Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Usare un Differenziale puro o un MTdifferenziale

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[1] Usare un Differenziale puro o un MTdifferenziale

Messaggioda Foto Utentegiorgio23 » 6 mag 2008, 15:52

Domanda per voi semplice:in base a che cosa si sceglie un MTdifferenziale o un Differenziale Puro...

Grazie sempre
Avatar utente
Foto Utentegiorgio23
0 1 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 117
Iscritto il: 22 gen 2008, 14:26

0
voti

[2] Re: Usare un Differenziale puro o un MTdifferenziale

Messaggioda Foto Utentecrit » 6 mag 2008, 17:45

Non per criticare ma se vuoi una risposta precisa serve una domanda precisa. Molto banalmente il magnetermico serve per proteggere i cavi mentre il diff le persone quindi la presenza dell'uno non esclude l'altro.
Avatar utente
Foto Utentecrit
133 1 3 5
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 722
Iscritto il: 31 mag 2007, 12:23
Località: Pistoia

0
voti

[3] Re: Usare un Differenziale puro o un MTdifferenziale

Messaggioda Foto Utentegiorgio23 » 7 mag 2008, 13:22

facciamo un esempio pratico: linea protetta da sovraccarico e cortocircuito a monte da Mt dimensionato allo scopo.
1)arrivo nel centralino mi trovo un MT come generale e subito dopo 5 MTDifferenziali per le varie linee.

1.1 stessa situazione ma sta volta mi ritrovo come generale un Differenziale puro e 5
magnetotermici per le varie linee.
1.2 stessa situazione ma sta volta mi ritrovo come generale un MTdifferenziale e 5 differenziali puri per le varie linee.

1.3 stessa situazione ma questa volta come generale c'è un sezionatore e poi 5 Differenziali puri.


grazie
Avatar utente
Foto Utentegiorgio23
0 1 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 117
Iscritto il: 22 gen 2008, 14:26

0
voti

[4] Re: Usare un Differenziale puro o un MTdifferenziale

Messaggioda Foto Utentefabarax » 7 mag 2008, 15:27

giorgio23 ha scritto:facciamo un esempio pratico: linea protetta da sovraccarico e cortocircuito a monte da Mt dimensionato allo scopo.
1)arrivo nel centralino mi trovo un MT come generale e subito dopo 5 MTDifferenziali per le varie linee.

[b]soluzione ottimale se la linea di alimentazione del centralino è in classe II o se non vi sono masse estranee lungo il percorso[/b]

1.1 stessa situazione ma sta volta mi ritrovo come generale un Differenziale puro e 5
magnetotermici per le varie linee.

[b]soluzione non del tutto ottimale, a mio avviso, in quanto il diff. puro protegge i guasti a terra di tutte e cinque le linee, per cui in caso un guasto non si può sapere da dove questo proviene. Inoltre il diff. puro non protegge contro i sovracarichi demandando al mgt a monte la protezione.[/b]

1.2 stessa situazione ma sta volta mi ritrovo come generale un MTdifferenziale e 5 differenziali puri per le varie linee

[b]i diff.puri sono superflui se la Idn non è almeno 3 volte la Idn del diff. generale (anche se a volte ciò non è sempre gerantito). Inoltre i 5 diff. puri non proteggono contro i c.to c.ti e i sovraccarichi nelle 5 linee[/b]

1.3 stessa situazione ma questa volta come generale c'è un sezionatore e poi 5 Differenziali puri.

