Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Da AC a DC

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto UtenteIsidoroKZ, Foto Utentecarloc, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteBrunoValente

0
voti

[1] Da AC a DC

Messaggioda Foto UtenteDrift89 » 3 gen 2012, 13:07

Ciao a tutti.
Non sono molto esperto di elettronica, per cui vorrei una delucidazione riguardo quel che devo fare.

Possiedo questo oggetto: http://www.conrad.com/Electronic-transf ... 00710&Ctx=

Ho bisogno di avere la 11.5V continua in uscita invece che l'alternata.
E' sufficiente un ponte a diodi o devo tenere in considerazione altro?
Avatar utente
Foto UtenteDrift89
0 2
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 11 nov 2010, 19:31

0
voti

[2] Re: Da AC a DC

Messaggioda Foto Utentemarco438 » 3 gen 2012, 15:24

Sei stato un po' troppo conciso per permettere di dare una risposta sensata.
Bisognerebbe sapere che cosa ci vuoi alimentare e quanto consuma (in ampere)
marco
Avatar utente
Foto Utentemarco438
37,1k 7 11 13
-EY Legend-
-EY Legend-
 
Messaggi: 16323
Iscritto il: 24 mar 2010, 15:09
Località: Versilia

0
voti

[3] Re: Da AC a DC

Messaggioda Foto Utentealev » 3 gen 2012, 15:43

La precisazione di Foto Utentemarco438 è doverosa, ad ogni modo i dettagli dell'apparecchio del link parlano di 11,5 efficaci quindi basterebbe mettere un ponte oppure sbaglio?
Avatar utente
Foto Utentealev
4.686 2 9 12
free expert
 
Messaggi: 5203
Iscritto il: 19 lug 2010, 14:38
Località: Altrove

0
voti

[4] Re: Da AC a DC

Messaggioda Foto UtenteDrift89 » 3 gen 2012, 20:05

Scusatemi.
Quel che devo alimentare necessita di una tensione continua compresa tra i 10V e i 15V.
Per quanto riguarda gli Ampere, non ne consuma più di 5.
Qualche consiglio?

So che se metto un ponte a diodi non ottendo altro che il capovolgimento della parte negativa della sinusoide in ingresso, quindi dovrei mettere anche un condensatore ben dimensionato tra l'uscita positiva del ponte e la massa? Ma di quanti farad?
Avatar utente
Foto UtenteDrift89
0 2
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 11 nov 2010, 19:31

0
voti

[5] Re: Da AC a DC

Messaggioda Foto Utentemarco438 » 3 gen 2012, 20:12

La cosa piu' importante e' conoscere il consumo abbastanza preciso del carico.
Se al tuo trasformatore metti un ponte ed anche un condensatore (eventualmente) otterrai una tensione continua ma non stabilizzata che potra' attestarsi sui 14V ma che, a seconda del carico applicato, potra scendere anche a 8/9.
Altra cosa da stabilire e' se il carico (ma non si puo' sapere cosa devi attaccarci?) necessita di tensione stabilizzata o meno.
marco
Avatar utente
Foto Utentemarco438
37,1k 7 11 13
-EY Legend-
-EY Legend-
 
Messaggi: 16323
Iscritto il: 24 mar 2010, 15:09
Località: Versilia

0
voti

[6] Re: Da AC a DC

Messaggioda Foto UtenteDrift89 » 3 gen 2012, 22:10

In parole povere per stabilizzarlo dovrei perlomeno metterci un 78xx che mi fornisca in uscita una tensione costante al variare del carico?

Quel che devo attaccarci è un caricabatterie per batterie da fucili per softair.
Esso necessita della tensione sopracitata.

P.S. non dovrei ottenere circa 19V in uscita dal ponte a diodi? si moltiplica per radice di tre la tensione di ingresso o mi sto sbagliando?
Grazie.
Avatar utente
Foto UtenteDrift89
0 2
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 11 nov 2010, 19:31

0
voti

[7] Re: Da AC a DC

Messaggioda Foto Utentemarco438 » 3 gen 2012, 23:12

Se serve per alimentare un caricabatterie, non serve stabilizzarlo.
La tensione raddrizzata si ottiene con la formula (Vac - 1.4) \times 1.41 dove Vac e' la tensione alternata in uscita dal trasformatore, 1.4 la caduta sul ponte raddrizzatore il tutto moltiplicato per 1.41 , che sarebbe la radice di due.
Nel tuo caso (11.5-1.4) \times 1.41 = 14.14 Vcc
marco
Avatar utente
Foto Utentemarco438
37,1k 7 11 13
-EY Legend-
-EY Legend-
 
Messaggi: 16323
Iscritto il: 24 mar 2010, 15:09
Località: Versilia

0
voti

[8] Re: Da AC a DC

Messaggioda Foto Utentealev » 3 gen 2012, 23:20

Scusate l'ignoranza, non cambia nulla il fatto che nelle specifiche la tensione in uscita sia definita efficace :?:
Avatar utente
Foto Utentealev
4.686 2 9 12
free expert
 
Messaggi: 5203
Iscritto il: 19 lug 2010, 14:38
Località: Altrove

1
voti

[9] Re: Da AC a DC

Messaggioda Foto UtenteIsidoroKZ » 4 gen 2012, 1:08

Che tipo di batterie sono? Tensione? Capacita`? In generale NON si puo` collegare un "alimentatore' alle batterie e sperare che si carichino senza morire, deteriorarsi o esplodere.

Se invece hai gia` il caricabatterie che ha bisogno di una continua all'ingresso, allora spiega bene le caratteristiche della tensione di ingresso richieste dal caricabatteria (e sempre le caratteristiche delle batterie)

Foto Utentealev la tensione efficace credo sia quella alternata all'uscita del trasformatore. Pero` il trasformatore e` dichiarato "elettronico" e non so se esca una tensione sinusoidale o che cos'altro, se un'onda quadra, una quadra a tre livelli... E non so quanto questo trasformatore sia contento di lavorare con un carico non lineare e capacitivo.

Foto Utentemarco438: per il simbolo di "per" in latex usa \times al posto della x, viene molto piu` bello!
Per usare proficuamente un simulatore, bisogna sapere molta più elettronica di lui
Plug it in - it works better!
Il 555 sta all'elettronica come Arduino all'informatica! (entrambi loro malgrado)
Se volete risposte rispondete a tutte le mie domande
Avatar utente
Foto UtenteIsidoroKZ
116,1k 1 3 8
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 20267
Iscritto il: 17 ott 2009, 0:00

0
voti

[10] Re: Da AC a DC

Messaggioda Foto Utentemarco438 » 4 gen 2012, 11:39

IsidoroKZ ha scritto:Foto Utentemarco438: per il simbolo di "per" in latex usa \times al posto della x, viene molto piu` bello!

Si, in effetti e' piu' bello; grazie del suggerimento.
marco
Avatar utente
Foto Utentemarco438
37,1k 7 11 13
-EY Legend-
-EY Legend-
 
Messaggi: 16323
Iscritto il: 24 mar 2010, 15:09
Località: Versilia

Prossimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 68 ospiti