Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Evacuazione fumi

Impiantistica dedicata alla sicurezza antincendio, iter procedurali e sicurezza nel luogo di lavoro

Moderatori: Foto UtenteMike, Foto Utenteiosolo35

0
voti

[1] Evacuazione fumi

Messaggioda Foto UtenteGiuliano58 » 6 set 2019, 17:05

buongiorno a tutti,
in una attività commerciale, viene richiesta l'evacuazione fumi in caso di incendio.
L'edificio è esistente, non esistono aperture verso l'esterno né verso l'alto.
Si pensa di utilizzare i vecchi condotti del riscaldamento con relative bocchette, per aspirare il fumo.
Il comando avverrà per mezzo del sistema di rilevazione fumi.

Quindi ci sarà un sistema di aspirazione opportunamente dimensionato, ma mi chiedono che possa funzionare anche a seguito dell sgancio di emergenza.

Avete già affrontato un problem simile e come avete risolto?

grazie
Avatar utente
Foto UtenteGiuliano58
389 1 4 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 571
Iscritto il: 14 ott 2009, 10:06

0
voti

[2] Re: Evacuazione fumi

Messaggioda Foto UtenteSympler82 » 6 set 2019, 17:36

Alcuni anni fa ho seguito un lavoro dove, in edificio nuovo, è stato previsto un estrattore fumi che bypassava la ripresa delle UTA e funzionava espressamente per estrarre fumo. In quel caso l'estrattore era comandato da un modulo uscita della rivelazione incendi. L'estrattore era poi sotto Gruppo Elettrogeno.

La UNI12100-10 definisce le caratteristiche delle alimentazioni degli EFC, mi pare di capire che ammette l'intervento entro i 15s.
Avatar utente
Foto UtenteSympler82
203 1 4 5
Expert
Expert
 
Messaggi: 262
Iscritto il: 10 lug 2015, 7:38

0
voti

[3] Re: Evacuazione fumi

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 6 set 2019, 17:37

Alimentazione derivata a monte dell'interruttore sganciabile, conduttura resistente al fuoco.
Ventilatori e canali devono resistere ai fumi caldi.
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
6.698 3 4 8
Master
Master
 
Messaggi: 2184
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

0
voti

[4] Re: Evacuazione fumi

Messaggioda Foto UtenteSympler82 » 6 set 2019, 17:39

Come per l'illuminazione di sicurezza, lo sgancio dovrebbe essere presente ma discriminato assolutamente dallo sgancio delle utenze normali. Analogamente i VVF chiedono per l'illuminazione di sicurezza con CPS uno sgancio dedicato
Avatar utente
Foto UtenteSympler82
203 1 4 5
Expert
Expert
 
Messaggi: 262
Iscritto il: 10 lug 2015, 7:38

0
voti

[5] Re: Evacuazione fumi

Messaggioda Foto UtenteGiuliano58 » 7 set 2019, 8:14

Ok, grazi delle risposte.
Solo non ho capito: il gruppo elettrogeno è necessario o è sufficiente la linea resistente al fuoco direttamente da contatore? Ovviamente con sgancio dedicato
Avatar utente
Foto UtenteGiuliano58
389 1 4 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 571
Iscritto il: 14 ott 2009, 10:06

0
voti

[6] Re: Evacuazione fumi

Messaggioda Foto UtenteSympler82 » 7 set 2019, 8:36

No, ambedue le condizioni sono necessarie per garantire il funzionamento in caso di emergenza.
Naturalmente anche l'estrattore fumi deve idoneo.
Avatar utente
Foto UtenteSympler82
203 1 4 5
Expert
Expert
 
Messaggi: 262
Iscritto il: 10 lug 2015, 7:38

3
voti

[7] Re: Evacuazione fumi

Messaggioda Foto UtenteGoofy » 7 set 2019, 8:49

Sympler82 ha scritto:No, ambedue le condizioni sono necessarie per garantire il funzionamento in caso di emergenza.


Non ne sono convinto, la norma UNI 9494-2:2014 è ambigua.

Il punto 6.10.12.2 prima dice che "l'impianto di alimentazione elettrica del SEFFC deve [...] garantire l'alimentazione elettrica [...] anche se l'alimentazione all'edificio servito viene interrotta per motivi di sicurezza o in caso di avaria di altri impianti ad esso collegati."
Quindi non parla di avaria della rete e basterebbe l'alimentazione a monte di tutto.

Subito dopo aggiunge che:" L'energia elettrica di funzionamento deve essere autonoma e garantita in caso di incendio."
"autonoma" può essere variamente interpretato.

