Cos'è ElectroYou | Login Iscriviti

ElectroYou - la comunità dei professionisti del mondo elettrico

Ridurre tensione alternata

Elettronica lineare e digitale: didattica ed applicazioni

Moderatori: Foto UtenteDirtyDeeds, Foto Utenteg.schgor, Foto UtenteIsidoroKZ, Foto UtenteBrunoValente, Foto Utentecarloc

0
voti

[1] Ridurre tensione alternata

Messaggioda Foto Utentemaxmix69 » 15 apr 2020, 21:56

Salve a tutti.
Sono iscritto da molti anni, ma non seguo più di tanto, forse questo è il mio primo post.
Prima di scrivere ho cercato nel forum e in generale in internet, ma non ho trovato la soluzione adatta a me.
Ho un trasformatore con un primario e doppio secondario che alimenta un amplificatore di BF. Applicando al primario 230V precisi mi da sui secondari 31V. A me servirebbero invece 27V. E' una piccola differenza, lo so, ma questa leggera diminuzione mi serve per non oltrepassare i limiti di alimentazione del circuito amplificatore che purtroppo è stato progettato male di fabbrica. Parliamo di 450VA assorbiti a 230V a pieno regime. La soluzione tecnica migliore credo sia alimentare un piccolo trasformatore ausiliario da circa 40VA con un secondario da 20V da porre in serie al primario del trasformatore principale con fase invertita, ma non ho spazio.
Mi servirebbe un circuito elettronico, piccolo e che non scaldi, che mi riduca di 20V la tensione di rete. Nell'immagine lo schema di quello che ho provato e che funziona egregiamente, ma non ho spazio di attuare.

20V-min-min.jpg
Avatar utente
Foto Utentemaxmix69
80 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 173
Iscritto il: 6 lug 2013, 20:18

0
voti

[2] Re: Ridurre tensione alternata

Messaggioda Foto Utentemario_maggi » 15 apr 2020, 22:16

maxmix69,
non riesci a riavvolgere il trasformatore o ad aggiungere un po' di spire al primario?
Tutte le altre soluzioni introdurrebbero una certa distorsione.
Puoi postare una foto del trasformatore da dove si veda se c'è ancora dello spazio per aggiungere delle spire alle bobine attuali?
Ciao
Mario
Mario Maggi
https://www.evlist.it per la mobilità elettrica e filiera relativa
https://www.axu.it , inverter speciali, convertitori DC/DC, soluzioni originali per la qualità dell'energia
Innovazioni: https://www.axu.it/mm4
Avatar utente
Foto Utentemario_maggi
16,3k 3 10 12
G.Master EY
G.Master EY
 
Messaggi: 3531
Iscritto il: 21 dic 2006, 9:59
Località: Milano

0
voti

[3] Re: Ridurre tensione alternata

Messaggioda Foto Utentesetteali » 15 apr 2020, 22:30

mario_maggi ha scritto:maxmix69,
non riesci a riavvolgere il trasformatore .......


Anche per me è la soluzione migliore.
Puoi far riavvolgere il trasformatore da una ditta e lo fai con secondari a 27V.
Oppure disfi il pacco lamellare e riavvolgi i due secondari da te con le opportune spire , se stai attento puoi riutilizzare il solito filo.
Mentre disfi il primo secondario conti le spire che ha ed avrai così il rapporto Vper spira.
Alex

<< vedi di pigliare arditamente in mano,
il dizionario che ti suona in bocca,
se non altro è schietto e paesano.
(Giuseppe Giusti) <<
Avatar utente
Foto Utentesetteali
7.055 4 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 3707
Iscritto il: 15 dic 2013, 21:09

0
voti

[4] Re: Ridurre tensione alternata

Messaggioda Foto Utentemaxmix69 » 15 apr 2020, 22:41

Grazie per la rapida risposta. Purtroppo no, non posso modificare il trasformatore esistente. E' toroidale, ma al centro (dove passa la vite di fissaggio) ha un blocco di resina epossidica, ho paura di rompere gli avvolgimenti cercando di toglierla. In effetti facevo subito, avvolgevo una decina di spire, misuravo e calcolavo il numero esatto di spire da aggiungere. La distorsione sulla rete a 230V e di riflesso sul secondario non dovrebbe essere un grosso problema, il filtraggio dell'ampli è fatto bene e comunque non è molto sensibile ai disturbi di alimentazione. Ma un classico dimmer per lampade, per esempio, non andrebbe bene perché taglia una parte dell'onda, ma non taglia il picco massimo. In realtà elettronicamente è quello che mi serve limitare. Farlo a mò di zener in serie vuol dire dissipare in calore una quarantina di Watt (alla massima potenza) e non è il caso. Avevo pensato a qualcosa switching che mi interrompa periodicamete la 230V ad frequenza per esempio di 500Hz, solo quando supera i 210V. Non so, ci vuole qualcuno esperto, ho fatto delle simulazioni con LT SPICE, ma mi vergogno dei pessimi risultati ottenuti :lol: :lol:

P.S e' da un poco che studio, in realtà mi sono confuso, vanno bene 28V e non 27V come avevo scritto e come erroneamente ho scritto nel disegno. Comunque il concetto non cambia.
Avatar utente
Foto Utentemaxmix69
80 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 173
Iscritto il: 6 lug 2013, 20:18

0
voti

[5] Re: Ridurre tensione alternata

Messaggioda Foto Utentemaxmix69 » 15 apr 2020, 22:49

Mentre scrivevo è arrivata un'altra risposta. Non è un apparecchio che merita di avere il trasformatore riavvolto, a parte che costa meno comprarne uno adatto. Se non trovo soluzioni elettroniche lo lascio così, in realtà originale di fabbrica si rompe solo quando la tensione di rete supera il 10% che stabilisce mamma ENEL. Solo che era costruito per 220 V, non 230V, ed era stato progettato veramente tirato per il collo. Praticamente si rompe a circa 245V, con la vecchia alimentazione a 220 V non ci si arrivava, con quella nuova a 230V si può arrivare a 253V. Sono piccole differenze, ma vi assicuro che si rompe per quei pochi volt in più. E' progettato male, purtroppo.
Avatar utente
Foto Utentemaxmix69
80 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 173
Iscritto il: 6 lug 2013, 20:18

0
voti

[6] Re: Ridurre tensione alternata

Messaggioda Foto Utentesetteali » 15 apr 2020, 23:08

OK che il centro è pieno di resina, allora fai 6 od 8 fori di 6 mm di diametro stando lontano dal foro centrale e dal bordo dell'avvolgimento e con un po' di pazienza avvolgi un po' di spire attraverso questi fori.
Alex

<< vedi di pigliare arditamente in mano,
il dizionario che ti suona in bocca,
se non altro è schietto e paesano.
(Giuseppe Giusti) <<
Avatar utente
Foto Utentesetteali
7.055 4 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 3707
Iscritto il: 15 dic 2013, 21:09

0
voti

[7] Re: Ridurre tensione alternata

Messaggioda Foto Utentemaxmix69 » 15 apr 2020, 23:43

Potrebbe essere una buona idea. Domani provo, attraverso il foro esistente della vite per il fissaggio, a fare qualche spira e misuro, così calcolo quante ne servono e mi faccio una idea sulla fattibilità pratica della cosa.
Avatar utente
Foto Utentemaxmix69
80 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 173
Iscritto il: 6 lug 2013, 20:18

0
voti

[8] Re: Ridurre tensione alternata

Messaggioda Foto Utentesetteali » 15 apr 2020, 23:46

qualche spira sono poche anche per renderti conto, almeno una 30ina
Alex

<< vedi di pigliare arditamente in mano,
il dizionario che ti suona in bocca,
se non altro è schietto e paesano.
(Giuseppe Giusti) <<
Avatar utente
Foto Utentesetteali
7.055 4 5 7
Master
Master
 
Messaggi: 3707
Iscritto il: 15 dic 2013, 21:09

0
voti

[9] Re: Ridurre tensione alternata

Messaggioda Foto UtenteKagliostro » 16 apr 2020, 0:11

Se non fosse per la potenza assorbita, si poteva pensare ad usare degli zener sull'ingresso dell'alimentatore interno collegato al secondario del trasformatore, ma con la corrente che citi ....

Dimmer per alimentare il trasformatore ... direi assolutamente di no

Forse, forse, un paio di grossi resistori in serie al primario, ma poi il calore dove lo disperdi ?

(Un amico ci ha portato la 220 V a 110 V sul circuito (mi pare un equalizzatore) di un paio di casse della Bose, ed ancora a distanza di anni funziona, solo che lì l'assorbimento non era poi molto)

K
Avatar utente
Foto UtenteKagliostro
3.354 4 5 7
Expert EY
Expert EY
 
Messaggi: 2277
Iscritto il: 19 set 2012, 11:32

0
voti

[10] Re: Ridurre tensione alternata

Messaggioda Foto Utentemaxmix69 » 16 apr 2020, 0:16

Con i resistori la caduta varia in base all'assorbimento, con gli zener la caduta è pressoché fissa, ma sempre una quarantina di Watt dovrei dissipare alla massima potenza e se leggi avevo già scartato l'idea. Domani provo a fare qualche spira, quelle che riesco a fare entrare nel foro esistente, misuro e calcolo quante ne occorrono. Se non esce un numero improponibile tento la strada dei vari fori nella resina epossidica come consigliato. Buonanotte.
Avatar utente
Foto Utentemaxmix69
80 1 5
Frequentatore
Frequentatore
 
Messaggi: 173
Iscritto il: 6 lug 2013, 20:18

Prossimo

Torna a Elettronica generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot], Google Adsense [Bot] e 38 ospiti