Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Come simulare un'alimentazione disturbata?

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utentecarloc, Foto UtenteDirtyDeeds

0
voti

[1] Come simulare un'alimentazione disturbata?

Messaggioda Foto Utentenoise0 » 4 feb 2020, 2:41

Mi trovo spesso a voler testare delle elettroniche in una situazione di alimentazione disturbata.
Mi riferisco a disturbi generati da motori brushless

Mi va bene il segnale che riesco a produrre con il mio generatore di forma d'onda economico, ma vorrei amplificarlo per avere la corrente necessaria per alimentarci qualcosa, 2 o 3 ampere, niente di che.

Quindi credo che dovrei farmi un amplificatore da collegare al generatore di forma d'onda, visto che non sono esperto di elettronica analogica mi sapreste fornire uno schema semplice per la mia necessita?

Magari riesco a farmelo in casa con i componenti che ho, su una basetta preforata
grazie
Avatar utente
Foto Utentenoise0
20 2
 
Messaggi: 28
Iscritto il: 9 nov 2018, 20:06

0
voti

[2] Re: Come simulare un'alimentazione disturbata?

Messaggioda Foto Utenteg.schgor » 4 feb 2020, 9:03

Avatar utente
Foto Utenteg.schgor
54,1k 9 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 16297
Iscritto il: 25 ott 2005, 9:58
Località: MILANO

0
voti

[3] Re: Come simulare un'alimentazione disturbata?

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 4 feb 2020, 9:52

Non sono riuscito a viusalizzate il sito indicato da g.schgor, forse dipende dal mio s.o., adopero linux.
Mi trovo spesso a voler testare delle elettroniche in una situazione di alimentazione disturbata. Mi riferisco a disturbi generati da motori brushless

Un poco generico, disturbi condotti o irradiati, li hai visualizzati su un oscillo?
Che elettroniche: digitali? amplificatori hifi ?
Che disturbi lamenti?

Potresti realizzare un aggeggio con due alimentatori ( esempio uno 12 V, l'altro 15 V),un diodo e un transistor e fare commutare a comando la tensione da 12 V a 15V per simulare un transitorio.
Oppure usa un motore brushless che crea i disturbi lamentati.

Forse meglio pensare a un filtro sull'alimentazione che smorza i disturbi.
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
6.656 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2796
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[4] Re: Come simulare un'alimentazione disturbata?

Messaggioda Foto Utenteharpefalcata » 4 feb 2020, 9:56

Visto che non pretendi molto, in termini di assorbimenti, puoi anche pensare, ad esempio ad un finale di potenza in classe A. Potrebbe scaldare un po', visto che non funzionerebbe sempre in saturazione.
Avatar utente
Foto Utenteharpefalcata
300 1 3 5
Stabilizzato
Stabilizzato
 
Messaggi: 347
Iscritto il: 28 lug 2015, 21:03

1
voti

[5] Re: Come simulare un'alimentazione disturbata?

Messaggioda Foto UtenteTheRedBaron » 4 feb 2020, 20:27

I disturbi più insidiosi non passano dall'alimentazione che generalmente è sempre ben filtrata,
ma dai collegamenti dei sensori

un test è di collegarli con un cavetto schermato senza mettere lo schermo a massa, ti fa da antenna e ti capta un normale Relè che scatta a 5 metri di distanza!
Avatar utente
Foto UtenteTheRedBaron
25 5
New entry
New entry
 
Messaggi: 70
Iscritto il: 26 dic 2013, 0:30

0
voti

[6] Re: Come simulare un'alimentazione disturbata?

Messaggioda Foto Utentenoise0 » 5 feb 2020, 2:32

Ho posto il problema in modo troppo generico lasciando spazio ad interpretazioni, me ne scuso
Il succo è che mi serve un buffer (inseguitore di tensione) da collegare all'uscita del generatore di funzione al fine di poterci ricavare un paio di Ampere.
Il livello di tensione sarà sempre positivo in un range indicativamente dai 5 ai 15 V.

Forse andrebbe bene un transistor darlington NPN a collettore comune ?
https://it.wikipedia.org/wiki/Transisto ... ore_comune

Non ho idea di come dimensionare Re , un aiutino ? :)

(il generatore di funzioni ha una impedenza di uscita di 50 ohm)
Avatar utente
Foto Utentenoise0
20 2
 
Messaggi: 28
Iscritto il: 9 nov 2018, 20:06

0
voti

[7] Re: Come simulare un'alimentazione disturbata?

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 5 feb 2020, 9:04

Se i disturbi sono a banda limitata, allora va bene.
Non la mettere, la Re, ci pensa l'elettronica ad assorbire corrente.

Penso a un vecchissimo transistore 2N3055 o TIP3055.
Per avere in uscita sull'emettitore da 5 a 15 V con una corrente al max di 2 A, se alimenti il collettore a 18 V la potenza massima dissipata nel transistor sarà
(18 - 15) x 2 = 6 W a 15 V
(18 - 5) x 2 = 26 W a 5 V metti un grosso dissipatore (oppure riduci la corrente assobita)

Con 2 A la corrente nella base, supponendo un guadagno di 50 vale circa 2/50 = 40 mA
Con resistenza del generatore di 50 ohm, la caduta di tensione nel generatore sarà
50 ohm x 40 mA = 2 V

Buone prove O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
6.656 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2796
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino

0
voti

[8] Re: Come simulare un'alimentazione disturbata?

Messaggioda Foto Utentelelerelele » 5 feb 2020, 10:14

noise0 ha scritto:Il succo è che mi serve un buffer (inseguitore di tensione) da collegare all'uscita del generatore di funzione al fine di poterci ricavare un paio di Ampere.
Magari sbaglio, il disturbo che vuoi generare mi pare alquanto diverso dal disturbo che troverai in rete.

la normativa prevede anche immunità dai buchi di tensione.

Io mi aspetterei degli spike di tensione di varie grandezze e forma, io userei questi per testare i circuiti e li otterrei con degli switching, non certamente con dei lineari.

saluti.
Avatar utente
Foto Utentelelerelele
2.319 3 7 8
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2662
Iscritto il: 8 giu 2011, 8:57
Località: Reggio Emilia

0
voti

[9] Re: Come simulare un'alimentazione disturbata?

Messaggioda Foto UtenteMarcoD » 5 feb 2020, 11:30

Condivido quanto scritto da Foto Utentelelerelele.

I disturbi sono vari, sono suddivisibili in
spike (spine- impulsi) stretti ( < 100 us) e alti (> 100 V)
e
surge (crescite di tensione) lunghi ( circa 100 ms) e ( relativamente bassi, si passa per esempio
da 24 V a 50 V).

Proprio perché i disturbi sono vari e non definibili bene prima, sono definiti da varie norme...

La soluzione proposta può servire solo per i surge positivi, per quelli in discesa, forse è lento.. O_/
Avatar utente
Foto UtenteMarcoD
6.656 4 8 13
Master EY
Master EY
 
Messaggi: 2796
Iscritto il: 9 lug 2015, 16:58
Località: Torino


Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 22 ospiti