[b]soluzione peggiore di tutte, amio avviso. In questo caso la protezione contro i c.to c.ti e i sovracarichi nelle 5 linee è demandata al mgt a monte, che deve avere adeguato potere di interruzione[/b]



grazie
Avatar utente
Foto Utentefabarax
0 2
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 4 mar 2008, 11:06

0
voti

[5] Re: Usare un Differenziale puro o un MTdifferenziale

Messaggioda Foto Utentegiorgio23 » 7 mag 2008, 17:16

grazie
Avatar utente
Foto Utentegiorgio23
0 1 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 117
Iscritto il: 22 gen 2008, 14:26

0
voti

[6] Re: Usare un Differenziale puro o un MTdifferenziale

Messaggioda Foto Utentebazzo1978 » 8 mag 2008, 9:19

in poche parole... il dif.puro deve essere protetto contro i sovraccarichi e il cortocircuito e questo lo puoi fare o a monte con un MT di In pari all' In del diff.puro o a valle in questo caso per fare i "conti della serva" la somma di In dei MT nn deve superare quella del DIFF
Avatar utente
Foto Utentebazzo1978
5 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 135
Iscritto il: 24 apr 2008, 11:51

0
voti

[7] Re: Usare un Differenziale puro o un MTdifferenziale

Messaggioda Foto Utentegiorgio23 » 8 mag 2008, 12:04

Grazie intanto per la collaborazione!
Vi pongo un quesito: se il Differenziale puro è protetto a monte da MT con In pari ,giustamente, a quella del Differenziale puro...il Differenziale puro risulta sempre protetto anche dai sovraccarichi e cortocircuiti che si manifestano a valle di se stesso. #-o
Avatar utente
Foto Utentegiorgio23
0 1 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 117
Iscritto il: 22 gen 2008, 14:26

0
voti

[8] Re: Usare un Differenziale puro o un MTdifferenziale

Messaggioda Foto Utentebazzo1978 » 9 mag 2008, 10:30

esatto... se per es. hai un MT da 25A a monte e un diff da 25A a valle sul differenziale non potra mai circolare più di 25 A quindi è protetto
Avatar utente
Foto Utentebazzo1978
5 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 135
Iscritto il: 24 apr 2008, 11:51

0
voti

[9] Re: Usare un Differenziale puro o un MTdifferenziale

Messaggioda Foto Utente6367 » 9 mag 2008, 13:30

La soluzione ottimale (più costosa, ma non obbligatoria) è ad ingresso quadro un differenziale, selettivo rispetto a quelli a valle, e poi i differenziali separati sui circuiti alimentati (non necessariamente su tutti, non necessariamente da 30mA).
In questo modo separo la protezione dai contatti indiretti (differenziale generale) da quella addizionale (30mA) sui circuiti ove questa è richiesta. Inoltre, in caso di guasto sui circuiti non interessati al guasto, viene mantenuto il servizio (selettività).

Soluzione intermedia. Differenziali separati sui singoli circuiti. In questo modo ottengo la selettività orizzontale, ma non la seprazione fra protezione dai contatti indiretti e protezione addizionale.


Soluzione economica: solo il differenziale generale.


Nel caso di differenziale generale, per la scelta fra puro o magnetotermico, come è stato detto bisogna verificare che sia protetto da sovracorrente (se è magnetotermico differenziale lo è di sicuro).
Avatar utente
Foto Utente6367
18,8k 5 9 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 6064
Iscritto il: 9 set 2005, 0:00

0
voti

[10] Re: Usare un Differenziale puro o un MTdifferenziale

Messaggioda Foto Utentegiorgio23 » 12 mag 2008, 8:19

6367 ha scritto:La soluzione ottimale (più costosa, ma non obbligatoria) è ad ingresso quadro un differenziale, selettivo rispetto a quelli a valle, e poi i differenziali separati sui circuiti alimentati (non necessariamente su tutti, non necessariamente da 30mA).
In questo modo separo la protezione dai contatti indiretti (differenziale generale) da quella addizionale (30mA) sui circuiti ove questa è richiesta. Inoltre, in caso di guasto sui circuiti non interessati al guasto, viene mantenuto il servizio (selettività).


Mi potresti fare un esempio usando dei differenziali specifici e per ottenere questa selettività.
Avatar utente
Foto Utentegiorgio23
0 1 4
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 117
Iscritto il: 22 gen 2008, 14:26

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti