Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Monostabile retriggerabile

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utentecarloc, Foto Utenteg.schgor

0
voti

[1] Monostabile retriggerabile

Messaggioda Foto UtenteMono » 19 nov 2020, 17:57

Avendo bisogno di un monostabile retriggerabile, ho pensato subito allo schema classico

Tuttavia in questo sito è presente una variante che collega la resistenza dei pin 6/7 al pin 3 anziché a VCC. Che differenza c'è con lo schema classico?
Allegati
Senzanome.png
Avatar utente
Foto UtenteMono
174 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 117
Iscritto il: 30 apr 2013, 10:36

0
voti

[2] Re: Monostabile retriggerabile

Messaggioda Foto Utenteedgar » 19 nov 2020, 19:45

Il 555 è bello, flessibile & c ma a volte ritengo venga "usato a prescindere".

74(HC/HCT)123 Dual retriggerable monostable multivibrator with reset:
DC triggered from active HIGH or active LOW inputs
Retriggerable for very long pulses up to 100% duty factor
Direct reset terminates output pulse
Schmitt-trigger action on all inputs except for the reset input
e aggiungo
Uscita normale e negata
Due componenti: un condensatore e una resistenza
...
Avatar utente
Foto Utenteedgar
7.527 3 5 8
Master
Master
 
Messaggi: 3779
Iscritto il: 15 set 2012, 22:59

2
voti

[3] Re: Monostabile retriggerabile

Messaggioda Foto UtenteBrunoValente » 19 nov 2020, 20:51

Mono ha scritto:..Tuttavia in questo sito è presente una variante che collega la resistenza dei pin 6/7 al pin 3 anziché a VCC. Che differenza c'è con lo schema classico?

Direi sostanzialmente nessuna perché in entrambi gli schemi la carica e la scarica del condensatore collegato ai pin 6 e 7 avvengono sostanzialmente nello stesso modo.

La carica avviene attraverso il resistore collegato da un lato ai pin 6 e 7 e dall'altro al positivo di alimentazione: nel primo schema è collegato direttamente al positivo di alimentazione mentre nel secondo schema è collegato al pin 3 ma durante la carica del condensatore la tensione del pin 3 è pari a quella di alimentazione, quindi l'effetto sul processo di carica è lo stesso.

Anche la scarica del condensatore avviene nello stesso modo in entrambi gli schemi dove il transistor interno collegato tra il pin 7 e il meno di alimentazione drena la corrente di scarica verso il meno di alimentazione.

L'unica differenza è che nel primo schema nel transistor, oltre alla corrente di scarica, circola anche quella proveniente dal resistore collegato al positivo di alimentazione, mentre nel secondo, essendo il resistore collegato al pin 3 che durante la scarica va a 0V, quella corrente è nulla.

In sostanza collegare il resistore all'uscita pin 3 anziché al positivo di alimentazione alleggerisce leggermente le fatiche del transistor interno durante la scarica ma è poca cosa perché durante la scarica la corrente proveniente dal resistore è piccola rispetto alla corrente di scarica.
Avatar utente
Foto UtenteBrunoValente
33,6k 7 10 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6546
Iscritto il: 8 mag 2007, 14:48

0
voti

[4] Re: Monostabile retriggerabile

Messaggioda Foto UtenteMono » 19 nov 2020, 21:38

Foto UtenteBrunoValente Grazie mille, la risposta ha chiarito il mio dubbio.
Avatar utente
Foto UtenteMono
174 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 117
Iscritto il: 30 apr 2013, 10:36


Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 70 ospiti