Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

ennesima certificazione post 2008

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[1] ennesima certificazione post 2008

Messaggioda Foto Utentestudio varingel » 25 mag 2016, 18:39

Buona sera a tutti,
so che non è argomento nuovo, ma vorrei un consiglio per cercare una sorta di "via definitiva" per risolvere la questione no DIRI post 2008:
mi capita un impianto di una certa importanza(peraltro soggetto a VVF), realizzato nel 2014 ed in buono stato (a seguito di verifiche effettuate), salvo piccole manutenzioni ordinarie, con sola dichiarazione di conformità di impresa probabilmente fallita ed assoluta mancanza di documenti (pertanto non è assolutamente verificabile l'attinenza). Sarei ovviamente propenso per una mia Rispondenza che "annulli" la suddetta conformità (sono un progettista) con produzione di nuova documentazione completa, ma non sarebbe formalmente corretto e d'altro canto fatico a trovare un'impresa che mi rilasci una DICO per l'intero impianto come se fosse una sua realizzazione...
Grazie
Avatar utente
Foto Utentestudio varingel
10 1 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 158
Iscritto il: 22 set 2007, 8:51

0
voti

[2] Re: ennesima certificazione post 2008

Messaggioda Foto UtenteMike » 26 mag 2016, 9:06

Non puoi rilasciare una DIRI perché chiaramente non contemplata nel DM 37/08. Io procederei in questo senso:
1. verifica straordinaria dell'impianto elettrico esistente
2. rilievo dello stato di fatto
3. progetto di adeguamento dell'impianto elettrico esistente (trasformazione).
Se ci sono interventi di adeguamento da fare incarico una ditta installatrice che poi redigerà la DICO in riferimento al progetto di adeguamento.
Se non dovessero risultare necessari interventi di adeguamento, prevedo in ogni caso di incaricare una ditta installatrice di verificare (esame approfondito con accesso ai componenti) le parti di impianto più critiche e farmi rilasciare una DICO sempre in riferimento al progetto.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,8k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14244
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[3] Re: ennesima certificazione post 2008

Messaggioda Foto Utentestudio varingel » 26 mag 2016, 9:47

Grazie per la risposta.
Di fatto l'impresa dovrebbe dichiarare di aver effettuato interventi di adeguamento su un impianto che in realtà ha solo controllato (in genere però mi contestano poi problemi di fatturazione, acquisto materiali non effettuato, etc.).
Pensavo ad una mia relazione di verifica, con allegati tutti i disegni necessari per creare la "fotografia" completa dell'impianto...in sostanza una DIRI completa, ma senza mai denominarla tale, piuttosto VERIFICA DELLO STATO DI FATTO o qualcosa di simile.
Sperando che le Autorità varie la accettino.
Avatar utente
Foto Utentestudio varingel
10 1 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 158
Iscritto il: 22 set 2007, 8:51

0
voti

[4] Re: ennesima certificazione post 2008

Messaggioda Foto UtenteMike » 26 mag 2016, 10:34

studio varingel ha scritto:Grazie per la risposta.
Di fatto l'impresa dovrebbe dichiarare di aver effettuato interventi di adeguamento su un impianto che in realtà ha solo controllato (in genere però mi contestano poi problemi di fatturazione, acquisto materiali non effettuato, etc.).


Falso problema, fanno resistenza perché non conoscono il DM 37/08. L'attività di installazione di impianti non contempla anche la fornitura di materiale, quindi l'esaminare un impianto elettrico esistente è un'attività del tutto legittima anche senza installare alcun materiale.

studio varingel ha scritto:Pensavo ad una mia relazione di verifica, con allegati tutti i disegni necessari per creare la "fotografia" completa dell'impianto...in sostanza una DIRI completa, ma senza mai denominarla tale, piuttosto VERIFICA DELLO STATO DI FATTO o qualcosa di simile.
Sperando che le Autorità varie la accettino.


Qui c'è un esempio pratico anche se manca la seconda parte per mancanza di tempo :mrgreen:

Non è detto che le "autorità" l'accettino, su questo bisogna capire quali siano queste "autorità".

Per esempio:
- Comune = dall'entrata in vigore del DM 37/08 deve avere depositata assieme alla pratica edilizia anche la DICO degli impianti altrimenti non possono dare l'agibilità.
- VV.F. = per rilasciare la SCIA antincendio bisogna allegare la DICO, siccome con il DPR 151/11 il professionista antincendio assevera, ai VV.F. poco importa se questo documento sia vero o falso, la responsabilità (penale) è di chi assevera.
- ASL/ARPA/INPS = Con la presentazione della DICO si denuncia l'impianto di terra e la DICO è la sua omologazione.

