Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Aumentare autonomia gruppo di continuità

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteDirtyDeeds, Foto Utentecarloc, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utenteg.schgor

0
voti

[1] Aumentare autonomia gruppo di continuità

Messaggioda Foto Utenteclaustro » 23 set 2019, 0:46

Ho 3 di questi gruppi di continuità da 700 VA
https://www.apc.com/shop/it/it/products ... -BE700G-IT

ad uno di essi è collegato un carico da 250 W ( router, switch,e 4 telecamere ip ) che con la batteria standard da 7.5ah mi da un tempo utile di 9 minuti circa.
Dato che per il luogo dove è sistemato non avrei problemi a posizionare una batteria all'esterno della scocca avrei pensato di mettere due batterie in parallelo o ancora meglio una singola di maggiore capacità .
Avrei pensato , per non sollecitare troppo l'UPS che ha un raffreddaemnto passivo di usare una 18ah dal costo simile alla 7ah (!) che mi dovrebbe dare circa una mezz'ora di autonomia.
Che dite faccio una cavolata?
Conviene mettere un ulteriore fusibile a garanzia da 40 ampere 12 x 40 =480 W
Grazie
Andrea
Avatar utente
Foto Utenteclaustro
60 1 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 188
Iscritto il: 24 apr 2012, 21:27

0
voti

[2] Re: Aumentare autonomia gruppo di continuità

Messaggioda Foto Utentemarcok625 » 23 set 2019, 12:36

Ciao, non sono un grande esperto, ma eviterei le 2 batterie in parallelo, e opterei per la batteria con capacità maggiore, non dovrebbe servire altro.
Aspetta anche qualche altro utente più esperto di me.
Avatar utente
Foto Utentemarcok625
166 2
New entry
New entry
 
Messaggi: 82
Iscritto il: 7 giu 2019, 15:12

0
voti

[3] Re: Aumentare autonomia gruppo di continuità

Messaggioda Foto Utentestefanodelfiore » 23 set 2019, 13:01

E' probabile che si manifesti un problema di temperatura troppo elevata nello stadio dell'inverter. Generalmente questo tipo di UPS è dimensionato termicamente per lavorare da inverter solo per un tempo limitato, quello dichiarato dai dati di targa.
Molto dipende anche dal tuo carico se questo porta l'inverter al suo limite o se è presente molto margine.
Stai attento che anche la ricarica della batteria si allunga.

Stefano
Avatar utente
Foto Utentestefanodelfiore
863 2 4
Expert
Expert
 
Messaggi: 241
Iscritto il: 28 mar 2009, 20:15
Località: Bologna

0
voti

[4] Re: Aumentare autonomia gruppo di continuità

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 24 set 2019, 1:03

Attenzione che non ha molto senso cercare di aumentare l'autonomia degli UPS aumentando la capacità delle batterie rispetto a quelle provviste "di fabbrica", se ne sballano i criteri di dimensionamento;
va tenuto presente che tali dispositivi sono concepiti per supplire a brevi black-out momentanei e/o nel caso peggiore di black-out prolungato per permettere di salvare i dati/lavoro e lo spegnimento in sicurezza delle apparecchiature; se si ha necessità di approvvigionamento energetico di riserva alternativo allla fornitura di rete occorre piuttosto provvedersi in tal senso (gruppo elettrogeno p. es.).
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
15,8k 4 6 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 11137
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

1
voti

[5] Re: Aumentare autonomia gruppo di continuità

Messaggioda Foto UtenteLancillotto » 24 set 2019, 11:10

Comunque fino alla mezz'ora richiesta potrebbe funzionare senza grandi problemi, conosco chi ha esageratamente sostituito la batteria originale con quella dell'auto senza dubbio alcuno e incredibilmente gli funziona tutto da anni, quindi...
Avatar utente
Foto UtenteLancillotto
986 3 6
Sostenitore
Sostenitore
 
Messaggi: 526
Iscritto il: 13 ott 2017, 14:47
Località: ۞ ₯ ۞

0
voti

[6] Re: Aumentare autonomia gruppo di continuità

Messaggioda Foto Utenteclaudiocedrone » 24 set 2019, 22:56

Non ne dubito, a patto che la tensione di rete sia comunque mediamente presente abbastanza a lungo da permettere al dispositivo di mantenere la batteria maggiorata sufficientemente carica.
"Non farei mai parte di un club che accettasse la mia iscrizione" (G. Marx)
Avatar utente
Foto Utenteclaudiocedrone
15,8k 4 6 9
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 11137
Iscritto il: 18 gen 2012, 13:36

0
voti

[7] Re: Aumentare autonomia gruppo di continuità

Messaggioda Foto Utenteclaustro » 28 set 2019, 17:18

Grazie mille a tutti per l'aiuto , in effetti ero partito anche io con l'idea di una batteria da auto poi ragionandoci e informandomi a giro ho capito che non sarebbe stata la soluzione ideale oltretutto a me 30 minuti bastano e avanzano per quella volta l'anno che mi salta la corrente . Grazie
Andrea
Avatar utente
Foto Utenteclaustro
60 1 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 188
Iscritto il: 24 apr 2012, 21:27

0
voti

[8] Re: Aumentare autonomia gruppo di continuità

Messaggioda Foto Utentestefanodelfiore » 28 set 2019, 19:53

In ogni caso le batterie per auto non sono adatte ai gruppi di continuità.

Stefano
Avatar utente
Foto Utentestefanodelfiore
863 2 4
Expert
Expert
 
Messaggi: 241
Iscritto il: 28 mar 2009, 20:15
Località: Bologna

0
voti

[9] Re: Aumentare autonomia gruppo di continuità

Messaggioda Foto UtenteKagliostro » 1 ott 2019, 15:18

Non ne capisco di circuiti inverter, ma negli ultimi anni mi è capitato diverse volte di smontarne per recuperarne la componentistica e posso dire una cosa, rispetto le architetture che mi capitava di smontare qualche anno fa, quelle smontate più di recente, a parte l'aspetto (soprattutto la costruzione meccanica) più risicato, ho notato la progressiva scomparsa dei dissipatori di calore, mentre una volta si riusciva a recuperare qualche bel dissipatore da poter usare per altri scopi, ultimamente, in vece dei dissipatori veri e propri, nei circuiti ho trovato dei semplici blocchetti di alluminio, senza neppure un accenno di alettatura per disperdere calore

Ne desumo che siano pensati per "accumulare" il calore sino a saturazione (o quasi) e nulla più, essendo, appunto, apparecchi pensati per restare in funzione quel minimo di tempo e poi spegnersi

Forse se si è in presenza di questo tipo di "dispersori termici" si potrebbe pensare di sostituirli con delle generose alette di raffreddamento migliorando di sicuro la situazione (ma di quanto se il resto dei componenti è pensato allo stesso modo ?) con il grave handicapp di dover necessariamente ripensare al contenitore dove tutto l'ambaradan deve essere collocato

Alla fine mi par chiaro che la cosa sia sconsigliabile a meno di non riuscire a trovare un UPS "vecchia scuola" e senza fare altre modifiche vedere che succede con una batteria più grossa, come dicevo, dubito che un UPS di quelli low cost odierni si adatti ad un uso del genere

K
Avatar utente
Foto UtenteKagliostro
3.319 4 5 7
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2271
Iscritto il: 19 set 2012, 11:32


Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 28 ospiti