Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Led senza resistenza?

Progetti, interfacciamento, discussioni varie su questa piattaforma.

Moderatori: Foto UtenteMassimoB, Foto Utentexyz, Foto UtenteWALTERmwp

0
voti

[1] Led senza resistenza?

Messaggioda Foto Utentevda » 5 lug 2016, 19:48

Ciao a tutti,

da qualche giorno sto giocando un po' con Arduino: ho la scheda Uno rev 3.

poiché sono assolutamente agli inizi, a titolo di test preliminare, ho provato ad eseguire il primo sketch (per intenderci quello che fa semplicemente accendere e spegnere un led ad intervalli regolari).

Tutto ok, tranne per il fatto che osservo sul web la presenza di due scuole di pensiero: quella di coloro che raccomandano la classica resistenza di protezione in serie al led per evitare di bruciarlo, e quella di quanti montano il led direttamente su pin digitale (tipicamente il 13) senza troppi riguardi.

Per prudenza - non vorrei danneggiare il microcontrollore oltre al led - , fino ad ora ho utilizzato una resistenza di protezione da 330 Ohm, ma mi domandavo in generale se Arduino monta già di per sè delle resistenze in serie ai suoi pin. Nel caso di quanto?

Grazie anticipatamente,

:cool:
Avatar utente
Foto Utentevda
0 2
 
Messaggi: 15
Iscritto il: 27 mar 2016, 15:05

5
voti

[2] Re: Led senza resistenza?

Messaggioda Foto UtenteTardoFreak » 5 lug 2016, 21:21

I LED si pilotano in corrente e la resistenza da mettere in serie si calcola, non si immagina, con questa formula:

R_{s}= \frac{V_{p}-V_{F}}{I_{F}}
Dove:
- Rs è la resistenza da mettere in serie al LED
- If è la corrente con cui si vuole pilotare il LED
- Vf è la caduta di tensione diretta sul LED (la si ricava dal datasheet)
- Vp è la tensione con la quale la sorgente alimenta il LED

Per accendere un LED non ci sono "scuole di pensiero" ma persone che lo fanno come va fatto, e smanettoni che non capiscono un caxxo di elettronica ma che, per oscuri motivi, sono desiderosi di palesare la propria ignoranza.
"La follia sta nel fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi".
"Parla soltanto quando sei sicuro che quello che dirai è più bello del silenzio".
Rispondere è cortesia, ma lasciare l'ultima parola ai cretini è arte.
Avatar utente
Foto UtenteTardoFreak
73,4k 8 12 13
-EY Legend-
-EY Legend-
 
Messaggi: 15764
Iscritto il: 16 dic 2009, 11:10
Località: Torino - 3° pianeta del Sistema Solare

4
voti

[3] Re: Led senza resistenza?

Messaggioda Foto Utentepaofanello » 5 lug 2016, 21:37

vda ha scritto: osservo sul web la presenza di due scuole di pensiero

Non abbiamo a che fare con "scuole di pensiero".
"Ci sono i nodi fatti bene e i nodi fatti male"
Se vuoi andare in barca devi farli bene, o capitan Findus ti butta fuori bordo.
Poi nessuno ha da ridire sul fatto che molti nodi fatti male possano tenere decentemente, ma meglio sapere fin da subito farli bene, no?

Come puoi vedere nella raccolta di articoli su questo sito i led sono molto difficili da usare bene, ma procedendo per gradi (inizia a leggere con calma i primi articoli :ok: ) capirai che saperli accendere e controllarne la luminosità non è difficile.
Mi raccomando: saper scrivere il programma con Arduino non significa saper accendere un led. Con Arduino tu modifichi lo stato logico di un pin, devi studiare il funzionamento del led per accenderlo a dovere.

Detto questo, sperando che ti informerai sugli articoli del link, la resistenza ci va. Sempre. Un led bianco con 5V si accende ugualmente senza resistenza come fanno molti, e non brucia né rompe la scheda, ma tu metticela sempre, perché i nodi vanno fatti bene.

vda ha scritto:mi domandavo in generale se Arduino monta già di per sè delle resistenze in serie ai suoi pin

Sarebbe proprio una brutta idea :mrgreen:
Il concetto è che si cerca di tenere bassa l'impedenza di output di un pin, potrei spiegartelo in maniera molto più semplice, ma devi dirmi se conosci la legge di Ohm, e se non la conosci sarà meglio che inizi a studiarti le basi dell'elettronica :ok:
Piuttosto che chiedere qualcosa a me, chiedila a Mara Maionchi. E' più competente.
Avatar utente
Foto Utentepaofanello
2.275 8 13
Expert
Expert
 
Messaggi: 532
Iscritto il: 7 lug 2015, 21:01

0
voti

[4] Re: Led senza resistenza?

Messaggioda Foto Utentevda » 5 lug 2016, 23:55

Grazie, come sempre, della celerità e della puntualità delle risposte.

Ci tengo in ogni caso a precisare che non era mia intenzione mettere in dubbio la legge di Ohm - fin lì ci arrivo...e forse anche al calcolo del valore di una resistenza -, ma consentitemi la legittimità del dubbio, dal momento che lo stesso Massimo Banzi, celeberrimo ideatore e cofondatore di Arduino, nel suo altrettanto noto "Getting Started with Arduino - 2nd Edition", a pag. 29, illustra con tanto di disegno (Figure 4-2. Connecting an LED to Arduino) come inserire l'anodo di un led direttamente sul digital pin 13 ed il catodo sul pin adiacente (ground).

Della stessa opinione è anche, ad esempio, Michele Maffucci, noto docente di Elettronica che, nella sezione del suo blog dedicata ad Arduino, alla pagina http://www.maffucci.it/2010/11/17/ardui ... re-un-led/, sembra sposare la stessa tesi.

Cordialità, vda
Ultima modifica di Foto Utentevda il 6 lug 2016, 0:10, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Foto Utentevda
0 2
 
Messaggi: 15
Iscritto il: 27 mar 2016, 15:05

2
voti

[5] Re: Led senza resistenza?

Messaggioda Foto UtenteTardoFreak » 6 lug 2016, 0:00

Se Gesù Cristo dice che si può collegare un LED senza resistenza al pin di uscita di un micro (il che sarebbe tecnicamente possibile, ma bisogna conoscere molto bene l'elettronica e la cosa meriterebbe una discussione a parte, di sicuro molto tecnica) dice una cazzata nel 90% dei casi.
Probabilmente Gesù non è portato per l'elettronica.

L'elettronica è scienza e non funziona per maggioranza o per reputazione o per intervento divino.
"La follia sta nel fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi".
"Parla soltanto quando sei sicuro che quello che dirai è più bello del silenzio".
Rispondere è cortesia, ma lasciare l'ultima parola ai cretini è arte.
Avatar utente
Foto UtenteTardoFreak
73,4k 8 12 13
-EY Legend-
-EY Legend-
 
Messaggi: 15764
Iscritto il: 16 dic 2009, 11:10
Località: Torino - 3° pianeta del Sistema Solare

4
voti

[6] Re: Led senza resistenza?

Messaggioda Foto Utentesimo85 » 6 lug 2016, 0:04

vda ha scritto:a pag. 29, illustra con tanto di disegno (Figure 4-2. Connecting an LED to Arduino) come inserire l'anodo di un led direttamente sul digital pin 13 ed il catodo sul pin adiacente con funzione di ground.

Adesso si spiegano tante cose.
Avatar utente
Foto Utentesimo85
30,8k 7 12 13
Disattivato su sua richiesta
 
Messaggi: 9930
Iscritto il: 30 ago 2010, 4:59

2
voti

[7] Re: Led senza resistenza?

Messaggioda Foto UtenteCandy » 6 lug 2016, 0:06

Qualunque macellaio ti dira` che ha la carne migliore.
Avatar utente
Foto UtenteCandy
32,4k 7 10 13
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 10138
Iscritto il: 14 giu 2010, 22:54

0
voti

[8] Re: Led senza resistenza?

Messaggioda Foto Utentepaofanello » 6 lug 2016, 0:25

Se è per questo nel manuale dello starter kit di Arduino, quando spiegano l'accensione di un led distruggono anche la legge di ohm...
Immagino faccia tutto parte del progetto: riuscire a vendere prodotti a milioni di persone che normalmente sarebbero stati spaventati dalla teoria che sta dietro l'elettronica, l'informatica ecc...
Ed è un progetto che funziona, sicuramente anche molto studiato.
Ma il suo obiettivo non è "insegnare l'elettronica a tutti" come sembrerebbe a detta loro.
Detto questo ringrazierò sempre Arduino, come te (a quanto ho capito) e come molti altri anche io mi sono approcciato a questo mondo con questa scheda, salvo poi dopo un annetto fermarmi, liberare la mente dai concetti "Arduinisti" e studiare l'elettronica dalle basi, poi l'informatica, ed ora mi sento libero di poter usare Arduino capendo davvero il lavoro che fa al posto mio O_/ O_/
Piuttosto che chiedere qualcosa a me, chiedila a Mara Maionchi. E' più competente.
Avatar utente
Foto Utentepaofanello
2.275 8 13
Expert
Expert
 
Messaggi: 532
Iscritto il: 7 lug 2015, 21:01

3
voti

[9] Re: Led senza resistenza?