Alla fine lo stesso articolo chiarisce che "Ai fini della determinazione della continuità dell'alimentazione elettrica, la disponibilità del servizio potrà essere attestata dall'Ente erogatore mediante dati statistici relativi agli anni precedenti. Una indisponibilità per manutenzione dell'ordine di 60 ore/anno, relativamente all'area interessata dall'impianto è ritenuto accettabile."

Direi che come al solito si ricade nella valutazione del rischio: se è accettabile una alimentazione idrica di tipo singolo per gli idranti secondo me può essere accettata una alimentazione da rete con interruzione < 60 ore / anno senza alimentazione di riserva anche per l'estrattore.
Avatar utente
Foto UtenteGoofy
6.698 3 4 8
Master
Master
 
Messaggi: 2184
Iscritto il: 10 dic 2014, 20:16

1
voti

[8] Re: Evacuazione fumi

Messaggioda Foto UtenteSympler82 » 7 set 2019, 8:57

Chiarissimo.
E' chiaro che per un progettista elettrico è più facile prevedere alimentazione da GE o chiedere l'installazione di un CPS.

Nella vita reale è già difficile ottenere i dati di ingresso fondamentali, i dati statistici uno dove può recuperarli? Dall'ente erogatore? A mio parere non è garanzia assoluta, ci sono altri fattori "a valle"

Comunque grazie per la dovuta precisazione :)
Avatar utente
Foto UtenteSympler82
203 1 4 5
Expert
Expert
 
Messaggi: 262
Iscritto il: 10 lug 2015, 7:38

0
voti

[9] Re: Evacuazione fumi

Messaggioda Foto UtenteGiuliano58 » 5 nov 2019, 12:45

Buongiorno
torno sull'argomento, ora che ho più informazioni.
Il sistema di aspirazione fumi è realizzato con due ventilatori adatti per una temperatura fumi fino a 400 gradi.
Necessitano di alimentazione 400V trifase, ed hanno una potenza di 0,37 kW

Quindi, fermo restando che ci sarà una alimentazione "normale" in partenza direttamente da sotto il contatore, conduttura resistente al fuoco e sgancio dedicato.

Un quadro elettrico per alimentare i due ventilatori con azionamento dalla centrale di rilevazione fumi per intervento dei sensori e/o dei pulsanti manuali di allarme.
Un azionamento manuale sul posto.

Mi domando se posso realizzare l'alimentazione autonoma con un soccorritore in grado di fornirmi almeno 1 kW per un tempo di: un'ora? mezzo'ora?

Il soccorritore deve essere adatto per alimentazione di sicurezza, quindi non può essere un semplice UPS?

Il soccorritore può stare nello sesso locale, compartimentato, dove si trovano i ventilatori?

Devo prevedere uno sgancio di emergenza per l'alimentazione del soccorritore fuori dal locale ventilatori? Praticamente come un gruppo pompe di emergenza.

Chiedo scusa ma non ho mai affrontato questo tipo di problema, grazie
Avatar utente
Foto UtenteGiuliano58
389 1 4 6
Expert
Expert
 
Messaggi: 571
Iscritto il: 14 ott 2009, 10:06

2
voti

[10] Re: Evacuazione fumi

Messaggioda Foto UtenteSympler82 » 5 nov 2019, 14:18

Giuliano58 ha scritto:Mi domando se posso realizzare l'alimentazione autonoma con un soccorritore in grado di fornirmi almeno 1 kW per un tempo di: un'ora? mezzo'ora?

L'autonomia dovrebbe essere specificata nel progetto prevenzione incendi

Giuliano58 ha scritto:Il soccorritore deve essere adatto per alimentazione di sicurezza, quindi non può essere un semplice UPS?

no perché a servizio di impianti di sicurezza, deve essere certificato EN50171.

Giuliano58 ha scritto:Il soccorritore può stare nello sesso locale, compartimentato, dove si trovano i ventilatori?

in locale protetto per quanto possibile dall'incendio

Giuliano58 ha scritto:Devo prevedere uno sgancio di emergenza per l'alimentazione del soccorritore fuori dal locale ventilatori? Praticamente come un gruppo pompe di emergenza.

il comando di emergenza sì, separato, ma anche in posizione visibile dai VVF (accanto a quello di sgancio energia normale)
Avatar utente
Foto UtenteSympler82
203 1 4 5
Expert
Expert
 
Messaggi: 262
Iscritto il: 10 lug 2015, 7:38

Prossimo

Torna a Sistemi di sicurezza ed antincendio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti