Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Scelta differenziale caldaia

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo, Foto UtenteMASSIMO-G

0
voti

[1] Scelta differenziale caldaia

Messaggioda Foto Utentemarkus5 » 25 set 2018, 9:15

Buongiorno. Attualmente ho un differenziale magnetotermico da 0.3 A tipo AC che serve tre magnetotermici (caldaia, presa di forza, lavatrice). Vorrei passare ai differenziali di tipo A ma con uno schema diverso.
Magnetotermico che serve tre differenziali magnetotermici di tipo A 0.03A (caldaia, lavatrice e presa di forza).
Il magnetotermico differenziale tipo A da 0.03 A per la caldaia in pratica serve un quadretto caldaia dove è collegata la caldaia stessa, 4 circolatori per il riscaldamento (bagni, taverna, notte e giorno) e orologi. La domanda è la seguente: va bene il 30 mA anche se oltre a gestire la caldaia gestisce anche i 4 circolatori oppure no? Quindi sarà troppo facile che scatti visto che ci sono anche i 4 circolatori? Grazie.
Avatar utente
Foto Utentemarkus5
93 1 3 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 466
Iscritto il: 3 mag 2013, 11:25

0
voti

[2] Re: Scelta differenziale caldaia

Messaggioda Foto Utentemarkus5 » 25 set 2018, 11:01

Volevo precisare che i circolatori sono della wilo e non sono elettronici. La regolazione della velocità avviene attraverso un selettore a tre posizioni.
Avatar utente
Foto Utentemarkus5
93 1 3 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 466
Iscritto il: 3 mag 2013, 11:25

0
voti

[3] Re: Scelta differenziale caldaia

Messaggioda Foto Utenteelettro » 25 set 2018, 11:30

Attualmente ho un differenziale magnetotermico da 0.3 A tipo AC


E' un errore, oppure hai un solo differenziale con id 0,3A.

I circolatori con quale tensione lavorano.?
Avatar utente
Foto Utenteelettro
903 3 5 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: 9 mar 2005, 19:23

0
voti

[4] Re: Scelta differenziale caldaia

Messaggioda Foto Utentemarkus5 » 25 set 2018, 11:46

Si scusami, il magnetotermico differenziale ha un id da 300mA. I circolatori sono alimentati a 230V con selettore a tre posizioni per la velocità.
Avatar utente
Foto Utentemarkus5
93 1 3 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 466
Iscritto il: 3 mag 2013, 11:25

0
voti

[5] Re: Scelta differenziale caldaia

Messaggioda Foto Utenteelettro » 25 set 2018, 12:05

Capito...forse dovevi adottare un differenziale con id 0,03A - meglio tipo A.
Comunque, potresti associare alla caldaia l'alimentazione dei tre circolatori sotto un medesimo MTD C10A - id 0,03A magarari tipo A. I circolatori, potrebbero mostrare col tempo una corrente di dispersione marcata tanto da produrre lo scatto del differenziale univoco. Averne due è meglio:il primo C6A id 0,03A tipo A, il secondo C6A id 0,03A tipo AC.
Avatar utente
Foto Utenteelettro
903 3 5 9
Expert
Expert
 
Messaggi: 2775
Iscritto il: 9 mar 2005, 19:23

0
voti

[6] Re: Scelta differenziale caldaia

Messaggioda Foto Utentemarkus5 » 25 set 2018, 21:22

Ok grazie per i chiarimenti. Io troverei su ebay.de dei magnetotermici differenziali id 0.03 A C16 6000 a prezzi veramente bassi per cui, se al posto del diff/magn. da 6 A tipo A id 0.03A per la caldaia usassi la taglia da 16 A con opportuno cambio del conduttore con uno da 2.5 mmq credo che non ci siano problemi o mi sbaglio. In fin dei conti il magnetotermico ha la funzione di proteggere il cavo da cortocircuiti e da sovracorrenti che possano danneggiarlo anche se, in effetti, supero abbondantemente il carico della caldaia stimabile attorno ai 120W. Può andare?
Avatar utente
Foto Utentemarkus5
93 1 3 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 466
Iscritto il: 3 mag 2013, 11:25

0
voti

[7] Re: Scelta differenziale caldaia

Messaggioda Foto Utentemarkus5 » 26 set 2018, 9:16

Elettro, quindi anche se in effetti esagero sulla taglia del magnetotermico rispetto al dispositivo collegato ciò che è importante è che il cavo a valle del magnetotermico sopporti tale maggiore taglia per evitare surriscaldamenti del conduttore che va al dispositivo. Dovrebbe essere corretto, confermi?
Avatar utente
Foto Utentemarkus5
93 1 3 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 466
Iscritto il: 3 mag 2013, 11:25

0
voti

[8] Re: Scelta differenziale caldaia

Messaggioda Foto Utentemarkus5 » 26 set 2018, 12:57

Chiedo scusa ai moderatori per l'ulteriore intervento. Attualmente la caldaia è servita da un magnetotermico da 6A (nel quadretto caldaia) e la caldaia assorbe 120w (ma per prudenza superiamo i dati di targa con 200w). Il termico entra a circa 1300w di potenza assorbita per cui non interverrà mai, a meno che non vi siano guasti che allora porteranno cortocircuito o dispersione vs. terra. Se io lo cambio con un tipo A da 16 A con id 0.03A con un cavo da 2.5 mmq chiaramente non scatterà il termico come prima. Alla fine, non converrebbe il cambio perché si spende di più in conduttori ed in taglia della parte magnetotermica. Siccome io acquisterei in Germania il diff/magn. ad un prezzo inferiore che qui in italia per uno più piccolo il gioco vale la candela, che ne dite?
Avatar utente
Foto Utentemarkus5
93 1 3 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 466
Iscritto il: 3 mag 2013, 11:25

0
voti

[9] Re: Scelta differenziale caldaia

Messaggioda Foto Utentemarkus5 » 26 set 2018, 20:45

Ho scritto una castroneria?
Avatar utente
Foto Utentemarkus5
93 1 3 6
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 466
Iscritto il: 3 mag 2013, 11:25

0
voti

[10] Re: Scelta differenziale caldaia

Messaggioda Foto UtenteSediciAmpere » 26 set 2018, 21:05

Nell'impianto elettrico di casa mia (nuovo e certificato) è stato fatto proprio così : il magnetotermico che protegge la caldaia è da 16A e la linea è da 2.5mmq
Le persone sagge parlano perché hanno qualcosa da dire.
Le persone sciocche perché hanno da dire qualcosa.
Avatar utente
Foto UtenteSediciAmpere
1.028 2 5 7
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 1232
Iscritto il: 31 ott 2013, 15:00

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 32 ospiti