Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

come rendere a norma una lampada artigianale

L'iter relativo alla marcatura CE e problemi connessi.

Moderatore: Foto UtenteGuerra

0
voti

[1] come rendere a norma una lampada artigianale

Messaggioda Foto Utentegiulio1974 » 27 set 2016, 14:19

salve a tutti ragazzi,

premetto che nonho esperienza in questo campo quindi perdonate preventivamente eventuali svarioni o termini non corretti!
ho disegnato e sono pronto a produrre una lampada in legno la cui fonte luminosa è costituita da una strip led incassata nella scocca di legno della lampada, e schermata da un diffusore in plexiglass. onde evitare di alloggiarlo all'interno, pensavo di utilizzare un trasformatore esterno alla scocca integrato nella spina di alimentzione.
da quello che ho capito informandomi sul web, sebbene tutti gli elementi elettrici usati (strip led, filo elettrico, trasformatore, alimentazione) nonchè la scocca il legno e i materiali usati siano tutti singolarmente marchiati CE, il produttore (o io stesso se sarò io a mettere il prodotto sul mercato) deve apporre comunque una marcatura CE che copra il prodotto nella sua interezza....me lo confermate?
se si, come devo muovermi? è sufficiente rivolgermi ad un consulente che mi procura la marcatura ed il fascicolo tecnico oppure devo svolgere anche prove di laboratorio,verifiche tecniche, ecc?
tenete presente che chi realizza la scocca è una falegnameria artigianale che, sebbene sia molto avanzata tecnologicamente, non ha mai fatto certi lavori e non ha idea di dove andare a parare...

nel caso in cui sia necessario, sapreste indicarmi qualche nome per eseguire la marcatura?

vi ringrazio in anticipo per la vostra pazienza e disponibilità!
ciao
Giulio
Avatar utente
Foto Utentegiulio1974
0 3
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 27 set 2016, 13:31

2
voti

[2] Re: come rendere a norma una lampada artigianale

Messaggioda Foto UtenteMike » 27 set 2016, 15:05

giulio1974 ha scritto:... me lo confermate?


Sì, è un'apparecchiatura elettrica e si applicano le direttive BT ed EMC.

giulio1974 ha scritto:se si, come devo muovermi? è sufficiente rivolgermi ad un consulente che mi procura la marcatura ed il fascicolo tecnico oppure devo svolgere anche prove di laboratorio,verifiche tecniche, ecc?


Il consulente non procura nulla, ti fornisce solo la consulenza o un servizio completo secondo le esigenze, la marcatura la appone sempre il fabbricante che diventa l'unico responsabile. Per la direttiva BT devi valutare i rischi e redigere una documentazione tecnica da tenere in archivio assieme alla Dichiarazione CE di conformità in originale. Fatto questo puoi apporre la marcatura CE e commercializzare il prodotto assieme a un foglio istruzioni.
Non è obbligatorio seguire le norme tecniche, ma chi le segue ha la presunzione di conformità, così come non è obbligatorio effettuare le prove presso un laboratorio.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,8k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14244
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[3] Re: come rendere a norma una lampada artigianale

Messaggioda Foto Utentegiulio1974 » 27 set 2016, 15:37

GRAZIE! confermi le stesse conclusioni cui ero arrivato tramite web. nel mio caso il consulente è d'obbligo perché non avendo competenza ma dovendo assumermi la responsabilità della vendita ho bisogno di qualcuno che mi assista fornendo un servizio completo...sapete suggerirmi qualcuno?!
Avatar utente
Foto Utentegiulio1974
0 3
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 27 set 2016, 13:31

0
voti

[4] Re: come rendere a norma una lampada artigianale

Messaggioda Foto UtenteMike » 27 set 2016, 16:48

giulio1974 ha scritto:...sapete suggerirmi qualcuno?!


Dipende dalla tua collocazione geografica :mrgreen:
In ogni caso, ti consiglio di contattare i laboratori di prova della tua zona (tipo IMQ o simili) che fanno anche consulenza oltre che prove e misure o ti possono suggerire dei consulenti di riferimento.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,8k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14244
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[5] Re: come rendere a norma una lampada artigianale

Messaggioda Foto Utentegiulio1974 » 27 set 2016, 17:19

io sono a roma, mentre il produttore a Mirano (VE)!
Avatar utente
Foto Utentegiulio1974
0 3
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 27 set 2016, 13:31

0
voti

[6] Re: come rendere a norma una lampada artigianale

Messaggioda Foto Utentemgd966 » 17 ott 2016, 12:58

Siccome hai la possibilita' di farti assistere da consulenti e Notify Body non solo Italiani ma in tutte le Nazioni dell'Unione,ti suggerisco (se sai l'inglese) di dare un'occhiata all'estero.
Io ho usato molte volte per EMC e LV la Eurocert di Atene ,nel mio caso presentando io stesso il fascicolo tecnico e le prove relative ma so che fanno anche il servizio completo.
Il GM era (fino a3 anni fa) Mr.George Sifonios sifonios@eurocert.gr .
So che ci sono altre realta' anche in Polonia-Romania etc ma non le conosco personalmente.
Il risparmio con Atene e' sempre stato notevole.
Cordiali saluti
Mauro
Avatar utente
Foto Utentemgd966
354 1 2 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 79
Iscritto il: 3 ott 2016, 15:48
Località: Changzhou PRC-ridente cittadina del Verbano, Italia

1
voti

[7] Re: come rendere a norma una lampada artigianale

Messaggioda Foto UtenteGuerra » 17 ott 2016, 13:47

Dipende spesso dall'obiettivo che uno si pone: certificare un prodotto o comprare la certificazione di quel prodotto.
"Le domande non sono mai indiscrete. Le risposte lo sono a volte"
Per qualche dollaro in più
Avatar utente
Foto UtenteGuerra
34,7k 7 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 4735
Iscritto il: 14 apr 2010, 16:38

1
voti

[8] Re: come rendere a norma una lampada artigianale

Messaggioda Foto Utentemgd966 » 17 ott 2016, 14:40

L'osservazione,seppure giusta e condivisibile, e' anche un po' gratuita almeno nel contesto del mio suggerimento.
Si intende che la certificazione e l'ente certificatore per essere comparabili, debbano essere competenti ed onesti.
Che poi siano Italiani o Greci non mi pare rilevante.
Altri,come ho detto,so che esistono ma non mi permetto di citarli perche' mai avuto contatti professionali.
Nel mio caso se puo' interessare la differenza di prezzo sensibile era dovuta :
1)il costo orario e di set up delle prove EMC con l'attrezzatura adatta e con assistenza di Ingegnere qualificato
2)il costo della documentazione come N.B. a supporto del CE
Peraltro sempre per via dei costi della EMC qualche volta mi sono servito dei Laboratori UL (si, proprio UL originali) di Suzhou perche' fanno parte -ovvio-della rete dei labs accreditati e riconosciuti in Europa ma siccome il personale e' cinese,costano meno.
Peraltro,essendo in Europa la localita' dove opera il NB non dovrebbe essere un motivo di discriminazione-salvo il fatto che detto NB venga radiato per disonesta' .
Parimenti i laboratori accreditati tipo UL non mi pare che siano discriminati per localita' di residenza.
Il post e' "come rendere a norma una lampada" ed io ho risposto onestamente secondo la mia onesta esperienza.
Cordiali saluti
Mauro
Avatar utente
Foto Utentemgd966
354 1 2 4
New entry
New entry
 
Messaggi: 79
Iscritto il: 3 ott 2016, 15:48
Località: Changzhou PRC-ridente cittadina del Verbano, Italia

0
voti

[9] Re: come rendere a norma una lampada artigianale

Messaggioda Foto Utentealex3comelectro » 29 dic 2016, 17:25

Scusatemi.... ma un ingegnere che le scrive il fascicolo tecnico dovrebbe essere sufficiente....Mi spiegare perché vorreste un certificato EMC quando i componenti sono già certificati EMC....
Potrebbe essere un obbligo all'interno del fascicolo tecnico utilizzare elementi certificati EMC da un ente esterno....insomma è una lampada in legno....ovvio più certificati ci sono meglio è...ma mantenere un prezzo buono per la lampada dovrebbe aiuta a vendere.
Avatar utente
Foto Utentealex3comelectro
0 2
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 30 gen 2007, 16:01

0
voti

[10] Re: come rendere a norma una lampada artigianale

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 29 dic 2016, 18:17

Non sono certo, credo che la certificazione CE sia una autocertificazione emessa dal costruttore.
Solo una volta ho fatto una dichiarazione di rispondenza CE di una apparecchiatura unica venduta a un ente di telecomunicazioni statale. Non ho avuto riscontri, quindi suppongo OK.

Devi preparare e archiviare e mostrare a chi lo chiede un documento in cui analizzi i rischi e gli accorgimenti che sono stati presi per minimizzarli.
rischi:
-di incendio: in caso di guasto/funzionamento può raggiungere temperature pericolose?
- Il materiale è autoestinguibile. Almeno brucia lentamente, (O è di cellulosa che si infiamma in un lampo ..)
-di folgorazione: esistono tensioni pericolose all'interno e/o raggiungibili dall'esterno?
-meccanici: esistono spigoli vivi che possono ferire un utente?
- massa, se cade su un piede fa molto male ?
-Un bambino può ingoiare pezzi della lampada?
-Grado di protezione alla polvere/acqua ? Deve essere adoperata all'interno di una abitazione?
-di emissione di disturbi EMC ?

Scrivere un foglio di precauzioni nell'utilizzo.
Per esempio ( in parte scherzo):
-è costruita in materiale combustibile, non utilizzare fiamma vive nelle vicinanze.
- se si applica una forza di ..kg a una altezza di 1 m si può ribaltare, attenzione non lasciate bambini nelle vicinanze.

E' tutto quello che so, ma sono curioso di leggere posta di quelli più esperti di me.
O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
6.329 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2540
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

Prossimo

Torna a Direttiva Macchine

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti