Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Contemporaneità, utilizzo e dissipazione termica macchine

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G

0
voti

[1] Contemporaneità, utilizzo e dissipazione termica macchine

Messaggioda Foto Utenteclanis » 5 dic 2016, 13:24

Buonasera, mi trovo ad eseguire la progettazione di uno stabilimento industriale in cui, nell’area di produzione centrale (circa 3500m²) saranno installate diverse macchine (centri di lavoro, ecc.) con potenze non trascurabili.
Il cliente è straniero, ci ha fornito un elenco con le apparecchiature e per ogni apparecchiatura:
- Potenza nominale [Pn]: è la somma di tutte le potenze presenti nella macchina, senza tener conto della contemporaneità delle varie lavorazioni che la macchina può compiere;
- Una sorta di coefficiente di contemporaneità [Kc]: percentuale di lavoro della macchina in un giorno (lo stabilimento lavorerà H24) da un minimo ad un massimo (ad esempio la macchina 1234 lavorerà da un minimo del 50% ad un massimo del 80% in un giorno);
- Una sorta di coefficiente di utilizzazione [Ku]: nessuna macchina assorbirà mai il 100% della potenza nominale;
- Quantità di calore sviluppato dalla macchina: calcolato come Pn x Ku x Kca, dove Kca è un coefficiente che fornisce il cliente ed esprime la percentuale della potenza elettrica dissipata in calore.
L’ambiente è a temperatura controllata con un range di temperatura di lavoro molto ristretto, quindi l’aspetto dello smaltimento termico è davvero determinante.
Faccio un esempio:
Macchina con Pn = 160kW;
Kc= da 0.1 a 0.33 (tradotto in ore, lavorerà tra 2.4 e 8 ore al giorno);
Ku=0.5
Kca=0.12
Totale calore dissipato: 160 x 0.5 x 0.12 = 9.6 kW
Se lo rapportiamo al ciclo lavorativo di un giorno, questa macchina dissiperà da un minimo di 23 ad un massimo di 77 kW al giorno.
Lo so che questi dati li ha forniti il cliente, ma se poi l’impianto di condizionamento non funziona a dovere, sono problemi per tutti, quindi vi chiedo, vi pare che i dati forniti ed il procedimento seguito dal cliente sia corretto? In qualche caso ho visto che viene considerata la potenza dissipata pari alla potenza assorbita, quindi 80kW nell’esempio sopra, bene lontano dai 9.6 kW dichiarati dal cliente.
Riguardo al Kc, al fine di dimensionare i carichi termici delle macchine sarei propenso ad utilizzare i coefficienti massimi o quanto meno vicini al massimo, perché se capita la giornata di lavoro intensa dove quasi tutte le macchine lavorano, la temperatura deve rimanere comunque nei range richiesti.
Cosa ne pensate? Dubbi? Consigli?
Avatar utente
Foto Utenteclanis
105 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 146
Iscritto il: 18 mar 2009, 18:55

1
voti

[2] Re: Contemporaneità, utilizzo e dissipazione termica macchin

Messaggioda Foto UtenteMike » 6 dic 2016, 10:13

clanis ha scritto:i pare che i dati forniti ed il procedimento seguito dal cliente sia corretto?


Avercene di clienti così, aziende anche più grosse non hanno nemmeno un lay-out e ti indicano kW a caso.

clanis ha scritto:In qualche caso ho visto che viene considerata la potenza dissipata pari alla potenza assorbita, quindi 80kW nell’esempio sopra, bene lontano dai 9.6 kW dichiarati dal cliente.


I dati di progetto si acquisiscono, si possono discutere con la committenza per valutare che non ci siano refusi, ma non puoi prenderti iniziative in merito.

clanis ha scritto:Riguardo al Kc, al fine di dimensionare i carichi termici delle macchine sarei propenso ad utilizzare i coefficienti massimi o quanto meno vicini al massimo, perché se capita la giornata di lavoro intensa dove quasi tutte le macchine lavorano, la temperatura deve rimanere comunque nei range richiesti.
Cosa ne pensate? Dubbi? Consigli?


Queste valutazioni rientrano tra le tue competenze di progettista.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,6k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14212
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google Adsense [Bot] e 36 ospiti