Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Verifica protezione contatti indiretti sistema IT

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentelillo, Foto Utentesebago

0
voti

[1] Verifica protezione contatti indiretti sistema IT

Messaggioda Foto UtenteDomenico88 » 24 ott 2019, 9:49

Buongiorno,

dato un quadro di distribuzione a 400 Vca esercito a neutro isolato che alimenta motori e altri quadri, come è possibile verificare la protezione da contatti indiretti per le utenze alimentate?

Sono assenti i differenziali e quindi la protezione avviene mediante dispositivi di protezione da corto circuito (DPCC) (fusibili per i motori, magnetotermici per i quadri).
Per un eventuale primo guasto le protezioni non intervengono e il sistema si tramuta da IT a TN-S (tutte le masse sono collegate allo stesso impianto di terra). In caso di secondo guasto, su una seconda fase che alimenta una seconda utenza, il doppio guasto deve essere in grado di far intervenire uno dei due DPCC.

La norma 64/8 fornisce indicazioni sul calcolo dell'anello di guasto, o equivalentemente della lunghezza massima protetta per poter verificare l'intervento delle protezioni in base alla taratura dei dispositivi. Entrambe le formule però fanno riferimento a circuiti in cui è distribuito il conduttore di protezione PE (conduttore giallo verde che segue lo stesso percorso dei cavi di alimentazione). Se il PE non è distribuito eventuali correnti di guasto si vanno a richiudere attraverso l'impianto di terra del quale non sono noti i percorsi.
A questo punto mi sembra che l'alternativa sia effettuare delle misure degli anelli di guasto.
Quali tipi di misure si possono effettuare con le condizioni descritte?

Grazie anticipatamente.
Avatar utente
Foto UtenteDomenico88
0 2
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 9 ott 2019, 13:01

0
voti

[2] Re: Verifica protezione contatti indiretti sistema IT

Messaggioda Foto UtenteMike » 24 ott 2019, 15:03

Deve esserci il controllore d'isolamento, altrimenti nessuna verifica ha senso.
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
52,1k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14296
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[3] Re: Verifica protezione contatti indiretti sistema IT

Messaggioda Foto UtenteDomenico88 » 24 ott 2019, 15:24

Sono previsti i dispositivi di controllo dell'isolamento.
Quelli però riguardano solo il discorso relativo alla segnalazione di un primo guasto che dovrà essere individuato ed eliminato nel più breve tempo possibile.
Avatar utente
Foto UtenteDomenico88
0 2
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 9 ott 2019, 13:01

1
voti

[4] Re: Verifica protezione contatti indiretti sistema IT

Messaggioda Foto UtenteMike » 25 ott 2019, 9:46

Domenico88 ha scritto:Sono previsti i dispositivi di controllo dell'isolamento.
Quelli però riguardano solo il discorso relativo alla segnalazione di un primo guasto che dovrà essere individuato ed eliminato nel più breve tempo possibile.


Ok, avevo capito male la domanda. Per misurare la corrente di primo guasto a terra nei sistemi IT si collega a terra una fase tramite reostato. La corrente misurata a reostato completamente escluso rappresenta il corrente Id di primo guasto, vedi CEI 64-8/6 art. 61.3.6.1 c). Sono da rispettare le condizioni previste in CEI 64-8/4 art. 413.1.5.2 e 413.1.5.4
--
Michele Guetta
--
Non credete minimamente a ciò che dico. Non prendete nessun dogma o libro come infallibile. (Buddha)
--
Quello che non comprendi con l'insegnamento, lo imparerai, a tue spese, con l'esperienza. (MMGM)
Avatar utente
Foto UtenteMike
52,1k 7 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 14296
Iscritto il: 1 ott 2004, 18:25
Località: Conegliano (TV)

0
voti

[5] Re: Verifica protezione contatti indiretti sistema IT

Messaggioda Foto UtenteDomenico88 » 25 ott 2019, 15:32

Ti ringrazio per il chiarimento sulla misura della corrente di primo guasto.

Tuttavia, il problema più grosso è il calcolo dell'impedenza dell'anello di guasto in caso di guasto su due fasi differenti di due utenze differenti (doppio guasto a terra con relativa verifica di intervento dei DPCC).

Non posso calcolare l'impedenza con la formula all'art. 413.1.5.4 perché la norma parla di "conduttore di protezione PE". Tale conduttore non è distribuito sui circuiti. Eventuali correnti di doppio guasto quindi ritornano alla sorgente di alimentazione attraverso l'impianto di terra.
Anche il calcolo della lunghezza massima protetta (art. 533.3) contempla la presenza del conduttore di protezione PE (d'altronde la formula all'art. 533.3 deriva da quella all'art. 413.1.5.4).

Il problema è quindi il calcolo o la misura dell'impedenza dell'anello di doppio guasto per un sistema IT in cui non sono presenti i conduttori di protezione PE.
Avatar utente
Foto UtenteDomenico88
0 2
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 9 ott 2019, 13:01


Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 50 ospiti