Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Bilanciamento fasi

Progettazione, esercizio, manutenzione, sicurezza, leggi, normative...

Moderatori: Foto UtenteMASSIMO-G, Foto Utentesebago, Foto UtenteMike, Foto Utentelillo

0
voti

[1] Bilanciamento fasi

Messaggioda Foto UtenteDavideChinelli » 27 giu 2018, 12:38

Ciao a tutti,
a breve inizierò con l'elettricista la ristrutturazione della parte elettrica della casa.

Siccome è mia intenzione dotarmi di trifase, dato che ho alcuni macchinari in garage che funzionano a 400v, vorrei far ripartire i carichi monofase su tutte e 3 le fasi, per quanto possibile.

Faccio un elenco dei carichi monofase, come verranno sezionatie dove saranno ubicati. Gentilmente potrei avere qualche idea su come dividerli "a gruppi", in modo da occupare equamente l'assorbimento per ogni fase, considerando comunque che non tutti gli utilizzatori funzioneranno contemporaneamente?

Montante piano terra:
Luci
Prese
Stufa a pellet
Caldaia a gas
Piano cottura (2 fasi)
Forno
Frigorifero
Lavastoviglie
Prese cucina
Videocitofono
Impianto allarme

Montante primo piano:
Luci
Prese
Prese bagno (diff 10mA)
Lavatrice
Doccia idromassaggio

Montante secondo piano:
Luci
Condizionatore
Prese
Prese bagno (diff 10mA)
Vasca idromassaggio.

Montante garage:
Luci interne
Prese interne
Luci cortile
Luci orto
Prese orto
Congelatore a pozzo
Compressore (2Hp)
Luci soppalco
Prese soppalco

Montante giardino:
Luci interne
Luci esterne
Prese interne
Prese esterne
Lavatrice
Asciugatrice
Scaldabagno (da decidere se elettrico ad accumulo o rapido a gas)
Piano cottura (2 fasi, utilizzo solo estivo)
Forno (utilizzo solo estivo)
Frigorifero

In pratica mi trovo un quadro elettrico per ogni zona della casa, dove arriverò in trifase, devo smistare le linee l1, l2, l3 in modo da avere in ogni momento i carichi più bilanciati possibile.

In ingresso abitazione poi ho il quadro principale, dove verranno collegati i trasformatori (allarme, videocitifono ecc) e da dove partono i montanti per ogni zona.


Ulteriore domanda:
La linea quadro principale-garage se fosse aerea, sarebbe meglio dotarmi di spd?
Eventualmente di che tipo?
Per non avere problemi, meglio due, uno in casa ad inizio linea ed uno in garage nel quadro di zona?


Grazie per i futuri chiarimenti.
Preciso che i lavori li eseguirà un elettricista abilitato, ma comunque sotto mie direttive (è lui che mi ha espressamente chiesto di studiarmi la distribuzione dei carichi per poterla equilibrare il più possibile).

Il contratto di fornitura sarà da valutare se 4,5 (come ora in monofase) o 6 kW. In ogni caso 400V trifase + neutro.

Verrà rilasciato schema elettrico e dico (se non ho capito male io, in modo da non aver problemi burocratici nel caso in cui dovessi alzare la potenza contrattuale oltre i 6 kW).
Avatar utente
Foto UtenteDavideChinelli
35 1 4
 
Messaggi: 49
Iscritto il: 7 feb 2018, 13:39

0
voti

[2] Re: Bilanciamento fasi

Messaggioda Foto Utenteblueice80 » 27 giu 2018, 13:24

Le fasi delle linee puoi tranquillamente suddividerle in modo "random".

Verrà rilasciato schema elettrico e dico (se non ho capito male io, in modo da non aver problemi burocratici nel caso in cui dovessi alzare la potenza contrattuale oltre i 6 kW).


Attenzione che per potenze maggiori di 6 kW serve il progetto di un professionista, vedi D.M. 37/2008.
Avatar utente
Foto Utenteblueice80
213 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 147
Iscritto il: 19 apr 2012, 22:22

0
voti

[3] Re: Bilanciamento fasi

Messaggioda Foto Utenteattilio » 27 giu 2018, 20:24

Ovviamente quando scrivi per potenze maggiori di 6 kW ti riferisci al dimensionamento dell'impianto, non alla potenza contrattuale!
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera


Salvatore Quasimodo
Avatar utente
Foto Utenteattilio
57,9k 8 12 13
free expert
 
Messaggi: 8479
Iscritto il: 21 gen 2007, 14:34

0
voti

[4] Re: Bilanciamento fasi

Messaggioda Foto UtentePaoloLiutaio » 27 giu 2018, 20:48

Io chiederei all'elettricista il perché della richiesta di bilanciare il piú possibile le fasi... Se la trifase la metti adesso vuol dire che fino ad ora hai usato una fase soltanto per tutti i carichi della casa, no?
Avatar utente
Foto UtentePaoloLiutaio
1.228 2 6 11
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 254
Iscritto il: 24 lug 2015, 16:54

0
voti

[5] Re: Bilanciamento fasi

Messaggioda Foto UtenteDavideChinelli » 27 giu 2018, 21:35

blueice80 ha scritto:Le fasi delle linee puoi tranquillamente suddividerle in modo "random".

Verrà rilasciato schema elettrico e dico (se non ho capito male io, in modo da non aver problemi burocratici nel caso in cui dovessi alzare la potenza contrattuale oltre i 6 kW).


Attenzione che per potenze maggiori di 6 kW serve il progetto di un professionista, vedi D.M. 37/2008.


Concordo in pieno.
Congelatore, piano cottura, forno ecc. Saranno connessi con presa e spina, quindi generalmente il progetto elettrico non cambierebbe. Sapendo in anticipo che (esempio) a quella determinata presa collegherò il forno e solamente lui, lo si può mettere su una fase puottosto che un'altra.

Il progetto (inteso come sezione cavi, presisposizioni, montanti, interruttori sia differenziali che MT, ecc) è a buon punto, manca la scelta dei differenziali generali di quadro di zona (partenza e arrivo linea) e suddividere le fasi a gruppi.
Avatar utente
Foto UtenteDavideChinelli
35 1 4
 
Messaggi: 49
Iscritto il: 7 feb 2018, 13:39

0
voti

[6] Re: Bilanciamento fasi

Messaggioda Foto UtenteDavideChinelli » 27 giu 2018, 21:44

PaoloLiutaio ha scritto:Io chiederei all'elettricista il perché della richiesta di bilanciare il piú possibile le fasi... Se la trifase la metti adesso vuol dire che fino ad ora hai usato una fase soltanto per tutti i carichi della casa, no?



Certo, ora ho 4,5kW monofase (già detto nel primo post mi pare), lintenzione è passare alla trifase, con stessa potenza, massimo alzare a 6 kW. Ma se fosse necessario alzare ulteriormente, avere già i documenti a disposizione.

La richiesta di bilanciare il più possibile le fasi è dettata da me in primis, per non dover mettere mano all'impianto di nuovo dovessi alzare oltre i 6 kW (oltre mi pare impongano di equilibrare i carichi, poi comunque più di 6 kW di sbilanciamento non è possibile avere, quindi dato che il macchinario trifase più energivoro assorbe 3,5kw averne 10 (esempio) ma poterne assorbire 6 massimi in monofase perché collegato tutto alla stessa fase non ha senso secondo me.
Alla mia richiesta, giustamente penso, è stato chiesto di stilare un elenco di elettrodomestici considerati fissi (anche il frigorifero ad esempio lo considero fisso) in modo da poter equilibrare i carichi con un certo senso.

Da qui l'idea di chiedere sul forum
Avatar utente
Foto UtenteDavideChinelli
35 1 4
 
Messaggi: 49
Iscritto il: 7 feb 2018, 13:39

0
voti

[7] Re: Bilanciamento fasi

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 28 giu 2018, 8:07

DavideChinelli ha scritto:avere già i documenti a disposizione.


C'è un progetto redatto da professionista iscritto all'albo?
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
6.267 3 4 7
Master
Master
 
Messaggi: 2011
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

0
voti

[8] Re: Bilanciamento fasi

Messaggioda Foto Utentelillo » 28 giu 2018, 9:48

se ci fosse ne staremmo parlando qui? :D
Avatar utente
Foto Utentelillo
17,6k 7 12 13
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3339
Iscritto il: 25 nov 2010, 11:30
Località: Nuovo Mondo

0
voti

[9] Re: Bilanciamento fasi

Messaggioda Foto UtenteGiovanni123 » 28 giu 2018, 21:25

Dal mio punto di vista, come ex progettista di impianti elettrici, posso affermare che in un impianto civile è praticamente impossibile bilanciare i carichi, ed anche inutile in alcuni casi. E' molto difficile prevedere l'utilizzo in contemporanea degli elettrodomestici e del'accensione delle lampade del'abitazione:
Ovviamente è sempre consigliabile distribuire al meglio i carichi il più possibile. I carichi più facili da distribuire in fasi diverse sono in genere: i forni, lavatrici,lavastoviglie, piani a induzione, condizionatori, illuminazione esterna accesa tutta la notte, lampadari diversi di grandi stanze.
Le camere da letto, i bagni e garage possono tranquillamente avere una fase per ogni stanza nella distribuzione dell'impianto.
Purtroppo però, come ho detto prima, sarà difficile avere un assorbimento bilanciato sulle tre fasi durante tutta la giornata.

Per rispondere alla domanda degli SPD: in ogni caso meglio avere il progetto di un professionista. Non basta scegliere il tipo giusto e installarli. I collegamenti tra le fasi e il conduttore di protezione devono rispettare certi requisiti (ad es. collettore di terra il più vicino possibile al SPD e il conduttore di protezione collegato ad esso non deve essere affiancato alla linea in ingresso...)
Avatar utente
Foto UtenteGiovanni123
170 6
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 184
Iscritto il: 5 mag 2017, 9:05

0
voti

[10] Re: Bilanciamento fasi

Messaggioda Foto UtenteDavideChinelli » 4 lug 2018, 12:30

Scusate il ritardo ma sto lavorando sia in ditta (come dipendente) che a casa e ho veramente poco tempo per loggarmi.

Finalmente una risposta sensata...

Mi limito allora a fornire la potenza di targa degli elettrodomestici sopra menzionati e vedremo insieme al progettista quale può essere la soluzione meno peggiore, considerando vari scenari di utilizzo.

Idem per gli spd, anche se pensandoci bene, un fulmine su una linea aerea scarica inentrambe le direzioni della linea stessa. A rigor di logica (ripeto, vado ad intuizione) dovrei mettere uno scaricatore in casa a inizio linea e uno in garage a fine linea per dormire sonni tranquilli.


Una domanda/curiosità sul lavoro che intendo fare per l'illuminazione esterna (anche se non c'entra nulla con il titolo, ma ne approfitto senza aprire un'altra discussione dove basta un si o un no)

Volendo realizzare un illuminazione esterna, dove dal pozzetto ricavo le varie linee, a lato pozzetto vorrei cementare un palo che fuoriesce a bolla, di acciaio zincato per mezzo metro dal terreno, dove poi sopra verrà innestato un palo in plastica che termina con il portalampada e la sua sfera di protezione.
Il cavo che passerà al suo interno sarà un fg16 sicuramente.
La parte metallica del palo va collegata a terra, o essendo comunque il cavo a doppio isolamento e il palo piantato a terra, dove poi comunque il resto del lampione è in materiale plastico non serve?
Avatar utente
Foto UtenteDavideChinelli
35 1 4
 
Messaggi: 49
Iscritto il: 7 feb 2018, 13:39

Prossimo

Torna a Impianti, sicurezza e quadristica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti