Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Certificazioni per circuito...

L'iter relativo alla marcatura CE e problemi connessi.

Moderatore: Foto UtenteGuerra

0
voti

[1] Certificazioni per circuito...

Messaggioda Foto Utentestefanoxjx » 11 lug 2017, 14:02

Ciao a tutti, scusate se faccio una domanda su argomento probabilmente già visto, ma da ricerche non ho trovato risposte soddisfacenti.
Dovrei fare per poi rivenderlo un circuito molto banale composto da un micro, un servocomando e una batteria per l'alimentazione.
Volevo capire se anche usando tutti componenti già certificati CE dovrò comunque seguire l'iter per la certificazione CE ecc. ecc. anche se il circuito funzionerà a 5V.
Da alcune parti ho letto che bisogna comunque fare le analisi e certificazioni, da altre ho letto che se tutti i componenti sono certificati CE/Rohs basta un'autocertificazione.
Ovviamente ho difficolta a capire anche perché quello che ho letto trattava comunque di circuiti diversi da quello che dovrò fare io e quindi non riesco a capire quali sono i limiti su cui devo basarmi.
Grazie.

Stefano
Avatar utente
Foto Utentestefanoxjx
0 3
 
Messaggi: 34
Iscritto il: 8 ago 2006, 13:06

0
voti

[2] Re: Certificazioni per circuito...

Messaggioda Foto UtenteGuerra » 11 lug 2017, 14:05

Mi pare confondi certificazioni e dichiarazioni.
"Le domande non sono mai indiscrete. Le risposte lo sono a volte"
Per qualche dollaro in più
Avatar utente
Foto UtenteGuerra
34,6k 6 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 4725
Iscritto il: 14 apr 2010, 16:38

0
voti

[3] Re: Certificazioni per circuito...

Messaggioda Foto Utentestefanoxjx » 11 lug 2017, 14:14

Probabilmente si.
Comunque, sto cercando di capire se sono obbligato a passare attraverso un ente certificatore o se basta un'autocertificazione visto che comunque il circuito lavora a bassa tensione e non può generare pericolo per nessuno.

Stefano
Avatar utente
Foto Utentestefanoxjx
0 3
 
Messaggi: 34
Iscritto il: 8 ago 2006, 13:06

0
voti

[4] Re: Certificazioni per circuito...

Messaggioda Foto UtenteGuerra » 11 lug 2017, 14:23

Devi fare le tue valutazioni (questo probabilmente è quello che hai trovato scritto da qualche parte).
Avere pezzi marcati CE e messi insieme non vuol dire avere qualcosa marcato CE.
E' necessario che il costruttore valuti e verifichi il suo prodotto.
Valuta quali direttive sono applicabili e probabilmente sarà sufficiente una tua dichiarazione di conformità a [quello che sarà necessario].
"Le domande non sono mai indiscrete. Le risposte lo sono a volte"
Per qualche dollaro in più
Avatar utente
Foto UtenteGuerra
34,6k 6 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 4725
Iscritto il: 14 apr 2010, 16:38

0
voti

[5] Re: Certificazioni per circuito...

Messaggioda Foto Utentestefanoxjx » 11 lug 2017, 14:40

Perfetto, grazie.
C'è qualche sito dove si possono trovare le varie direttive?
Grazie.

Stefano
Avatar utente
Foto Utentestefanoxjx
0 3
 
Messaggi: 34
Iscritto il: 8 ago 2006, 13:06

0
voti

[6] Re: Certificazioni per circuito...

Messaggioda Foto UtenteGuerra » 11 lug 2017, 14:41

"Le domande non sono mai indiscrete. Le risposte lo sono a volte"
Per qualche dollaro in più
Avatar utente
Foto UtenteGuerra
34,6k 6 11 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 4725
Iscritto il: 14 apr 2010, 16:38

0
voti

[7] Re: Certificazioni per circuito...

Messaggioda Foto Utentestefanoxjx » 11 lug 2017, 23:17

E rieccomi!!!
Ho fatto ulteriori ricerche ed ho approfondito la direttiva 2014/35/UE per dispositivi LVD.
Il fatto è che questa direttiva parla di tensioni che vanno da 50~1000Vac o 75~1500Vdc, ma non si menzionano da nessuna parte i dispositivi al di sotto di tali tensioni.
Non riesco quindi a capire se è questa la direttiva corretta da applicare o se a questo punto i dispositivi sotto i 50V sono esenti :D
Esiste qualche ufficio di competenza che mi possa dare qualche informazione senza dover fare un mutuo per pagare la consulenza?

Grazie.

Stefano
Avatar utente
Foto Utentestefanoxjx
0 3
 
Messaggi: 34
Iscritto il: 8 ago 2006, 13:06

1
voti

[8] Re: Certificazioni per circuito...

Messaggioda Foto UtenteMike » 12 lug 2017, 11:00

stefanoxjx ha scritto:Esiste qualche ufficio di competenza che mi possa dare qualche informazione senza dover fare un mutuo per pagare la consulenza?

Non serve, basta leggere il campo di applicazione, se l'apparecchiatura è al di sopra o al di sotto di quei limiti di tensione non rientra nella LVD.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,2k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14111
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[9] Re: Certificazioni per circuito...

Messaggioda Foto Utentestefanoxjx » 12 lug 2017, 11:21

Cosa intendi con "Non serve"?
Che non serve la marchiatura CE o che quella direttiva non serve per il mio caso?
Poi sto facendo un sacco di confusione tra marchiatura e certificazione CE, ma leggendo in giro vedo che non sono l'unico.
Esiste solo la marchiatura CE o anche la certificazione?
Grazie.

Stefano
Avatar utente
Foto Utentestefanoxjx
0 3
 
Messaggi: 34
Iscritto il: 8 ago 2006, 13:06

1
voti

[10] Re: Certificazioni per circuito...

Messaggioda Foto UtenteMike » 12 lug 2017, 12:27

stefanoxjx ha scritto:Cosa intendi con "Non serve"?

Non serve appellarsi a qualche ente
stefanoxjx ha scritto:Che non serve la marchiatura CE o che quella direttiva non serve per il mio caso?

MARCATURA
Ogni prodotto, prima di essere immesso nel mercato va valutato quali siano le direttive europee applicabili. Se il prodotto non rientra in alcuna direttiva la MARCATURA CE non va apposta.
stefanoxjx ha scritto:Poi sto facendo un sacco di confusione tra marchiatura e certificazione CE, ma leggendo in giro vedo che non sono l'unico.
Esiste solo la marchiatura CE o anche la certificazione?

Non esiste la certificazione CE ma la MARCATURA. Alcune direttive richiedono la certificazione di un Organismo Notificato, ma è complementare alla MARCATURA. Per esempio un quadro elettrico è soggetto alle direttive: LVD ed EMC. Queste direttive prevedono esclusivamente l'approccio autocertificativo con l'apposizione della marcatura CE. Lo stesso quadro elettrico per un ambiente ATEX dovrà essere certificato da un Organismo notificato per la conformità alla direttiva Atex.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
Avatar utente
Foto UtenteMike
51,2k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14111
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

Prossimo

Torna a Direttiva Macchine

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti