Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Rischio di folgorazione o scossa?

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[1] Rischio di folgorazione o scossa?

Messaggioda Foto Utentevirilex » 16 gen 2008, 0:02

Signori buona sera.
Vorrei che mi chiariste un concetto che eviterò di sperimentare, nel caso no ottenessi risposta alcuna, per ovvi motivi.
Rete di casa. Se metto due dita nella presa di corrente, quindi un dito in una fase e l'altro in un'altra, che succede, avendo l'impianto a norma?
E se ne mettesi uno, in una sola fase cambierebbe qualcosa?
Grazie anticipiatamente anche a chi ci da la possibilità di avere un sito dove la cultura, fortunatamente, non manca.
Avatar utente
Foto Utentevirilex
10 2 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 200
Iscritto il: 20 feb 2007, 15:44
Località: Monterotondo (Rm)

0
voti

[2] Re: Rischio di folgorazione o scossa?

Messaggioda Foto UtenteIvan_Iamoni » 16 gen 2008, 8:58

Caro virilex,
Prima cosa, diamoci del tu, questo forum e' un luogo informale :)
Vorrei che mi chiariste un concetto che eviterò di sperimentare, nel caso no ottenessi risposta alcuna, per ovvi motivi.
Saggia decisione.

Se metto due dita nella presa di corrente, quindi un dito in una fase e l'altro in un'altra, che succede, avendo l'impianto a norma?

Diciamo che l'ultima affermazione , annulla la prima ipotesi , se hai l'imipanto a norma , ti sara' impossibile infilare le dita nella presa di corrente, per questioni di design della tua presa.
Nessuno puo' negare che tu tocchi con due dita due fili scoperti di fase e neutro.
Iniziamo a dire in generale quali sono i rischi a cui si va in contro in caso di folgorazione.
In ambito domestico , si hanno i canonici 220 V , che non e' una tensione elevatissima, ma sufficiente a causare:
Arresto cardiaco , arresto respiratorio , bruciature cutanee abbastanza serie e crampi muscolari o convulsioni o movimenti sussultori incontrollabili che spesso in alcuni casi cusano ulteriori probelmi a seguito di cadute improvvise, o urto , ecco perche' la tua e' una saggia decisone , te lo dice uno che involontariamente ne ha prese tante di "sberle" come le chiamo io.
Non esiste un modo per determinare quali e in che quantita' si manifestano i precedenti effetti esiste solo la certezza che qualcosa succede.
Tutto e' in funzione di come la corrente elettrica attraversa il corpo umano , quali organi interessa ,e per quanto tempoi , si parla generalmente di rischio.
Senza considerare il fattore "tempo di esposizione":
Nel caso che tu tocchi i 2 fili con le due dita della stessa mano , la scarica interessa solo quell'arto, quindi i rischi sono minori.
Nel caso che tu tocchi i 2 fili con un dito della mano destra ed uno della sinistra, i rischi sono notevolmente maggiori, perche il flusso di corrente attraversa tutta la parte toracica , interessando cuore polmoni ed altri organi vitali.
Nel caso tu tocchi i 2 fili , uno con un dito della mano ed uno con un dito del piede , i rischi aumentano ancora esponenzialemente per ovvi motivi.
Nella tua domanda parlando di impianto a norma, devi tenere conto che avra' senza dubbio un'interruttore differenziale.
E" meglio prima di continuare che tu approfondisca cosa sia e come funziona vedi qui: http://it.wikipedia.org/wiki/Interruttore_differenziale

Esistono diverse classi di interruttore differenziale , per uso domestico vengono impiegati quelli classificati "ad alta sensibilita'" con una Idn compresa tra 0,005 A e 0,03 A , il cui tempo di intervento puo' variare tra 0,5 secondi e 0,04 secondi in funzione di quanto sia la corrente dispersa rilevata , chiamiamola A quindi puo' essere A<Idn A=Idn o A>Idn .
La quantita' di corrente dispersa e' in funzione del tipo di guasto.
Ipotesi 1: 2 dita nella presa , che sia della stessa mano o di due mani diverse, possono esserci due diverse situazioni , hai le scarpe con la suola di gomma e non tocchi niente altro con nessuna parte del corpo , in questo caso la corrente dispersa e' quasi nulla tu fai da conduttore ed il differenziale fa' poco i rischi sono molto alti.
Ipotesi 2: nel caso tu sia a piedi nudi , o tocchi con il corpo qualche oggetto collegato al circuito di terra, si ha una corrente di dispersione , quindi il differenziale ti salva la vita, in ogni caso per quanto piccolo sia il tempo di esposizione i rischi rimangono sempre alti.
Se tocchi con un solo dito la fase , rientri nel campo della ipotesi nr. 2

CIao
Ivan
Avatar utente
Foto UtenteIvan_Iamoni
5.311 6 10 12
Utente disattivato per decisione dell'amministrazione proprietaria del sito
 
Messaggi: 2335
Iscritto il: 22 ott 2006, 18:45

0
voti

[3] Re: Rischio di folgorazione o scossa?

Messaggioda Foto UtenteIvan_Iamoni » 16 gen 2008, 9:08

Sempre in relazione a quanto scritto prima, cercando delle tavole di riscontro sui tempi di intervento, mi sono imbattuto in questo documento: http://www.elektro.it/elektro_sicurel_html/sicurel_25_5.html se possono interessarti.
Ciao
Ivan
Avatar utente
Foto UtenteIvan_Iamoni
5.311 6 10 12
Utente disattivato per decisione dell'amministrazione proprietaria del sito
 
Messaggi: 2335
Iscritto il: 22 ott 2006, 18:45

0
voti

[4] Re: Rischio di folgorazione o scossa?

Messaggioda Foto Utentevirilex » 19 gen 2008, 21:30

Ivan, ti ringrazio dell'eccellente e semplice spiegazione che mi hai dato.
A me interessava appunto le dverse distinzioni che mi hai fatto.
Sai, non avevo pensato al discorso che la corrente potesse nuocere maggiormente se attraversava determinate parti del corpo anche se era abbastanza intuitiva come cosa.
Allora approfitto per farti qualche altra domandina, visto che sei così bravo a spiegare:
mi hanno detto che la tensione italiana avendo una frequenza di 50 Hz è + nociva di quella americana in quanto va a toccare le armoniche del nostro cuore. Mi chiedevo se ci sono testi o siti utili riguardanti le armoniche del cuore o quello che è il nostro "apparato elettrico".
Spero di sentirti in seguito :wink:
Avatar utente
Foto Utentevirilex
10 2 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 200
Iscritto il: 20 feb 2007, 15:44
Località: Monterotondo (Rm)

0
voti

[5] Condensatore folle

Messaggioda Foto Utentevirilex » 19 gen 2008, 21:36

Ivana sono bramoso di sapere e quindi mi dovrai sopportare..
Ti faccio una domanda a freddo, molto personale, se vogliamo:
secondo te, con le conoscenze che l'uomo ha, mettendoci in mezzo anche i costi, non saremmo in grado di produrre un super condensatore atto all' immagazzinamento dei fulmini. So che può risultarti un po folle ma riflettendoci non capisco perché l'umanità si ferma di fronte a tali situazioni che ha a portata di mano.
La faccio facile? Poddarsi, ma allora non ci dobbiamo gonfiare di boria quando diciamo di essere andati sulla luna :shock:
Ciao Sergio
Avatar utente
Foto Utentevirilex
10 2 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 200
Iscritto il: 20 feb 2007, 15:44
Località: Monterotondo (Rm)

0
voti

[6] Re: Rischio di folgorazione o scossa?

Messaggioda Foto Utente6367 » 20 gen 2008, 0:44

mi hanno detto che la tensione italiana avendo una frequenza di 50 Hz è + nociva di quella americana in quanto va a toccare le armoniche del nostro cuore. Mi chiedevo se ci sono testi o siti utili riguardanti le armoniche del cuore o quello che è il nostro "apparato elettrico".


No, è una leggenda metropolitana!
Sappiamo che le frequenze fra 10 e 100 Hz sono le più pericolose per il corpo umano.
Ma nessuno studio serio ha trovato differenze significative fra due valori così vicini (50 Hz e 60 Hz).
Diciamo che è una delle tante storie che sono state inventate per giustificare la scelta dell'una o dell'altra frequenza.
L'argomento è tratto per esempio nella IEC 60479-2.

Rete di casa. Se metto due dita nella presa di corrente, quindi un dito in una fase e l'altro in un'altra, che succede, avendo l'impianto a norma?
E se ne mettesi uno, in una sola fase cambierebbe qualcosa?


E no! se hai l'impianto a norma le dita non ce le infili! non ci entrano!
"se saturo la casa di gas ed accendo un fiammifero, che succede se ho l'impianto a norma,?"
Attenzione non esiste alcun apparecchio magico che ci protegge dai contatti diretti
In caso di contatto diretto (soprattutto bipolare) le uniche protezioni efficaci sono quelle passive (isolamento, segregazione, distanziamento delle parti in tensione).


Iniziamo a dire in generale quali sono i rischi a cui si va in contro in caso di folgorazione.


L'argomento è trattato in numerosi testi e pubblicazioni.

Innanzitutto bisognerebbe parlare di corrente, non di tensione.
La corrente si ottiene dalla tensione di contatto (es. 230 V) e dalla resistenza totale dell'elettrocuzione.
Quest'ultima dipende dalle resistenza di contatto (resistenza del pavimento, delle scarpe, della pelle, etc etc) e dalla resistenza interna del corpo umano.
Ciò che è molto difficile stimare e appunto la resistenza totale, dipende da mille fattori, soprattutto dalla presenza di acqua.
Valori tipici sono 1000 o 2000 Ohm, ma nei casi più sfortunati può scendere a 200 o 500 Ohm.
In letteratura esistono dei grafici di pericolosità ch danno i vari effetti in funzione della corrente e della sua durata (v. IEC 60479-1).

Facendo riferimento a tempi di elettrocuzione indefinitamente lunghi, per il percorso standard mano piede, i valori tipici sono:
oltre 30 mA: rischio di fibrillazione ventricolare, arresto respiratorio, ustioni, ... (insomma pericolo grave di morte)
oltre 10 mA: rischio di immobilizzazione per tetanizzazione muscolare (non riesci a staccarti dalla corrente!), crampi, panico, asfissia (rischio di morte ma meno probabile)
oltre 5 mA: formicolio, deboli, contrazioni muscolari involontarie (rischio di morte molto basso)
pochi mA: percezione

Questo fa capire che la vera protezione dai contatti diretti non è il differenziale, ma quella passiva (la scossa non si deve prendere!!!) e che se veramente temiamo il contatto diretto, sarebbe molto meglio il differenziale da 10 mA anziche da 30 mA (es nei bagni, dove si ha la maggior parte delle morti domestiche per folgorazione).

Più pericoloso il pericoloso il percorso torace braccio, o bocca braccio (attenzione ai bimbi che mettono in bocca tutto!).
Avatar utente
Foto Utente6367
18,8k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6064
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[7] Re: Rischio di folgorazione o scossa?

Messaggioda Foto Utente6367 » 20 gen 2008, 2:02

Ipotesi 2: nel caso tu sia a piedi nudi , o tocchi con il corpo qualche oggetto collegato al circuito di terra, si ha una corrente di dispersione , quindi il differenziale ti salva la vita


Vabbè, ma evitiamo di dire che il differenziale ti "salva la vita", perché non è sempre vero.
Anzi è una espressione mistificatoria, ingannevole e pericolosa!
Avatar utente
Foto Utente6367
18,8k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6064
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti