Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

induttori mutuam accoppiati

Circuiti, campi elettromagnetici e teoria delle linee di trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica

Moderatori: Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteEdmondDantes

0
voti

[1] induttori mutuam accoppiati

Messaggioda Foto Utenteantonio07 » 28 giu 2017, 2:44

salve,

nel seguente:

cir.jpg


mi chiedevo se giaccè va=vb posso direttamente concludere che nel mutuo accoppiamento nn passi corrente o se occorre imporre che

Va-Vb=0= I1*R1+i*w*L*1*I1- i*w*M*I2 ?

grazie
Avatar utente
Foto Utenteantonio07
38 1 1 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 8 nov 2007, 1:51

0
voti

[2] Re: induttori mutuam accoppiati

Messaggioda Foto Utenteharpefalcata » 28 giu 2017, 9:42

perché dici che va è uguale a vb?
Se I1 è diversa da zero, come sembrerebbe dallo schema, allora va è diversa da vb.
Avatar utente
Foto Utenteharpefalcata
306 1 3 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 383
Iscritto il: 28 lug 2015, 21:03

0
voti

[3] Re: induttori mutuam accoppiati

Messaggioda Foto UtenteRenzoDF » 28 giu 2017, 9:45

antonio07 ha scritto:... mi chiedevo se giaccè va=vb posso direttamente concludere che nel mutuo accoppiamento non passi corrente

Premesso che non mi sembra di vedere un punto di connessione sotto R1 e che quindi va e vb non potrebbero dirsi uguali, un corto ad una porta di un mutuo induttore non permette cetro di affermare che la corrente relativa alla porta sia nulla.


antonio07 ha scritto:.... o se occorre imporre che

Va-Vb=0= I1*R1+i*w*L*1*I1- i*w*M*I2 ?

Se volevi scrivere R3 e L3, ok, ma senza il segno meno per il termine relativo alla mutua induzione.
"Il circuito ha sempre ragione" (Luigi Malesani)
Avatar utente
Foto UtenteRenzoDF
54,4k 8 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 12755
Iscritto il: 4 ott 2008, 9:55

0
voti

[4] Re: induttori mutuam accoppiati

Messaggioda Foto Utenteantonio07 » 28 giu 2017, 11:06

riporto in figura il percorso tra va e vb tra i quali nn insiste nessun elemento e che dunque mi da modo di dire Va=Vb.

grazie
Allegati
cir.jpg
Avatar utente
Foto Utenteantonio07
38 1 1 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 8 nov 2007, 1:51

0
voti

[5] Re: induttori mutuam accoppiati

Messaggioda Foto Utenteantonio07 » 28 giu 2017, 11:09

RenzoDF ha scritto:
antonio07 ha scritto:.... o se occorre imporre che

Va-Vb=0= I1*R1+i*w*L*1*I1- i*w*M*I2 ?

Se volevi scrivere R3 e L3, ok, ma senza il segno meno per il termine relativo alla mutua induzione.


ok sono R3 e L3, grazie.

per il segno della mutua mi ricordo che se la corrente entra nel terminale col pallino è positiva nel terminale col pallino dell'altra induttanza.

grazie
Avatar utente
Foto Utenteantonio07
38 1 1 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 8 nov 2007, 1:51

0
voti

[6] Re: induttori mutuam accoppiati

Messaggioda Foto UtenteRenzoDF » 28 giu 2017, 12:13

La mutua induttanza M è da considerarsi con il suo segno (che è generalmente positivo) quando le due correnti alle porte sono assunte entrambe entranti (come nel tuo caso) o entrambe uscenti dai morsetti contrassegnati ( da pallini o al.).
"Il circuito ha sempre ragione" (Luigi Malesani)
Avatar utente
Foto UtenteRenzoDF
54,4k 8 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 12755
Iscritto il: 4 ott 2008, 9:55

0
voti

[7] Re: induttori mutuam accoppiati

Messaggioda Foto Utenteantonio07 » 28 giu 2017, 12:19

ok allora ci troviamo, la mutua viene concorde alle altre 2 cadute. Grazie

ma tu ritieni che scorra corrente in quel ramo?

grazie
Avatar utente
Foto Utenteantonio07
38 1 1 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 8 nov 2007, 1:51

1
voti

[8] Re: induttori mutuam accoppiati

Messaggioda Foto UtenteRenzoDF » 28 giu 2017, 12:40

Senza dubbio potrebbe scorrere una corrente, corrente che poi potrebbe essere anche nulla, dipende dai valori dei parametri circuitali, che sarebbe interessante conoscere, così come le richieste del problema; quella rete ha un sacco di semplificazioni possibili, specie se come dicevo dovesse esserci un collegamento nell'incrocio sotto il resistore R1, collegamento che a rigore, senza la presenza di un punto di connessione, non esiste, ma purtroppo, molto spesso, in H-demia queste regole del disegno tecnico non sono note. :-)
"Il circuito ha sempre ragione" (Luigi Malesani)
Avatar utente
Foto UtenteRenzoDF
54,4k 8 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 12755
Iscritto il: 4 ott 2008, 9:55

0
voti

[9] Re: induttori mutuam accoppiati

Messaggioda Foto Utenteantonio07 » 28 giu 2017, 13:07

ti aggiungo la traccia completa:
cir 2.png


in genere se nn c'è collegamento galvanico mette un ponticello quindi assumo che tuue le sovrapposizioni siano dei collegamenti.

se nn ci fosse stato il contributo di mutua avrei detto subito che il ramo R3 L3 è cortocircuitato.

a questo punto concordi con me che il circuito si risolve mettendo a sistema:

0= I1*R1+i*w*L*1*I1- i*w*M*I2
con
la somma delle correnti sopra L1?

grazie
Avatar utente
Foto Utenteantonio07
38 1 1 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 8 nov 2007, 1:51

2
voti

[10] Re: induttori mutuam accoppiati

Messaggioda Foto UtenteRenzoDF » 28 giu 2017, 13:37

antonio07 ha scritto:... in genere se non c'è collegamento galvanico mette un ponticello quindi assumo che tuue le sovrapposizioni siano dei collegamenti.

I ponticelli sono vietati dalla normativa.

antonio07 ha scritto:... se non ci fosse stato il contributo di mutua avrei detto subito che il ramo R3 L3 è cortocircuitato.

Certo, così come cortocircuitato e quindi eliminabile è il ramo R2 L2.

antonio07 ha scritto:... a questo punto concordi con me che il circuito si risolve mettendo a sistema:

0= I1*R1+i*w*L*1*I1- i*w*M*I2
con
la somma delle correnti sopra L1?

Scusa ma non capisco quella relazione, assunte le correnti I1 e I2 nei rami mutuamente accoppiati con il verso del primo post, chiamata I3 la corrente verso il basso nel ramo R1 L1 in parallelo al GIC di sinistra, visto che R1 e C2 sono in parallelo al GIT (e quindi per il momento non li consideriamo), avremo sostanzialmente tre incognite: I1,I2 e I3, e quindi avremo bisogno di tre equazioni, per esempio: una KCL al nodo sopra L1 e due KVL agli anelli centrali.

In alternativa potresti usare il metodo delle correnti di maglia, che porterebbe ad avere solo due equazioni nelle due incognite I1 e I2, ma non cambia la difficoltà.

Determinate le tre correnti sarà poi semplice rispondere alle richieste sulle potenze (la prima potenza a dire il vero sarebbe immediata).
"Il circuito ha sempre ragione" (Luigi Malesani)
Avatar utente
Foto UtenteRenzoDF
54,4k 8 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 12755
Iscritto il: 4 ott 2008, 9:55

Prossimo

Torna a Elettrotecnica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 26 ospiti