Gli scenari possono essere molteplici, dipende dal caso specifico. Nei casi che ho affrontato io non ho avuto nessuna contestazione.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,8k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14244
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[5] Re: ennesima certificazione post 2008

Messaggioda Foto Utenteiosolo35 » 26 mag 2016, 11:11

Mi sono trovato l'anno scorso in una situazione simile.
Edificio ad uso commerciale soggetto anche al Cpi, l'installatore fallisce a metà anno, come risolviamo il problema?
E' stato chiamato un altro installatore che ha terminato alcune parti dell'impianto.
Ho fatto una verifica generale di quanto installato dalla precedente ditta applicando la guida CEI 64-14 e CEI 64-8.
E' stato fatto un progetto dell'impianto elettrico per le opere da finire ed un progetto dell'impianto elettrico per le opere eseguite.
Mi sono accordato con il comune per la presentazione della dichiarazione di conformità per gli impianti aggiunti dal nuovo installatore ed io ho realizzato una relazione/dichiarazione che il resto dell'impianto è a regola d'arte.
Per ora tutti gli enti hanno accettato questa soluzione
non ci sono problemi, ma solo soluzioni
Avatar utente
Foto Utenteiosolo35
42,0k 7 11 12
Master
Master
 
Messaggi: 3387
Iscritto il: 15 mar 2012, 15:34
Località: Trento

0
voti

[6] Re: ennesima certificazione post 2008

Messaggioda Foto Utentestudio varingel » 26 mag 2016, 11:21

Vi ringrazio, ma:
1) è vero che l'attività di installazione non comporta necessariamente anche la fornitura di materiali (che qualcuno dovrebbe comunque fornire), ma è possibile rilasciare una DICO solo facendo una verifica? Non deve invece dichiarare di aver eseguito i lavori?
2) riguardo alla risposta di iosolo35, anch'io in precedenza ho trovato un caso simile in cui parte dei lavori era stata fatta, ma dovendo fare ancora la rimanenza la soluzione è stata piu' semplice - in questo specifico caso non ci sarebbe proprio nulla da fare perché l'impianto "purtroppo" è stato fatto bene :-)

E' forse piu' un problema di forma che di sostanza.
Avatar utente
Foto Utentestudio varingel
10 1 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 158
Iscritto il: 22 set 2007, 8:51

0
voti

[7] Re: ennesima certificazione post 2008

Messaggioda Foto Utenteiosolo35 » 26 mag 2016, 11:29

Tutte queste sono situazioni che il legislatore non poteva prevedere.
Se l'autorità ti contesta una soluzione logica, a regola d'arte come quella prospettata da Foto UtenteMike o dl sottoscritto basta chiedere loro: "che altro mi consigliate"......
Finora nessuno ha mai dato una risposta diversa dalle soluzione che sono state presentate.
non ci sono problemi, ma solo soluzioni
Avatar utente
Foto Utenteiosolo35
42,0k 7 11 12
Master
Master
 
Messaggi: 3387
Iscritto il: 15 mar 2012, 15:34
Località: Trento

0
voti

[8] Re: ennesima certificazione post 2008

Messaggioda Foto Utenteangus » 26 mag 2016, 11:47

iosolo35 ha scritto:Tutte queste sono situazioni che il legislatore non poteva prevedere.

...beh insomma :roll:
Volendo si potevano prevedere eccome!
Certo non tutte le possibili sfumature, ma un modo *legale* e ben definito per "sanare" gli impianti post 37/08 e privi di documentazione si poteva proprio prevedere!
Chi non ha redatto la DICO (e doveva farlo) che venga pure perseguito, ma il poveraccio che deve sistemare la cosa? Che fa?
Per un motivo o per l'altro, non è realisticamente possibile pensare che *tutti* gli impianti realizzati *dopo* una certa data siano tutti dotati di DICO. Sarebbe tanto bello, ma non è la realtà! E la legislazione, IMHO, dovrebbe aderire alla realtà e non all'astrazione delle scartoffie e degli escamotage italioti per venirne fuori "alla meglio", ma sempre col timore che non sia proprio giusto così.
in /dev/null no one can hear you scream
Avatar utente
Foto Utenteangus
7.786 4 6 8
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3565
Iscritto il: 20 giu 2008, 17:25

1
voti

[9] Re: ennesima certificazione post 2008

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 26 mag 2016, 11:51

Se il problema è solo per la scia VVF, per quanto ne so io il comando si accotenta del CERTIMP (anche se improprio).
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
6.533 3 4 8
Master
Master
 
Messaggi: 2136
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

0
voti

[10] Re: ennesima certificazione post 2008

Messaggioda Foto UtenteMike » 26 mag 2016, 15:35

studio varingel ha scritto:Vi ringrazio, ma:
1) è possibile rilasciare una DICO solo facendo una verifica? Non deve invece dichiarare di aver eseguito i lavori?


Certo che sì! Una verifica non è un lavoro? Aprire scatole di derivazione, controllare il serraggio dei morsetti, fare prove di continuità, misure d'isolamento, aprire quadri elettrici, verificare il cablaggio, provare l'intervento dei differenziali, ecc. ecc. ecc., non è un lavoro?
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,8k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14244
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 26 ospiti