato dalla temperatura esterna / ambiente da climatizzare.
Sulla scheda tecnica dovrebbero essere riportati come assorbimenti tre distinti valori min/med/max, corrispondenti ai vari gradi di "sforzo" della macchina.
Giocoforza il dimensionamento bisogna effettuarlo sul valore massimo dell'assorbimento, sempre che non sia considerato un problema lo scatto dell'interruttore nei giorni più caldi/freddi dell'anno (cioè nel momento del bisogno).

pierrotlefeu ha scritto:...è sufficiente un differenziale tipo AC da 30mA...

sorecaro ha scritto:con interruttore mag.diff. 16A 30mA

Visto che si parla di condizionatori ad inverter; il 30 mA non lo prenderei in considerazione.
A causa dei filtri sull'elettronica potrebbe essere un'inesauribile fonte di scatti indesiderati.

Devo preferire un differenziale tipo A da 0.3A?

Basta che sia coordinato con la resistenza di terra.

...ma i miei conti non tornano.

Come ho detto nella prima parte del post, può darsi che le macchine non abbiano ancora lavorato al massimo della potenzialità / siano sovradimensionate per gli ambienti che climatizzano.
Avatar utente
Foto Utentemagoxax
2.584 2 3 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1148
Iscritto il: 18 mar 2009, 14:56

1
voti

[4] Re: linea condizionatori

Messaggioda Foto Utentesorecaro » 18 nov 2015, 22:40

Potrebbe mettere il differenziale tipo A.
Avatar utente
Foto Utentesorecaro
36 3 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 233
Iscritto il: 26 feb 2013, 19:30

0
voti

[5] Re: linea condizionatori

Messaggioda Foto Utentemagoxax » 18 nov 2015, 22:54

Non è una questione di disturbi è un principio di base: 30 mA ed inverter = rischio di scatto
Avatar utente
Foto Utentemagoxax
2.584 2 3 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1148
Iscritto il: 18 mar 2009, 14:56

0
voti

[6] Re: linea condizionatori

Messaggioda Foto Utentesorecaro » 18 nov 2015, 23:27

Non metto in dubbio quello che hai scritto, ma fino ad oggi non ho mai avuto problemi con differenziali tipo A e climatizzatori ad inverter.
Avatar utente
Foto Utentesorecaro
36 3 7
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 233
Iscritto il: 26 feb 2013, 19:30

0
voti

[7] Re: linea condizionatori

Messaggioda Foto Utentemagoxax » 18 nov 2015, 23:42

Preferisco non rischiare. :)
Avatar utente
Foto Utentemagoxax
2.584 2 3 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1148
Iscritto il: 18 mar 2009, 14:56

0
voti

[8] Re: linea condizionatori

Messaggioda Foto Utentepierrotlefou » 19 nov 2015, 9:53

condivido quanto avete scritto..

il differenziale da 0.3A tipo A sarebbe la soluzione ideale..
e certamente una linea da 4mmq senza neanche dover fare un calcolo.
e così faro per attestare gli altri due condizionatori.

mi rimane il problema sui primi due condizionatori a split già installati.
tutto contro dati di targa e buon senso..
il magnetico non scatta e allora mi è venuto il dubbio che nel dimensionamento della linea fosse sbagliato scegliere l'assorbimento massimo.
non tanto sostituire il 16A con un 20A quanto sfilare il 2.5mmq in favore del 4mmq è una scelta che devo ponderare.

grazie a tutti
Avatar utente
Foto Utentepierrotlefou
5 2
 
Messaggi: 23
Iscritto il: 10 nov 2014, 15:07

0
voti

[9] Re: linea condizionatori

Messaggioda Foto Utentefabiosge » 19 nov 2015, 17:01

pierrotlefou ha scritto:Buongiorno a tutti,

devo verificare la linea che alimenta un condizionatore a inverter con i seguenti dati di targa:
corrente nominale (cooling): 9.0A
corrente nominale (heating): 9.8A
Potenza nominale (cooling): 2.0 kW
Potenza nominale (heating): 2.2 kW

Corrente Massima: 13A
Potenza Massima: 2,6 kW

nel calcolo della corrente di impiego, e quindi ai fini della determinazione della sezione dei conduttori e della taglia dell'interruttore, bisogna considerare la potenza massima o quella nominale?


quella massima, a meno che non sia un semplice spunto di breve durata gestibile attraverso la corretta selezione della caratteristica di intervento magnetica.

pierrotlefou ha scritto:in effetti, a regime (e in poco tempo, almeno tanto quanto basta a far scattare il termico da 10A) la potenza assorbita scende intorno a 1.6 -1.8kkW.

Inoltre, è sufficiente un differenziale tipo AC da 30mA o rischio scatti intempestivi?
Devo preferire un differenziale tipo A da 0.3A?


Un differenziale nel caso di un inverter richiede un paio di considerazioni. La prima è che un differenziale potrebbe dare luogo a scatti intempestivi per via della corrente di carica dei condensatori dell'inverter. Ma prima ancora bisognerebbe chiedersi a cosa ci serve il differenziale in questo caso. Se lo usiamo per implementare la protezione dai contatti indiretti tramite interruzione automatica dell'alimentazione per la linea che parte dell'inverter e alimenta il condizionatore, questo è pressochè inutile. L'inverter non è un oggetto a impedenza nota, e in caso di guasto a terra non sappiamo quale sarà la corrente di guasto che l'inverter fornirà e non abbiamo quindi garanzia che questa sia sufficiente a far intervenire il differenziale a monte. Se invece lo utilizziamo per proteggere una linea a monte dell'inverter dovremo prevedere un differenziale tipo A o B, magari non ad alta sensibilità, coordinamento permettendo.

La protezione dai contatti indiretti tramite interruzione automatica dell'alimentazione per la linea a valle dell'inverter, potrebbe essere demandata all'inverter stesso, purchè "interruzione" sia elettromeccanica, quindi grazie ad un contattore comandato dall'inverter. Normalmente i tempi di risposta dell'inverter sono rapidissimi.
Avatar utente
Foto Utentefabiosge
135 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 126
Iscritto il: 23 giu 2011, 14:14

1
voti

[10] Re: linea condizionatori

Messaggioda Foto Utenteattilio » 19 nov 2015, 23:01

fabiosge ha scritto:La prima è che un differenziale potrebbe dare luogo a scatti intempestivi per via della corrente di carica dei condensatori dell'inverter

teoricamente è vero, ma se parliamo di inverter monofase facenti parti di unità di climatizzazione (ma anche lavatrici, asciugatrici, etc.) per impiego domestico di modesta potenza, il più delle volte il problema non si pone nemmeno

fabiosge ha scritto:Se lo usiamo per implementare la protezione dai contatti indiretti tramite interruzione automatica dell'alimentazione per la linea che parte dell'inverter e alimenta il condizionatore, questo è pressochè inutile. L'inverter non è un oggetto a impedenza nota, e in caso di guasto a terra non sappiamo quale sarà la corrente di guasto che l'inverter fornirà e non abbiamo quindi garanzia che questa sia sufficiente a far intervenire il differenziale a monte.

metti il differenziale perché hai una macchina elettrica in classe I alimentata da rete,
non ti interessa sapere l'impedenza dell'inverter, non vedo il senso di scomporre la macchina nelle sue varie parti
quello che ti compete è limitare (rispetto ai valori massimi ammessi) la tensione sulle masse in caso di guasto a terra, per farlo ti limiti a coordinare il valore di Idn a quello di Rt
essendo spesso collegati in modalità diretta all'impianto tra l'altro, i climatizzatori non necessiterebbero nemmeno della protezione addizionale dai contatti diretti (leggasi differenziale non superiore a 30 mA)

l'utilità di sapere che il motocompressore è comandato da un'inverter è invece improntata alla corretta scelta del tipo di differenziale da installare, ovvero che sia in grado di rilevare ed interrompere correnti di guasto verso massa non prettamente sinusoidali, nello specifico normalmente i tipo A sono idonei allo scopo
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
58,0k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8507
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 28 ospiti