Messaggioda Foto UtenteBrianz » 6 lug 2016, 1:07

Si era discusso degli arduinisti, con alcune conclusioni parziali.
Qui abbiamo un caso di quelli trattati, ovvero della persona che ha conoscenze di programmazione C, ma non ha la minima idea di come funzioni un microcontroller.

Fin qui non c'è nulla di anormale, né di problematico. Uno non sa, non è una colpa: imparerà.

Quello che mi fa intervenire duramente è la classica posizione di porre una questione e non desiderare la risposta corretta, ma la la risposta che si vuole sentire. Questo è inaccettabile.
Come se chi ha risposto sia un citrullo incompetente perché non replica le parole di verita del guru (del cuggino, dell'amico esperto, dell'altro forum, del noto docente, de me nona, ad libitum).

Se quanto è stato detto qui non suona bene, consiglio almeno di leggere le istruzioni dell'arducoso. Non ci vuole molto (e di solito, prima si leggono leistruzioni, poi si opera...).
https://www.arduino.cc/en/Tutorial/DigitalPins
dice: "current to brightly light up an LED (don't forget the series resistor)..."
e
"...Short circuits on Arduino pins, or attempting to run high current devices from them, can damage or destroy the output transistors in the pin, or damage the entire Atmega chip. "
Più chiaro di così.
E se non basta a
https://www.arduino.cc/en/Tutorial/Blink
si legge
"To build the circuit, connect one end of the resistor to Arduino pin 13. Connect the long leg of the LED (the positive leg, called the anode) to the other end of the resistor."

Peraltro, avendo una minima cognizione nella lettura di uno schema elettrico, a
http://brittonkerin.com/annotateduino/a ... e_uno.html
si nota come al pin 13 sia già collegato un led, che ha, ovviamente, la sua resistenza in serie.

Chiaro?

Una delle "scuole di pensiero" citate è in realtà scuola di incompetenza, creata da elettrotamarri che, dove non si tratta di pura ignoranza, presumono di essere ganzi con l'usare il minimo numero di componenti. Per cui, per prima cosa, si eliminano le resistenze in serie ai led.
Se il led è acceso staticamente, si ottiene di avere il port che emette la massima corrente possibile, cosa che in genere sia led che port sopportano per un certo tempo, anche se solitamente defunge prima il port che non il led (per la fastidiosa legge di Ohm e il discutibile effetto Joule, maledetti loro...).
Più complessa è la questione per led alimentati a impulsi; qui la skuola killer dice che tanto sia il led che il port possono sopportare impulsi di corrente elevati per breve tempo. Io sono un mago e faccio un drive a basso duty cycle, così il silizio ha tempo di smaltire e risparmio 0,004 euro dell'antipatica resistenza, che proprio non ho idea di che beep serva... Peccato che questo, anche quando appare funzionare, riduce la vita del port in modo imprevedibile.
Quanto al Maffucci, che fa notare come al "pin 13" ci sia già un led sullo stampato (e si vede dallo schema, ad essere andati a leggerlo) con la sua brava resistenza serie e che poi impicca un led esterno alla morsettiera, va detto senza alcuna timidezza che è un partecipante e sostenitore della skuola di cui sopra, doppiamente doloso in quanto passa per "noto docente". Anch'io passo per noto docente, ma cxxate cerco di non dirnem, per quanto possibile.

L'altro lato non immediatamente palese, ma molto visibile, del fatto che si applica un programma ad un hardware senza sapere alcunchè di questo hardware e, sopratutto, senza avere la minima idea di cosa si stia facendo è il vezzo del tutto arduinista di parlare di pin x o y, non in funzione dei port del microcontroller, ma DEI NUMERI SULLA MORSETTIERA!!!

Arduinisti, se volete sviluppare su microcontroller, avete a che fare con l'hardware, direttamente. Non bastano le "librerie": per usare sensatamente il componente occorre sapere almeno in linea di massima di cosa si tratta, che cosa offre, come funziona, come lo sfrutto, come collego all'esterno.
Se non si sa, si cerca di imparare, principalmente sfruttando la conoscenza di altri.
E se quanto si apprende non combina con la propria teoria, si mette in discussione quanto si riceve, ma per prima cosa si mette in discussione la propria teoria e si cerca di capire dove sta la soluzione.
Altrimenti non si impara niente.
Avatar utente
Foto UtenteBrianz
5.828 5 10
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 865
Iscritto il: 24 mar 2016, 11:27


Torna a Arduino

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti