Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Reddito energetico

Fonti energetiche e produzione e fornitura dell'energia elettrica.

Moderatori: Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentemario_maggi

-2
voti

[1] Reddito energetico

Messaggioda Foto UtenteEstack » 14 feb 2019, 11:22

https://www.comune.porto-torres.ss.it/C ... energetico prendendo spunto da questo comune che è riuscito ad mettere 50 impianti fotovoltaici. La mia domanda è se ogni casa, azienda ecc in Italia avesse un impianto fotovoltaico diventeremo autosostenibili a livello energetico o tutto ciò non basterebbe? Aggiungo anche che il m5s che governa Porto Torres, vorrebbe che l'intero comune in ogni casa abbia un impianto fotovoltaico ed è una bellissima iniziativa.
Avatar utente
Foto UtenteEstack
-37 1 2 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 255
Iscritto il: 7 ott 2013, 21:26

4
voti

[2] Re: Reddito energetico

Messaggioda Foto Utentefpalone » 14 feb 2019, 11:53

Diciamo che si va abbastanza vicino all'"off topic", ma proviamo a ragionarci su.
partiamo da un'osservazione decisamente contestabile:
[...] Il progetto si basa su un fondo pubblico che serve per finanziare l’installazione di impianti fotovoltaici sulle case dei cittadini, a partire da quelli con redditi più bassi ma destinato a tutti, gratuitamente. [...]


quanto sopra andrebbe più correttamente scritto

[...] Il progetto si basa su un fondo pubblico che serve per finanziare l’installazione di impianti fotovoltaici sulle case dei cittadini, a partire da quelli con redditi più bassi ma destinato a tutti, finanziato dalla fiscalità generale. [...]
.

Cosa vuol dire questo:
vuol dire che parte del gettito fiscale viene impiegato per finanziare l'installazione di pannelli fotovoltaici.
Ossia, una delle due seguenti ipotesi:
- a parità di gettito fiscale si avranno meno fondi per altri servizi pubblici
- si aumenterà il gettito fiscale per mantenere costanti i fondi per gli altri servizi pubblici.

tertium non datur.

in via generale, comunque l'installazione di fotovoltaico su edifici, anche tralasciando i costi, da sola non è assolutamente in grado di garantire la copertura del carico elettrico.
Avatar utente
Foto Utentefpalone
11,9k 5 7 10
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2326
Iscritto il: 26 dic 2007, 17:46
Località: roma

0
voti

[3] Re: Reddito energetico

Messaggioda Foto Utenteggian » 21 mar 2019, 22:13

16 giugno 2013 le rinnovabili coprono per due ore, l'intero fabbisogno energetico italiano

Sono passati quasi sei anni, però si dimostra che nulla è impossibile.
Esistono dati più recenti?
http://cetri-tires.org/press/2013/16-gi ... -italiano/
Avatar utente
Foto Utenteggian
26 3
New entry
New entry
 
Messaggi: 53
Iscritto il: 4 mag 2012, 8:26

1
voti

[4] Re: Reddito energetico

Messaggioda Foto Utentee7o7 » 27 mar 2019, 15:35

ggian ha scritto:Esistono dati più recenti?


trovi tutto
http://www.mercatoelettrico.org/it/Stat ... ntesi.aspx

però confesso di non avere una chiara idea di come si forma il prezzo del PUN
a cui si riferisce il contenuto del tuo link, e se e come la produzione fv incida sul prezzo
di quest'ultimo.

Non ultimo, ero rimasto all'aforisma "in economia non esistono pasti gratis per nessuno"
Ultima modifica di Foto Utentee7o7 il 27 mar 2019, 15:51, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Foto Utentee7o7
182 3 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 205
Iscritto il: 10 ott 2011, 17:14
Località: Veneto

0
voti

[5] Re: Reddito energetico

Messaggioda Foto UtentePiercarlo » 27 mar 2019, 15:43

e7o7 ha scritto: Non ultimo, ero rimasto all'aforisma "in economia non esistono pasti gratis per nessuno"


Vero, ma esistono pasti abbondanti per tutti se non si sbrodola fuori dal piatto (a parità di cucina, piatti e quant'altro).
Avatar utente
Foto UtentePiercarlo
21,8k 6 10 13
CRU - Account cancellato su Richiesta utente
 
Messaggi: 5951
Iscritto il: 30 mar 2010, 19:23
Località: Milano

2
voti

[6] Re: Reddito energetico

Messaggioda Foto Utentefpalone » 27 mar 2019, 19:26

e7o7 ha scritto:però confesso di non avere una chiara idea di come si forma il prezzo del PUN


qui e qui trovi alcune informazioni in più.
- Sul MGP si scambiano blocchi orari di energia per il giorno successivo.
- Gli operatori partecipano presentando offerte nelle quali indicano la quantità ed il prezzo massimo/minimo al quale sono disposti ad acquistare/vendere.
- La seduta del MGP si apre alle ore 8.00 del nono giorno antecedente il giorno di consegna e si chiude alle ore 12.00 del giorno precedente il giorno di consegna. Gli esiti del MGP vengono comunicati entro le ore 12.55 del giorno precedente il giorno di consegna.
- Le offerte sono accettate dopo la chiusura della seduta di mercato, sulla base del merito economico e nel rispetto dei limiti di transito tra le zone. Il MGP è quindi un mercato d’asta e non un mercato a contrattazione continua.
- Tutte le offerte di vendita e le offerte di acquisto riferite sia alle unità di pompaggio che alle unità di consumo appartenenti alle zone virtuali estere che sono accettate sul MGP vengono valorizzate al prezzo
marginale di equilibrio della zona a cui appartengono. Tale prezzo è determinato, per ogni ora, dall’intersezione della curva di domanda e di offerta e si differenzia da zona a zona in presenza di limiti di transito saturati.
- Le offerte di acquisto accettate e riferite alle unità di consumo appartenenti alle zone geografiche italiane sono valorizzate al prezzo unico nazionale (PUN), pari alla media dei prezzi delle zone geografiche ponderata per le quantità acquistate in tali zone.
- Il GME agisce come controparte centrale.



per fare un esempio "attuale" prendiamo le ore 04:00 della giornata di domani: il grafico domanda-offerta è il seguente.
0400.JPG

il punto di intersezione tra la domanda, al netto delle importazioni, e l'offerta corrisponde ad un prezzo di 39 €/MWh.
come vedi una bella fetta di offerte sono a 0 €, nonostante di notte non ci sia il fotovoltaico: si tratta di impianti che producono a costo marginale nullo quali geotermico, acqua fluente, oppure impianti sottoposti a cicli produttivi che devono marciare h24, oppure semplicemente che agiscono fuori dalla borsa elettrica.
tutti gli impianti, anche quelli che hanno offerto a 0, riceveranno comunque 39 €, essendo la logica di mercato del tipo a costo marginale.


La produzione da fonti rinnovabili non programmabili tende a diminuire il PUN (e più in generale i prezzi su MGP) perché questi impianti hanno priorità di dispacciamento: di fatto entrano a 0 € nel diagramma domanda offerta e tendono quindi ad abbassare il punto di equilibrio.
Vediamo un esempio pratico: alle 13 di domani c'è una separazione tra zone di mercato nord/centro rispetto a sud/sicilia:

1300sep.JPG


nell'area sud/sicilia c'è una grande produzione da rinnovabili: come vedi le offerte a 0 € superano il solo carico zonale; considerando le esportazioni verso il centro-nord, Malta e Grecia, si raggiunge un punto di equilibrio a 10 €/MWh.

1300 sud.JPG



Non vuol dire che quell'energia sia "gratis": ci sono altre forme di remunerazione (conto energia, certificati verdi, power purchase agreements...)
Per contro le fonti rinnovabili non programmabili tendono ad aumentare volumi e costi su altri mercati (bilanciamento e servizi di dispacciamento), in quanto gli sbilanciamenti da loro introdotti non sono soggetti a penali ma devono essere compensati da altre risorse.
Avatar utente
Foto Utentefpalone
11,9k 5 7 10
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 2326
Iscritto il: 26 dic 2007, 17:46
Località: roma


Torna a Energia e qualità dell'energia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite